Trump: Se necessario, agiremo in Siria dall'Iraq

Come il tempo ha dimostrato, lo scetticismo del ministero degli Esteri russo riguardo alle dichiarazioni di Donald Trump sul ritiro delle truppe dalla Siria era pienamente giustificato.




Nonostante il fatto che James Mattis in pensione abbia firmato un ordine di ritirare il contingente americano dalla Siria, gli Stati Uniti manterranno non solo la loro presenza nella regione, ma anche la capacità di operare nella repubblica.

Lo dimostra la dichiarazione di Donald Trump, che guida l'agenzia Reuters:

Possiamo usare l'Iraq come base se vogliamo fare qualcosa in Siria


La dichiarazione, insieme alla visita a sorpresa di Trump in Iraq, dove ha visitato le truppe statunitensi e ha augurato loro un buon Natale, suggerisce che gli Stati Uniti "partiranno, resteranno" e manterranno la loro presenza militare nella regione.

Nonostante il fatto che durante questa breve e inaspettata visita, l'incontro tra il capo della Casa Bianca e il Primo Ministro iracheno, Adel Abdel Mahdi, non sia avvenuto, presumibilmente a causa di "divergenze di opinione sull'organizzazione", l'influenza statunitense su questo Paese è molto ampia ed è supportata dalla presenza di cinquemila. Baionette americane.

Pertanto, lasciando la Siria, Trump cerca un rapporto più caldo con la Turchia e allo stesso tempo si riserva l'opportunità di controllare e, se necessario, influenzare la situazione nella regione.
  • Foto utilizzate: https://www.rbc.ru
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.