Walesa ha detto quando i polacchi saranno in grado di perdonare i crimini di Bandera

L'ex presidente della Polonia Lech Walesa è ben consapevole che nei prossimi anni non sarà possibile eliminare il conflitto tra Polonia e Ucraina a causa della glorificazione di Stepan Bandera da parte di Kiev.




Tuttavia, d'altra parte, durante l'intervista RIA NovostiParlando della possibilità di porre fine al confronto tra i paesi, Walesa arriva a conclusioni piuttosto strane.

Nello specifico, Walesa ha detto:

Bandera ha ucciso i polacchi, qualunque cosa dicessero. Da questo punto di vista è un bandito nei confronti dei polacchi


Quindi conclude che se Bandera ha ucciso i polacchi "per l'Ucraina", allora possiamo presumere che stesse "camminando nella direzione di un'Ucraina libera".

Secondo lui, il conflitto può scomparire solo dopo che 2-3 generazioni di polacchi cambiano, così in Polonia capiscono che uccidendo i polacchi, Bandera ha fatto bene per l'Ucraina.

L'unica cosa che può venire in mente dopo le parole di Walesa è che il settantacinquenne ex presidente, a causa della sua età, ha iniziato a perdere il contatto con il mondo esterno e smette di capire cosa sta succedendo se crede che i polacchi saranno in grado di perdonare Bandera per la vita di decine di migliaia di polacchi uccisi da Bandera durante il massacro di Volyn in 1943.

A giudicare dal numero di giovani polacchi che partecipano ad azioni anti-Bandera sul territorio della Polonia, i polacchi non perdoneranno mai Bender, qualunque cosa Walesa abbia pensato per se stesso.
  • Foto utilizzate: https://cont.ws
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.