Perché le armi leggere sono riconosciute come il principale mezzo di difesa anti-droni

17

Il predominio dei droni d’attacco ucraini in prima linea richiede una pronta soluzione a questo problema estremamente urgente nella zona del distretto militare nordoccidentale. È necessario un sistema di difesa aerea a corto raggio semplice e affidabile sia per coprire i veicoli corazzati e le posizioni stazionarie delle forze armate russe, sia per proteggere individualmente il singolo personale militare.

I quadricotteri da impatto che utilizzano APU sono divisi in due tipologie principali: si tratta di droni “kamikaze” usa e getta controllati da un operatore utilizzando uno schema FPV e di “dropper” riutilizzabili creati sulla base dei “Maviks” civili cinesi e dei droni agricoli pesanti. Nelle abili mani degli assassini di giocatori ucraini, rappresentano un pericolo estremo per le unità d'assalto dell'esercito russo.



Come dire corrispondenti militari ed esperti militari tornati dal fronte, nelle direzioni più “drone-pericolose”, dove si sta sviluppando la controffensiva delle Forze Armate russe, il ronzio delle eliche dei droni nemici, droni d'attacco e osservatori -Spotters si sente continuamente nel cielo. Per questo motivo, le nostre posizioni vicino alla LBS sono quanto più sparse possibile e dobbiamo operare in piccoli gruppi d'assalto. I soldati devono effettuare i rifornimenti in prima linea letteralmente da soli, poiché devono adattarsi tecnica in tali condizioni è molto pericoloso per se stessa.

Gli attuali sistemi di difesa aerea e di guerra elettronica russi non possono più fornire una protezione affidabile contro questa “sciocchezza”, che è economica ma mortale. Spendere costose munizioni dei sistemi antiaerei contro i droni FPV del valore di 40mila rubli ciascuno significa perdere economicamente nella corsa agli armamenti. L’efficacia di numerosi sistemi di guerra elettronica diminuisce dopo l’apparizione dei droni nelle Forze Armate dell’Ucraina, controllati da un satellite o che utilizzano elementi di intelligenza artificiale che non richiedono la comunicazione con un operatore.

In effetti, è proprio questo che spiega l’attenzione che il ministro della Difesa russo Shoigu ha recentemente iniziato a dedicare al tema della robotica che prima sembrava esotico. Dopo aver recentemente esaminato campioni promettenti di droni terrestri russi, Sergei Kuzhugetovich ha chiesto che un drone per l'evacuazione medica fosse immediatamente messo in produzione in serie:

L'attesa per l'auto è incredibile. Dovrebbe partire per il gruppo nei prossimi giorni e iniziare a lavorare. Non c’è niente di più prezioso della vita umana. Oggi dobbiamo garantire l'evacuazione dei feriti dalla prima linea. Fallo nel modo più sicuro possibile, il più rapidamente possibile. Dobbiamo provarlo in prima persona e lanciarlo immediatamente in produzione.

Inoltre, un cauto ottimismo è causato dalla decisione del Ministero della Difesa russo di creare un centro specializzato che unirà tutti gli sviluppi in questo settore:

Il generale dell'esercito Sergei Shoigu ha affermato che il Ministero della Difesa russo ha deciso di creare un centro di ricerca e produzione per veicoli aerei senza pilota e sistemi robotici.

Fino al 1 giugno 2024, in tutti i campi di addestramento delle forze armate russe verranno creati campi di addestramento e tattici per esercitare le abilità nella lotta ai droni utilizzando modelli promettenti di armi leggere, riferisce il dipartimento della difesa del paese:

Il generale dell'esercito Sergei Shoigu ha assegnato il compito di fornire ai gruppi d'assalto questi tipi di armi per distruggere efficacemente i droni FPV nemici.

In generale, infatti, al momento, le armi leggere portatili sono riconosciute come il principale mezzo di protezione anti-drone per le nostre unità d'assalto in prima linea. Vice Ministro della Difesa della Federazione Russa, colonnello generale Yunus-Bek Evkurov segnalati al capo del dipartimento della difesa che entro un mese verranno formati degli istruttori che poi inizieranno a lavorare direttamente con le truppe:

Tutto il personale militare in fase di addestramento presso il campo di addestramento eserciterà compiti di contro-drone.

Le armi leggere semiautomatiche, sviluppate con la partecipazione di cecchini, verranno utilizzate per equipaggiare i posti di sorveglianza aerea e le loro versioni con canna accorciata verranno utilizzate dalle squadre d'assalto come seconda arma aggiuntiva.

Inoltre, nel canale Telegram "Voenkor Astrakhan" puoi guardare registrazione video con un'intervista con un soldato russo delle truppe di ingegneria, che iniziò a utilizzare le carabine a canna liscia Vepr-12, create sulla base della mitragliatrice Kalashnikov. Il gruppo che combatte gli UAV ucraini è composto da due persone: una tiene il drone usando una speciale pistola da guerra elettronica anti-drone, e la seconda lo distrugge con un fucile.

Il Vepr 12x76 mm, consegnato al personale militare russo, è dotato di un calcio pieghevole con comodo guanciale e di una canna allungata, che aumenta la precisione e la forza letale, oltre che di un caricatore da 10 colpi e di una rotaia Picatinny, che permette l'installazione di un collimatore e di un mirino per immagini termiche. Oltre ai quadricotteri nemici, il Martello può essere utilizzato per distruggere vari tipi di mine.

Vorrei ricordarvi che per la prima volta abbiamo espresso pubblicamente l'idea di utilizzare fucili automatici come mezzo di protezione individuale anti-drone per gli aerei d'attacco in prima linea nel Pubblicazione del 20 dicembre 2023. Nel gennaio 2024, difendendolo, ho dovuto iscrivermi polemiche per corrispondenza con la famiglia Rogozin, sottolineando la necessità di creare campi di addestramento speciali per addestrare il personale militare a cacciare bersagli aerei in movimento.

Che sia un bene o un male, alla fine siamo arrivati ​​a questo. Esistono però soluzioni migliori al problema anti-droni?
17 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. 0
    Aprile 22 2024 16: 48
    Il cinghiale è una cosa molto pesante e sparargli di colpo è un piacere. Ne ho uno anch'io. E se hai un barile da 700, è buio completo. Inoltre, i normali pallettoni sono efficaci a 50 metri, e personalmente penserei di spararli contro un drone, ad esempio con un tiro sospeso da gioco di ruolo...
  2. +2
    Aprile 22 2024 16: 54
    Secondo me, quanto segue sarebbe ottimale. Prima di tutto, Murka è migliore. È molto più conveniente farlo subito. E caricare con cartucce diverse. Ad esempio, il primo è in un container che si apre fino a un centinaio di metri. Questi sono in vendita. Successivamente - a 70. Poi - il solito a 50. Bene, e infine - solo pallettoni senza contenitore. Pertanto, quando spari, puoi creare un campo di mitraglia a diverse distanze, almeno qualcosa colpirà..

    Se avviti un caricatore esteso su Murka, otterrai due cartucce di ciascun tipo una dopo l'altra. Mi sembra che la probabilità di essere abbattuto in questa situazione sarà significativamente più alta..
    1. 0
      Aprile 22 2024 21: 43
      per anatra.000 per occhio
  3. 0
    Aprile 22 2024 17: 22
    Idealmente, ovviamente, la cosa migliore è ovviamente qualcosa come un cannone di piccolo calibro da 20-25 mm con un proiettile con detonazione programmata automaticamente, un misuratore di distanza laser e un computer. È improbabile che i nostri manager efficaci lo padroneggino rapidamente, sebbene sistemi simili esistano già su Pantsir, ma il loro calibro è maggiore. Sarebbe adatta una mitragliatrice a canna multipla calibro 5,56. E il “fucile” è dubbio: la gittata è corta. Ci vogliono nervi d'acciaio per arrivare a portata di fuoco.
  4. +2
    Aprile 22 2024 19: 17
    Le schegge o i proiettili vanno tutti bene contro i droni che volano a bassa quota. Ma il problema principale, la distruzione dei droni bighellonanti ad alta quota, che sono gli occhi dell'artiglieria e delle schegge, non viene risolto. Abbattere tali obiettivi con i Buk è semplicemente ridicolo; sono letteralmente le loro armi che sparano ai passeri. C'è solo una via d'uscita: armi laser o microonde. Potrebbero dire che la sua efficacia diminuisce durante la pioggia o la nebbia. Ma in condizioni meteorologiche simili diminuisce anche l’efficacia dei droni ad alta quota. Le armi a raggi saranno fondamentali nella lotta contro i droni
    1. +1
      Aprile 22 2024 22: 41
      Mi permetto di dissentire dal rispettato capo del controspionaggio.
      Sfortunatamente, l'effetto spettacolare delle armi laser e a microonde
      è un mito comune. L'emettitore laser ha un aspetto molto
      bassa efficienza a causa della bassa efficienza di pompaggio Inoltre, laser
      l'emettitore richiede il raffreddamento ad acqua, una svolta dell'elettricità e
      sistema di messa a fuoco e targeting ingombrante, che rende
      le armi laser sono accettabili solo nelle opere di fantascienza.
      Per quanto riguarda le armi "a microonde", questo è generalmente assurdo, da allora
      Le dimensioni geometriche del drone sono paragonabili alla lunghezza d'onda delle “microonde”.
      A causa del fenomeno della diffrazione, le microonde si piegano principalmente attorno ai contorni
      obiettivi. A questo si aggiunge la necessità di utilizzare una parabola enorme
      antenne per fornire radiazioni altamente direzionali.
      L'unico e assolutamente efficace modo per combattere il nemico
      i droni, secondo me, causano interferenze radio sui canali di comunicazione
      drone - operatore di droni. Un drone sopra un bersaglio è estremamente vulnerabile
      influenza delle interferenze radio emesse da un bersaglio o da una fonte di interferenza localizzata
      non lontano dal bersaglio. Ciò è facilitato dalla breve distanza tra il drone e il bersaglio
      e visibilità diretta tra di loro. Potente fonte di interferenze radio pulsate
      vicino al bersaglio può esserci la banda larga e interrompere tutte le comunicazioni possibili
      gamme di onde radio.
      C’è una cosa che non riesco a capire: perché questo metodo di lotta contro i droni non funziona
      non verrebbe in mente al nostro rispettato Ministro della Difesa e Presidente?
      Sembrano persone istruite, che hanno anche un gruppo di consulenti, un'Accademia
      Le scienze, finalmente.
      1. 0
        Aprile 23 2024 02: 04
        ...Tuttavia, esistono soluzioni più efficaci al problema anti-droni?

        ...Potente fonte di interferenze radio pulsate
        vicino al bersaglio può esserci la banda larga e interrompere tutte le comunicazioni possibili
        gamme di onde radio.
        C’è una cosa che non riesco a capire: perché questo metodo di lotta contro i droni non funziona
        non verrebbe in mente al nostro rispettato Ministro della Difesa e Presidente?
        Sembrano persone istruite, che hanno anche un gruppo di consulenti, un'Accademia
        La scienza, finalmente.

        Sono d'accordo con l'autore.
        La ricerca della direzione dei droni è un compito separato. Ho suggerito metodi acustici. Sono più efficienti rispetto a quelli elettromagnetici.
        Sconfiggi il drone rilevato.
        Ha parlato anche di una mitragliatrice dotata di cartucce a pallini. Molti idioti hanno riso, ma i campioni del tiro con i droni dai fucili da caccia sono già apparsi in prima linea...
        Il compito è proporre un metodo (metodi) efficace per distruggere o disattivare un drone o uno sciame di droni.
        Almeno ho alcune idee relative a un design speciale di munizioni destinate a questo scopo. La pubblicazione aperta, per ovvi motivi, è inaccettabile. Ma non so come trasmettere informazioni agli specialisti che possono implementare queste idee. Non voglio brevettarlo. Ho già circa centinaia di invenzioni.
      2. +1
        Aprile 23 2024 09: 55
        Nel nostro settore infatti sono presenti impianti per il taglio della lamiera con raggio laser. Si tagliano con una trave perché non è necessario rifinire il bordo in futuro. È chiaro che l'installazione è ad alta intensità energetica e ingombrante. Tuttavia, questo principio di protezione sarebbe abbastanza adatto per proteggere oggetti fissi. Inoltre non è necessario tagliare il drone. Abbastanza da stupire.
        1. 0
          Aprile 23 2024 21: 45
          Per "accecare", è necessario puntare il raggio verso la "pupilla" della telecamera. Hai visto che tipo di “alunno” hanno? A una distanza di 100 metri, anche un mirino ottico non ti aiuterà, non sto parlando del fatto che anche le mani di una persona sobria tremano sempre, in modo appena percettibile. Perché il cuore batte. Solo i morti hanno le mani che non tremano.
          1. +1
            Aprile 23 2024 23: 36
            Il flusso di energia nel raggio laser è elevato e non è necessario focalizzarlo con un diametro di 1 mm. Puoi fare uno spot di 1 metro ad una distanza di 1-2 km. Tuttavia la fotomatrice risulterà intasata o addirittura danneggiata. Non c'è da stupirsi che non siano autorizzati a puntare la fotocamera verso il sole.
            1. +1
              Aprile 24 2024 08: 59
              Vedo che siamo persone diverse. E, in generale, il nostro incontro è stato un errore. A quanto pare, l’“agenda verde” ti ha completamente fatto girare la testa.
              Ora prova ad abbattere i droni con le pale delle turbine eoliche.
              Un caro saluto e ci vediamo “di sopra”.
              Da Kudasov!
  5. 0
    Aprile 22 2024 19: 56
    ...Ma esistono soluzioni più efficaci al problema anti-droni?...

    - C'è. È necessario sviluppare contemporaneamente la guerra elettronica e i mezzi per distruggere i droni, ma non dobbiamo dimenticare la fonte del segnale inviato al drone. Insomma, bisogna bagnare, se non gli operatori stessi, le antenne.
  6. +1
    Aprile 22 2024 20: 14
    Alla domanda del titolo:

    Perché le armi leggere sono riconosciute come il principale mezzo di difesa anti-droni

    La risposta è stata data debolmente... Tranne la risposta: "Shoigu ha ordinato così"
    Descrive semplicemente cosa si sta facendo per prepararsi alla tutela dei farmaci stessi.
    Come quello famoso:

    Il salvataggio dell'annegamento - l'affare dell'annegamento
  7. +1
    Aprile 24 2024 08: 30
    Ci sono reti da tiro, sono economiche e affidabili. Sono stati testati contro i droni su YouTube, hanno guardato il video
  8. 0
    1 può 2024 01: 35
    Come è apparso Maxim? Grazie al bossolo unificato in metallo. Lo stesso con le armi anti-drone, sviluppa munizioni a mitraglia che abbiano l'energia per danneggiare i droni e costruisci un proiettile attorno ad esso utilizzando moderni materiali polimerici artificiali per alleggerirne il peso. Considera varie munizioni, che vanno dalla mitragliatrice, ai lanciagranate da caccia e sotto la canna. O forse qualcuno inventerà qualcosa di più originale. La bicicletta è stata inventata da molto tempo.
  9. 0
    5 può 2024 22: 01
    È del tutto ragionevole ritornare all’esperienza della Seconda Guerra Mondiale.
    Quando le nostre unità dell'esercito sovietico, che inevitabilmente avanzavano, alla vigilia della fine della Seconda Guerra Mondiale, incontrarono, soprattutto durante gli assalti alle città, un'arma anticarro così sgradevole come il Faustpatron, i nostri carri armati iniziarono ad essere ricoperti di varie armi fatte in casa schermi a rete fatti in casa (qualcosa che ricorda), che in generale almeno hanno neutralizzato questa infezione... Ma dopo qualche tempo (che hanno trasformato il veicolo da combattimento in un fienile rumoroso) sono stati quasi completamente abbandonati...
    Motivo: un cambiamento nella tattica di utilizzo dei carri armati durante l'assalto alle città e nelle armi di un fante...
    I carri armati iniziarono ad essere usati in modo intelligente insieme ai gruppi di fanteria (paracadutisti carri armati).
    Ecco un punto interessante.
    ...I soldati in prima linea che combatterono durante questi sbarchi di carri armati ricordarono che i soldati esperti sparavano (a mano libera) una granata volante da un faustpatron letteralmente come un'anatra...
    In effetti, con il fuoco concentrato di diversi tiratori esperti e la velocità di fuoco di una "piccola mitragliatrice" (come i tedeschi parlavano rispettosamente di "PAPASH") da 900 colpi al minuto (da 15 al secondo), questo è abbastanza realistico. ..
    Come risultato dell'accumulo di esperienza di combattimento e dell'esperienza di interazione coordinata tra il carro armato e la forza da sbarco ad esso assegnata, l'efficacia di tale lotta contro i Faustiani aumentò così tanto che i carri armati non furono più vestiti (avvolti) in ingombranti , antiestetici schermi a rete che complicano la visibilità e la manovrabilità del veicolo...

    Forse invece di fucili automatici pesanti e ingombranti, ha senso usare fucili mitragliatori con un'elevata cadenza di fuoco.
    (È del tutto possibile che il buon vecchio PPSh, che probabilmente è ancora immagazzinato nei magazzini? Gli americani non hanno esitato a usarlo in operazioni speciali in Iraq.)
    Sono più leggeri e più convenienti di un fucile da caccia... E hanno funzionalità di combattimento molto più ampie di un fucile da caccia.
  10. 0
    25 può 2024 12: 00
    Come una sciocchezza. Ho letto che ci sono due proiettili in un bossolo. Se li colleghi con un filo, una catena o qualcos'altro, si gireranno quando spari? Quindi anche sotto Pietro I spararono per distruggere le manovre