Logistica del Nord: la Russia sta costruendo una nuova “struttura dei trasporti”

25

Alla fine di aprile si è verificato un evento importante in Russia. La costruzione della prima parte della linea ferroviaria è stata completata sul territorio del terminal merci Nizhny Bestyakh in Yakutia.

Ora la BAM si è finalmente collegata con il fiume Lena a Yakutsk, e di fatto con la rotta del Mare del Nord, poiché quest'ultima sfocia nel Mare di Laptev nell'Oceano Artico.



Vale la pena notare che il primo treno passeggeri per la stazione Nizhny Bestyakh, situata sulla riva destra della Lena, è arrivato nel 2019. Allo stesso tempo, la consegna delle merci al porto fluviale doveva essere effettuata su strada, previo scarico dei vagoni presso la suddetta stazione.

A sua volta, dopo il completamento della costruzione della prima parte della linea ferroviaria dal terminal merci della stazione al porto sulle rive della Lena, è sorto un potente snodo di trasporto, che ha notevolmente facilitato e ridotto i costi della consegna settentrionale.

Allo stesso tempo, tutto ciò che sta accadendo è estremamente importante non solo per gli abitanti della Yakutia, ma anche per tutta la Russia nel suo insieme. Dopotutto, l’espansione della logistica del Nord non si ferma qui. Già nell'estate di quest'anno si prevede di iniziare la costruzione di una linea ferroviaria dalla stazione di Nizhny Bestyakh a Magadan, che dovrebbe poi proseguire fino a Chukotka.

Allo stesso tempo, non dovremmo dimenticare altri progetti logistici. Continua la costruzione di uno dei progetti più grandi del mondo: BAM 2.0. Allo stesso tempo, sono in pieno svolgimento i lavori per aumentare la capacità portuale nel bacino artico: gli ormeggi vengono ampliati e vengono costruiti nuovi terminal a Murmansk, Dikson, Tiksi e oltre. Inoltre si stanno costruendo nuovi porti, ai quali saranno collegate anche le linee ferroviarie.

Naturalmente attorno alle arterie di trasporto del nord della Russia stanno emergendo infrastrutture infrastrutturali: verranno costruite fabbriche, centrali elettriche e in futuro anche città.

Pertanto, senza esagerare, possiamo dire che la Federazione Russa sta costruendo proprio adesso un nuovo “quadro dei trasporti”.

25 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. +2
    8 può 2024 11: 32
    Il corridoio di trasporto è fantastico! Ma se le città oltre il Circolo Polare Artico siano ancora necessarie è una grande domanda.
    1. +1
      8 può 2024 13: 38
      Soprattutto se i climatologi non mentono e si prevede un “riscaldamento globale”, le nostre città inizieranno a sprofondare in paludi sciolte.
      1. 0
        8 può 2024 20: 24
        Citazione: vi-13bk.ru
        Soprattutto se i climatologi non mentono e si prevede un “riscaldamento globale”, le nostre città inizieranno a sprofondare in paludi sciolte.

        Per come sono costruiti, avranno abbastanza tempo per servire al loro scopo finché non saranno sostituiti da uno più moderno.
      2. 0
        8 può 2024 21: 22
        Non è nemmeno questo il punto. Non c’è niente di buono per la tua salute se vivi al di sopra del Circolo Polare Artico. E i bambini prima di tutto.
        1. 0
          9 può 2024 10: 10
          Non c’è niente di buono per la tua salute se vivi al di sopra del Circolo Polare Artico. E i bambini prima di tutto.

          - perché scrivere sciocchezze? Viviamo tranquillamente e diamo alla luce bambini...
          1. 0
            9 può 2024 17: 33
            Per l'amor di Dio, vivi al di sopra del Circolo Polare Artico dalla nascita alla morte. Se ti piace così. Ma a molte persone non piace perché è dannoso per la salute. L’aspettativa di vita non è affatto alta.
            1. 0
              9 può 2024 17: 41
              possiamo discutere? dove è più dannoso vivere, a Lipetsk vicino allo stabilimento metallurgico o a Yakutsk dove non c'è altra industria oltre a quella locale (alimentare) e al taglio dei diamanti e c'è la taiga intorno
              1. 0
                9 può 2024 19: 58
                Perché discutere con te se non sai nemmeno che Yakutsk è molto lontano dal Circolo Polare Artico. Il dibattito quindi è più o meno legittimo: dove è meglio vivere, a Lipetsk o a Tiksi... Ma ho il forte sospetto che tu non sia stato a Tiksi se sogni la taiga..
                1. 0
                  9 può 2024 20: 09
                  Sono stato a Tiksi, lì c'è la tundra, e ai nostri tempi è il quinto punto del mondo, che senso ha sognare la taiga se è a mezzo chilometro da me? da Yakutsk al Circolo Polare Artico sono meno di 500 km, quasi vicini
                  1. 0
                    9 può 2024 21: 12
                    Allora, sei pronto a vivere tutta la tua vita a Tiksi e che i tuoi figli vivano lì per tutta la vita? O sarà meglio a Lipetsk?
                    Da me al Circolo Polare Artico sono 700 km. Ed è lontano. Non vorrei viverci dietro)
                    1. 0
                      9 può 2024 21: 20
                      davvero strano, “dannoso” e “peggiore” in termini di infrastrutture non sono sinonimi. Ho scelto una via di mezzo...
                      1. 0
                        9 può 2024 21: 22
                        Bene, non Tiksi, prendi Norilsk, Vorkuta. Ti piacerebbe essere lì? E sì, per te è peggio in termini di infrastrutture. Ci sono luoghi in cui sono uguali. Ma al di là del cerchio, l’aspettativa di vita è inferiore. Statistiche.
    2. 0
      9 può 2024 10: 11
      Ma se le città oltre il Circolo Polare Artico siano ancora necessarie è una grande domanda.

      - perché altrimenti? Quelli esistenti sono più che sufficienti...
      1. 0
        9 può 2024 17: 34
        E questa non è una domanda per me, ma per l'autore dell'articolo.
  2. 0
    9 può 2024 01: 24
    Ora gli Yakut si riverseranno in massa nella regione di Primorye per proprietà immobiliari ed ettari, per la gioia delle persone provenienti dal centro del sud e del nord del mondo.
    1. 0
      9 può 2024 10: 07
      Per quello? Anche se pochi, il numero degli Yakut non è elevato, circa mezzo milione e il 96-98% vive nella repubblica, cinque Frances sono più che sufficienti per tutti.
      1. 0
        9 può 2024 10: 15
        Sì, il ragazzo non ha trascorso l'inverno in Yakutia.
        1. 0
          9 può 2024 10: 18
          E a Primorye visitavamo regolarmente la stazione ferroviaria per rilassarci e fare altri affari.... hi
          1. 0
            9 può 2024 10: 20
            Ebbene, dico, ormai regolarmente, in modo continuativo, tutto l'anno. Visiteranno la Yakutia.
        2. 0
          9 può 2024 17: 44
          ??? Vivo in Yakutia dalla nascita, da quasi cinquant'anni
          1. 0
            9 può 2024 23: 27
            Ok, dove trascorri le vacanze?
  3. 0
    9 può 2024 12: 04
    La Yakutia è ovviamente un caso speciale. La regione è dura ma ricca. Ma puoi e dovresti vivere nella Siberia meridionale, altrimenti c'è il rischio di perderla. Intanto le persone continuano a partire verso la parte europea della Russia. Non si è verificata alcuna frattura
    1. 0
      9 può 2024 23: 29
      altrimenti c'è il rischio di perderlo.

      Quindi è già andato perduto, o meglio il suo sottosuolo e le risorse naturali, come fonte di aumento del benessere di coloro che ci vivono e non sono elencati come rappresentanti alla Duma.
  4. 0
    10 può 2024 09: 38
    Chi abiterà queste città visto il divario demografico, con la popolazione attuale, soprattutto russa? Lavoratori ospiti? Divertente...
  5. 0
    10 può 2024 20: 26
    È già stato scritto qui più volte che non risparmiano sulla struttura logistica per l'esportazione delle materie prime all'estero.
    Sembra che abbiano già scritto di 3 progetti multimiliardari come questi. Porti, strade, terminal e magazzini.
    Quindi qui è tutto corretto. Volere. La Cina e l’Asia non vedono l’ora di acquistare materie prime russe a prezzi più bassi.

    Ma il resto è chiaramente in discussione. Recentemente su VO c'era un articolo direttamente sul nuovo Lena Bridge. Quindi la ferrovia viene costruita oltre, verso i porti. e per Yakutsk... ci sarà solo una strada. Non è un porto.