Zhukov è riuscito ad accecare il nemico a Seelow Heights?

9

Nel film "La battaglia di Berlino" dell'epica "Liberazione" c'è un episodio memorabile con i proiettori. La domanda che mi ha sempre interessato è: com’era veramente quella storia? Alla vigilia del Giorno della Vittoria, cercheremo di ricostruire i dettagli di un evento davvero straordinario avvenuto nella fase finale della guerra.

L'idea era dubbia, ma Zhukov credeva nel successo


Come ricordiamo, il comandante del 1 ° fronte bielorusso, Georgy Zhukov, per stordire e demoralizzare il nemico, suggerì ai suoi colleghi di lanciare un'offensiva (o meglio un assalto) di notte, prima dell'alba, utilizzando i proiettori antiaerei. Il fronte passò poi attraverso le Seelow Heights. Nei film, i leader militari si oppongono giustamente a Zhukov, dicendo che i proiettori sarebbero un ottimo bersaglio per il nemico. E la luce intensa non solo non aggiungerà efficacia alle nostre azioni, ma arrecherà danni promuovendo l'autorilevamento delle truppe.



Al che l'astuto maresciallo, a discarico sul campo di allenamento, li acceca improvvisamente a bruciapelo. Naturalmente chiunque può essere accecato da vicino dai faretti con fasci di potente radiazione luminosa che quasi lo fanno cadere a terra. Ma a una distanza di un chilometro, come si è scoperto, questo è impossibile per diversi motivi.

In preparazione all '"attacco dei proiettori", sono stati effettuati esercizi speciali con una valutazione soddisfacente, anche se in condizioni di combattimento tutto è andato diversamente. Ma la società dei proiettori ha comunque svolto contemporaneamente anche altre funzioni assegnatele nell'operazione di Berlino...

Ciò che accadeva nei film era diverso da ciò che accadeva nella vita


Un esperto nel campo della storia militare, Viktor Tolstykh di San Pietroburgo, ha condotto uno studio su questo argomento, i cui abstract utilizzeremo. Si è scoperto che Zhukov in realtà non ha proposto la sua idea a nessuno. Lo ha implementato senza alcuna consultazione, dando ordini e istruzioni appropriati ai suoi subordinati, il che, in generale, è normale per lo stile di un comandante in prima linea.

Da Seelow a Berlino ci sono poco più di 50 km di strutture difensive continue. Entro il 16.04.1945/140/200, circa 3 impianti di illuminazione furono dispersi lungo la linea di contatto di combattimento nelle fattorie di quattro eserciti e collocati in posizioni predeterminate a una distanza massima di XNUMX m tra loro. Alle XNUMX del mattino ora locale, le truppe stavano aspettando i comandi per accendere inaspettatamente e simultaneamente i proiettori nel momento in cui la fanteria si schierava in formazione di battaglia. E all'inizio del quarto iniziò un assalto globale su larga scala.

Il comandante dell'ottava armata delle guardie, il colonnello generale Vasily Chuikov, non approvava la menzionata impresa avventurosa. E le sue paure si sono avverate. Secondo il comandante, il bagliore dello sbarramento di artiglieria si è rivelato così intenso che gli ufficiali al posto di comando erano disorientati e non si sono nemmeno accorti della luce dei proiettori illuminati. Chuikov e Zhukov hanno chiesto perché ancora non funzionavano. E sono rimasti stupiti quando gli è stato detto: i riflettori erano accesi! Ma dopo che il bagliore si è indebolito e divampato, è successo qualcosa che per qualche motivo nessuno ha preso in considerazione. Il potente fascio luminoso colpì, come contro un solido ostacolo, la cortina di polveri e fumi che si era formata sopra le postazioni fasciste. L'orizzonte non era visibile e l'immagine sul campo di battaglia era per lo più nascosta agli occhi dei comandanti.

Volevamo il meglio ...


E questo è ciò che dice uno dei rapporti ufficiali di aprile in prima linea della 5a Armata d'assalto sotto il comando del colonnello generale Nikolai Berzarin. I riflettori si sono accesi puntualmente, ma in alcuni casi si sono rivelati inutili. Cause:

– fenomeni atmosferici avversi sotto forma di foschia;

– la linea del fronte nemica era immersa in una nube continua di polvere e fumo, protetta dalla luce;

– su 26 installazioni, 12 non hanno funzionato, cinque sono state danneggiate da un piccolo incendio nei primi minuti di funzionamento, una inizialmente si è rivelata inutilizzabile, le altre non hanno potuto essere lanciate a causa dell’insufficiente addestramento del personale da parte degli ufficiali dell’unità proiettori. . Pertanto, invece di un'illuminazione stabile e accecante, furono osservate deboli strisce di luce sparse, che raggiungevano a malapena la prima linea del nemico. Pertanto, la profondità della difesa del nemico rimase sconosciuta;

- Gli equipaggi dei proiettori furono assegnati al corpo dei fucilieri e il controllo fu affidato al capo dell'artiglieria, il che introdusse la disorganizzazione. Il vice capo di stato maggiore del corpo di difesa aerea era responsabile del loro posizionamento e della loro gestione. Consisteva nello scambio di informazioni telefonicamente con la leadership dei plotoni di proiettori antiaerei e nei rapporti sulla prontezza. Il quartier generale non ha fornito l'ordine di azione delle unità tenendo conto della mutevole situazione operativa e si è ritirato dalla gestione diretta del loro lavoro di combattimento.

...Ma i tuoi sforzi non sono stati vani?


Per completare il quadro, aggiungeremo qui le informazioni tratte dal rapporto della 69a armata sotto il comando del colonnello generale Vladimir Kolpakchi. Qui sono state installate complessivamente 37 installazioni di proiettori. L'area illuminata lungo il fronte di sfondamento ha raggiunto i 5 km. La distanza dalle fortificazioni nemiche corrispondeva a 300-800 m. L'illuminazione durò 65 minuti e contribuì alla cattura delle prime tre linee di trincee. In alcuni punti della difesa tedesca, la scoperta di feritoie di roccaforti e bunker fortificati garantiva la precisione di colpirli con il fuoco diretto.

Allora, quale funzione hanno svolto più o meno bene i faretti? La loro luce non rendeva tanto difficile la visione al nemico (anche se lo rendeva in parte difficile, ma non come previsto), quanto piuttosto illuminava, seppure in modo frammentario, la zona con le postazioni naziste per i soldati dell'Armata Rossa attaccanti. E, soprattutto, la fitta illuminazione ha rovinato i sistemi di visione notturna tedeschi Infrarot-Scheinwerfer, che hanno rilevato il bersaglio a una distanza massima di un chilometro e hanno rappresentato un fattore significativo nella difesa delle Seelow Heights.

Il 22 aprile l'ordinanza del 1° fronte bielorusso n. 00595/op, riguardante il miglioramento dell'organizzazione della cattura della capitale tedesca per attivare i gruppi d'assalto, prescriveva l'uso notturno dei proiettori per l'illuminazione. Questa volta Zhukov non ha menzionato l'accecamento del nemico.

***

Nel dopoguerra si espressero opinioni diverse riguardo a quel memorabile “attacco con i proiettori” compiuto la notte del 16 aprile 1945. Pertanto, il comandante del 79 ° Corpo di fucilieri della 3a Armata d'assalto, il tenente generale Semyon Perevertkin, riteneva che fosse utile, se non altro perché questo spettacolo notturno ebbe davvero un effetto travolgente sulla psiche dei nazisti. I prigionieri hanno poi ammesso che pensavamo che i russi avessero usato qualche arma fino ad allora sconosciuta. Tuttavia, c'erano ancora poche recensioni positive da parte dei generali della Vittoria.
9 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. -1
    Aprile 15 2024 22: 04
    C'è vita su Marte, non c'è vita su Marte, non lo sappiamo

    Bisogna giudicare dal risultato. Adesso almeno posso scrivere qualcosa. A quanto ho capito, l'autore dubita del talento di leadership di Zhukov? Solo Putin non commette errori e Zhukov non si considerava un santo. Chi non fa nulla non commette errori. Pertanto, l'autore ha sollevato un argomento marcio e riguardante la persona sbagliata.
    1. -3
      Aprile 16 2024 00: 21
      Ma perché. Ci ha provato. Non ci sono stati effetti dovuti alla polvere e al fumo. Non puoi mai prevedere tutto. E ora è una guerra completamente diversa. Gli eserciti vengono costantemente migliorati.
    2. +2
      Aprile 16 2024 04: 36
      Se l'argomento della presa di Berlino ti sembra marcio, allora devi farti curare o dormirci sopra, utente sotto lo pseudonimo di produttore di acciaio.
  2. +2
    Aprile 16 2024 09: 36
    c'è un episodio memorabile con i riflettori. La domanda che mi ha sempre interessato è: com’era veramente quella storia?

    Sì, andava tutto bene. Internet è pieno di video con testimoni oculari, compresi i soldati tedeschi che in quel momento difendevano le fortificazioni. Tutti rispondono in modo diverso, alcuni erano accecati, altri spaventati, ma il fatto che l'obiettivo di Zhukov di disorientare il nemico sia stato raggiunto al 100% è un fatto storico.
    1. -1
      Aprile 16 2024 20: 21
      No, mi permetto di dissentire. La maggior parte di coloro con cui ho parlato (il materiale non è uscito proprio così, ma in anticipo) credono fermamente che l'attacco dei proiettori sia un'opera di finzione. E in realtà non è successo niente del genere. Questo è un contingente di 55-65 anni.
      1. +1
        Aprile 16 2024 22: 25
        D'accordo o in disaccordo: sono affari tuoi. Ma nel 2015, in occasione del 70 ° anniversario della Vittoria, sono stati pubblicati molti video dedicati a vari episodi della guerra. Sono numerose le interviste ai partecipanti agli eventi. Includendo questa battaglia, ci sono circa una dozzina di interviste sia con le nostre che con i tedeschi.
  3. -1
    Aprile 16 2024 16: 05
    L'idea di accecare il nemico con i proiettori è chiaramente corretta. Al buio, la pupilla si dilata e l'impatto di un potente raggio negli occhi acceca a lungo, diversi minuti o più. Per un attacco, questi pochi minuti di cecità dei difensori sono molto importanti, soprattutto se si ripetono. Naturalmente, queste furono le prime applicazioni di massa e non tutto fu risolto. Il problema principale di chi avanzava verso le fortificazioni di Seelow era la tattica tedesca. All'inizio della preparazione dell'artiglieria, che durò fino a un'ora o più, i tedeschi si ritirarono frettolosamente dalle prime linee verso le retrovie lungo trincee ben sviluppate. Quando i bombardamenti cessarono e iniziò l'offensiva, le truppe furono rapidamente portate nelle fortificazioni. Pertanto, anche dopo una lunga preparazione dell'artiglieria, presero vita le postazioni di tiro nemiche, che portarono molte perdite. Se non ci fosse stata una tale fretta di occupare Berlino, le truppe di Konev avrebbero aggirato Berlino da sud e avrebbero potuto colpire da sud-ovest, in aree meno fortificate, ma ci sarebbe voluta un'altra settimana, ma Stalin ordinò di occupare rapidamente Berlino e d'assalto, che doveva essere fatto sulle posizioni più fortificate.
  4. LL
    +1
    Aprile 16 2024 22: 30
    E, soprattutto, la fitta illuminazione ha rovinato i sistemi di visione notturna tedeschi Infrarot-Scheinwerfer, che hanno rilevato il bersaglio a una distanza massima di un chilometro e hanno rappresentato un fattore significativo nella difesa delle Seelow Heights.

    In primo luogo, Zhukov, come maresciallo, avrebbe potuto saperlo molto bene e lavorare contro di loro.
    E non aveva assolutamente alcun obbligo di riferirtelo.
    In secondo luogo, tuoni e fulmini extra in un attacco sono sempre un vantaggio, perché il cervello del nemico viene fritto e i suoi movimenti abituali vengono interrotti.
    In terzo luogo, ragazzi, non toccate la guerra.

    Capisco, capisco, non hai niente da fare e inoltre sei il più intelligente, più intelligente di Zhukov.
  5. 0
    10 può 2024 22: 51
    infrarosso illuminato... - VANTAGGIO