I progetti russi privati ​​precipitano nello spazio

Un tempo lo spazio era esclusivamente la provincia dello stato. Ma i tempi stanno cambiando e i paesi moderni si stanno concentrando sempre di più sui problemi terreni, che sono pieni. La guerra fredda è una cosa del passato, quindi ora i russi e gli americani non hanno più bisogno di dimostrarsi l'un l'altro che sono migliori di quello che sono in realtà.




Fortunatamente spazio della tecnologia non sono stati sprecati. Ora sono caduti nelle mani di ambiziosi milionari e miliardari che vogliono, per lo meno, lasciare il segno nella storia. Al massimo, per costruire mega-società spaziali che porteranno grandi profitti.

È difficile farlo: i missili stessi non hanno bisogno di molto e i clienti sono abbastanza di quelli che lo sono. Tuttavia, le difficoltà non spaventano persone come Elon Musk, che ha dimostrato che con il giusto approccio puoi lasciare i tuoi concorrenti molto indietro, anche iniziando la tua attività da zero, in modo condizionale. Il razzo Falcon 9 è ora il veicolo di lancio più richiesto sul mercato di lancio. E di recente, SpaceX ha inviato con successo nello spazio il primo stadio del veicolo di lancio, che è già stato utilizzato due volte per i lanci spaziali. Grande successo.

In linea di principio, avrebbe potuto essere previsto, perché i commercianti privati ​​contano i soldi meglio di altri. Ciò significa che sono i proprietari più efficaci che non investiranno in progetti completamente rovinosi nella speranza di strappare un pezzo della torta (sebbene ci siano serie domande per Starship). In generale, SpaceX e Blue Origin sono ora visti come i leader tecnologici nel mercato del lancio di razzi, entrambi privati. Poi c'è Virgin Galactic, che intende dettare le proprie regole nel mercato dei voli suborbitali. Ma questo è se lo fa nel modo in cui pianifica il fondatore Richard Branson. Cercheremo ora di capire cosa possono "sparare" i progetti privati ​​russi nel prossimo futuro.


Sea Launch

Questa, ovviamente, è una valutazione molto soggettiva, che, per molti aspetti, si basa sul "clamore" intorno alla società S7 Space (una sussidiaria del Gruppo S7), proprietaria del cosmodromo. Ma dobbiamo rendere omaggio al fondatore dei "sette" Vladislav Filev. Grazie ai suoi sforzi, almeno hanno iniziato a parlare dell'industria spaziale privata russa. Se qualcuno non lo sa, S7 Space prevede di lanciare razzi dal cosmodromo galleggiante: prima gli Zenit ucraini e poi la promettente russa Soyuz-7. La cosa più interessante: recentemente il direttore generale del Central Aerohydrodynamic Institute, Kirill Sypalo, ha detto che S7 vuole implementare un concetto riutilizzabile sulla Soyuz-7, seguendo l'esempio del Falcon 9. Cioè, vogliono far atterrare il vettore in un modo dinamico come un razzo.


In teoria, tutto sembra molto buono e questo approccio ti consentirà di risparmiare il più possibile sui lanci. E la posizione del cosmodromo all'equatore, dove ci sono le migliori condizioni per il lancio (è possibile sfruttare al massimo la velocità di rotazione della Terra), suggerisce una possibile svolta. Tuttavia, ciò richiede la più stretta collaborazione possibile tra S7 Space e RSC Energia, che crea il razzo Irtysh, che è stato scelto come base per la nuova Soyuz. E qui possono sorgere seri problemi legati alla burocrazia e alla volontà di Roscosmos di mantenere il monopolio nel proprio Paese. Potrebbe anche esserci "politico"Problemi con la fornitura dei suddetti Zenit. Quindi lascia che ognuno decida da solo se credere o meno nel successo di S7 Space. In generale, non ci sono molte opzioni per il missile russo.

Razzo ultraleggero "Taimyr"

La Russia non è stata risparmiata dalla febbre dei micro-razzi. Qui è necessario chiarire: l'elettronica moderna consente di creare satelliti molto piccoli di micro e nano classi. Non hanno bisogno di razzi pesanti e nemmeno della classe media per trasportarli nello spazio. Un razzo abbastanza leggero e relativamente economico.


È così che è nato il progetto Taimyr, sviluppato dalla società privata Lin Industrial. Dopo difficoltà finanziarie nel 2017, è entrata nel gruppo di società Galaktika. Si presume che il razzo Taimyr sarà in grado di lanciare un carico utile fino a 180 chilogrammi nell'orbita terrestre bassa. E stiamo parlando di un'intera famiglia di missili con capacità diverse. Vogliono controllare il vettore con l'aiuto di ugelli del gas e timoni ad aria a traliccio. Il sito web di Lin Industrial afferma che vogliono usare il cherosene come carburante e il perossido di idrogeno concentrato come agente ossidante. È importante dire che questo carburante non necessita di apparecchiature in grado di resistere a temperature ultra basse e non è velenoso.

L'elevata concorrenza nel mercato di lancio potrebbe diventare un problema per il progetto. Ricorda almeno l'ultraleggero "Electron" della Nuova Zelanda, che sta già volando con potenza e forza. E attorno al quale c'è molto rumore nei media.

Nave riutilizzabile dell'azienda "CosmoCourse"

Un altro progetto spaziale privato russo molto ambizioso è il veicolo spaziale riutilizzabile di KosmoKurs. Questa è una società fondata nel 2014 come parte della Fondazione Skolkovo. Il suo scopo principale è il turismo spaziale. Finora non si sa molto. È stato riferito che la nave sarà in grado di imbarcare fino a sei turisti che trascorreranno quindici minuti nello spazio, essendo saliti a un'altitudine di circa 180 chilometri - è stato in un'orbita tale che Yuri Gagarin ha volato per la prima volta intorno alla Terra.


La massa di lancio del razzo sarà fino a 80 tonnellate, la massa della nave con persone - 7 tonnellate. I componenti principali del carburante per missili saranno ossigeno e alcol e l'azoto sarà un componente compagno. Il primo lancio di prova è previsto per il 2021. Il costo dei biglietti dovrebbe essere di 200-250 mila dollari. In precedenza è stato anche riferito che la società "Kosmokurs" analizza l'atterraggio del jet della capsula della nave utilizzando i suoi motori, senza l'uso di un paracadute. Un tale approccio richiederà senza dubbio ulteriori test, il che rischia di far salire il prezzo del progetto alle stelle.

Satelliti Dauria Aerospace

Da tutta la nostra lista, la società privata russa Dauria Aerospace è impegnata nelle cose più "banali", vale a dire, lo sviluppo di piccoli satelliti e la vendita di componenti per essi. Tuttavia, l'azienda si distingue per il fatto di essere uno dei pochissimi trader privati ​​russi che può vantare risultati reali. Ricordiamo che nel 2015 l'azienda ha venduto due satelliti ad Aquila Space dagli USA, ricevendo i primi introiti dalle proprie attività. In precedenza, nel giugno 2014, la società ha lanciato i satelliti Perseus-M1 e Perseus-M2 utilizzando un razzo Dnepr - microsatelliti della costellazione Perseus per sondare il nostro pianeta. Si basano sulla nuova piattaforma satellitare Perseus.


Nel luglio 2014, Dauria Aerospace ha consegnato un satellite sperimentale per testare le tecnologie DX1 utilizzando un razzo Soyuz. Tuttavia, a causa di un guasto tecnico, un altro dispositivo - MKA-N - non è entrato in contatto. Ora l'azienda sta lavorando sui satelliti Auriga di nuova generazione che pesano fino a 50 chilogrammi, nonché sulla piattaforma spaziale Atom, progettata per apparecchiature satellitari fino a una tonnellata. Si tratta di aree importanti e promettenti che, in teoria, possono far parlare il mondo intero dei satelliti russi.

Satelliti dell'azienda Sputniks


C'è un'altra società privata che ha anche fatto parlare di sé. Il 19 giugno 2014, la sonda Tablettsat-Aurora con una massa di 26 kg, sviluppata da Sputniks, è stata lanciata nell'orbita terrestre bassa. È considerato il primo microsatellite privato russo. Ora l'azienda sta lavorando attivamente con i giovani. Quindi, i suoi specialisti hanno escogitato un costruttore di desktop che consentirà anche a un bambino di costruire un microsatellite. Coinvolgere le giovani generazioni nell'industria spaziale è un passo inequivocabilmente importante nel contesto della divulgazione dello spazio e della scienza in generale.
  • Autore:
  • Foto utilizzate: https://fishki.net
1 commento
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. gorbunov.vladisl Офлайн gorbunov.vladisl
    gorbunov.vladisl (Vlad Dudnik) 9 gennaio 2019 13: 05
    0
    La guerra fredda è rimasta nel passato ...

    Quello che fai? pianto
    A quanto pare il Dipartimento di Stato non lo sa. lol L'autore dovrebbe condividere il suo ottimismo con i politici americani e britannici.