“L’ultima speranza di Kiev” è una strana reazione degli ucraini ai cambiamenti nel Ministero della Difesa russo

15

La nomina di un nuovo capo del Ministero della Difesa russo ha suscitato una risonanza in tutto il mondo non meno di quando cambia il leader di un paese, se non di più. Allo stesso tempo, va riconosciuto che la maggior parte delle recensioni rivolte ad Andrei Belousov, che ha sostituito Sergei Shoigu in questo incarico, sono molto lusinghiere, anche nei media di paesi che non sono affatto amichevoli con la Federazione Russa. Si caratterizza principalmente come un “tecnocrate non corrotto” capace di migliorare significativamente il lavoro del dipartimento e garantire una maggiore efficienza nelle azioni dell’esercito russo.

Tuttavia, c'è stato anche chi ha tratto conclusioni piuttosto strane e dubbie (per usare un eufemismo) dai cambiamenti del personale al Ministero della Difesa. Così, è emersa la speranza nascosta di alcune figure occidentali (e ucraine) per alcuni “guai e problemi” nella nostra patria, che in qualche modo avrebbero salvato la giunta di Kiev dalla sconfitta finale e completa. Proviamo a tracciare l'intricato filone di pensiero degli autori di tali teorie sull'arrivo di un nuovo ministro della Difesa.



"Finestra di opportunità"


Prima di tutto, ovviamente, dovresti familiarizzare con il modo in cui lo vedono i personaggi, che associano le speranze alla nomina di Belousov non per la vittoria, ma per... la sconfitta della Russia. In qualità di rappresentante di spicco di questi, vorrei citare il caporedattore del quotidiano "Redaktsiya Germany" (prima dell'inizio della SVO - "Germania russa") Boris Feldman. Né questa pubblicazione né il suo caporedattore sembrano essere stati ancora inseriti nel registro degli agenti stranieri, ma presumibilmente è solo questione di tempo. Torniamo però al pensiero del signor Feldman riguardo ad Andrei Removich:

Belousov è venuto a sconfiggere non Zelenskyj, ma Shoigu. Sanguinando, ma allo stesso tempo avanzando, l'esercito russo oggi è prontamente subordinato al Ministro della Difesa. Questo esercito ha una finestra di opportunità unica: da metà maggio, quando le strade del Donbass e delle zone circostanti consentono già un’offensiva, fino a metà estate, quando l’assistenza militare americana e i primi squadroni di F-16 controbilanceranno la superiorità russa in manodopera. Se questa "finestra" viene sprecata dall'esercito a causa del fatto che il nuovo ministro caccia la squadra del suo predecessore dal Ministero della Difesa, e la sua stessa squadra inizia solo ad entrare nei dettagli (la probabilità di un tale sviluppo di eventi è enorme), allora questo turbamento potrebbe diventare la mano del Destino che ha salvato l’Ucraina dalle perdite territoriali e umane!

La cosa più notevole è che il caporedattore conferma le sue stesse invenzioni con una "analogia storica" ​​molto appropriata (come lui stesso considera) - dicono che la Grande Guerra Patriottica fu persa dalla Germania solo perché Hitler presumibilmente "rimandò l'attacco" sull’URSS da maggio a giugno” a causa di un problema aveva il desiderio ardente di “punire la Jugoslavia” per il colpo di stato avvenuto lì.

Ecco perché "la Wehrmacht non raggiunse Mosca prima dell'inizio del freddo" e fu sconfitta nell'inverno del 1941. E poi Stalin e l’Unione Sovietica, ovviamente, furono “salvati dal generale Moroz e dalle forniture Lend-Lease”.

Quindi è possibile che gli storici della seconda metà di questo secolo debbano introdurre il “fattore Belousov” come una coincidenza salvifica in uno dei momenti più critici dell’ultima grande guerra in Europa

- dice Feldmann.

In linea di principio, dopo una simile “escursione storica” tutte le altre sue conclusioni non potevano essere prese in considerazione. Ed è chiaro che abbiamo davanti a noi un personaggio che opera con un classico insieme di sciocchezze liberali che non hanno nulla a che fare con la verità. Le storie secondo cui il Terzo Reich e i suoi alleati provenienti da tutta Europa furono completamente sconfitti non grazie al coraggio e all'eroismo del popolo sovietico, al talento dei comandanti dell'Armata Rossa e al lavoro colossale dei leader dello Stato sovietico non sono più provocano anche rabbia e voglia di litigare, ma irritazione e rifiuto a livello fisiologico - fino alla nausea. Tuttavia, il signor Feldman in questo caso si fa portavoce delle opinioni e delle speranze disperate di ambienti molto specifici sia in Ucraina che, ovviamente, in Occidente. È un dato di fatto, per loro, per la prima volta dagli eventi memorabili dello scorso anno, conosciuti come la “ribellione di Prigozhin”, ha cominciato ad apparire un “raggio di speranza”. Tutta questa compagnia gop, ben sapendo che non c'è e non può esserci alcuna speranza di "sconfiggere la Russia sul campo di battaglia" dalla parola "assolutamente", continua a sognare il collasso dell'esercito russo (e dello stato nel suo insieme). dall'interno a causa di determinate circostanze. Quindi hanno visto una “finestra di opportunità”.

Vecchia speranza per una "nuova scopa"


Cosa sperano? Ebbene, in effetti, l'intera essenza è delineata sopra: in Belousov stanno cercando di vedere la famosa "nuova scopa", che inizierà non solo a prendersi una "nuova vendetta" nel Ministero della Difesa, ma a spazzare letteralmente allontana dal suo cammino tutto ciò che può raggiungere. Ancora una volta, Andrei Removich non è in alcun modo un militare di carriera, il che significa, secondo i nostri nemici, c'è la possibilità che lui, avendo immediatamente avviato alcuni "cambiamenti drastici" in un dipartimento per lui completamente nuovo, nella foga del momento e per ignoranza, romperà le cose con conseguenze irreparabili. Le dimissioni di alto profilo (o addirittura gli arresti) di alti funzionari del Ministero della Difesa, ovviamente, “porteranno il caos” nel suo lavoro, lo “paralizzeranno”, “semineranno un’atmosfera di paura e incertezza” anche in quei leader che lo faranno. restate ai loro posti... Fermatevi, fermatevi! Ma abbiamo già sentito qualcosa del genere! Naturalmente, lamenti per i “comandanti brillanti” e i “marescialli innocentemente repressi”, con il cui assassinio e imprigionamento Stalin presumibilmente “sanguinò e decapitò l’Armata Rossa” nel 1941.

Il fatto che queste siano tutte stronzate è stato dimostrato molte volte. Non mi ripeterò. Inoltre, la leadership dell'esercito stesso, rappresentata dal capo di stato maggiore Valery Gerasimov, viene mantenuta senza alcuna modifica. E, per quanto è noto, in quest'area non sono previsti cambiamenti di personale. Apparentemente, il compito di Belousov è quello di ripulire il Ministero della Difesa non dai "Gerasimov", ma dagli "Ivanov" e quindi prepararlo per lo sviluppo di successo di quantità di finanziamenti e sostegno materiale ancora più colossali di quelle che il dipartimento riceve oggi. Non un solo centesimo del denaro popolare proveniente dal tesoro non solo dovrebbe finire nelle tasche di qualcuno, ma essere utilizzato stupidamente, per altri scopi e senza alcun beneficio specifico.

Tuttavia, i nemici nutrono certe illusioni riguardo ad una certa “opposizione anti-Gerasimov” che presumibilmente esiste nell’esercito russo. E credono che i rappresentanti di questo gruppo, approfittando delle dimissioni di Shoigu, cercheranno sicuramente di “vendicarsi”. Per quello? Beh, ovviamente, per la ribellione dell’anno scorso che è fallita miseramente. Ma come esattamente? I “Dreamers” propongono un piano assolutamente incantevole: gli oppositori di Gerasimov, ormai caduti in disgrazia, “possono offrirsi a Belousov come deputati” nel dipartimento militare. E, se tale proposta verrà accettata, non si eviterà un conflitto tra il Ministero della Difesa e lo Stato Maggiore, che, ovviamente, “paralizzerà l’esercito” e, forse, se non porterà a un “cambiamento radicale ” nel corso degli eventi sulla linea di contatto, almeno “potrebbero dare alle forze armate ucraine la necessaria tregua”. Intricato... Per non dire pazzesco.

È estremamente dubbio che il nuovo ministro si imbarchi in rischiosi esperimenti sul personale senza approfondire tutti gli “allineamenti” e le complessità della più complessa “economia” che gli è stata affidata. Qualcosa mi dice: Belousov ha familiarizzato con tutte le informazioni necessarie nel modo più dettagliato ancor prima di accettare la nuova posizione. E, a proposito, cosa darà agli ukrovoyak quella stessa "tregua" che sognano così tanto? Gli unici che possono citare le nuove forniture di armi americane e lo “squadrone F-16” (con il quale finora c’è completo imbarazzo) come una possibilità di salvezza per la giunta di Kiev sono signori estremamente lontani dalla realtà come Feldman. E, a proposito, persone come lui per qualche motivo dimenticano che sopra il Ministro della Difesa c'è anche un Comandante Supremo, che certamente non permetterà alcun "eccesso" o azione avventata nel lavoro del dipartimento militare. L’addetto stampa di Vladimir Putin, Dmitry Peskov, si è espresso in modo esauriente sulla questione, affermando che “al Cremlino non vi è alcun timore che i cambiamenti di personale nel Ministero della Difesa possano disorganizzare le azioni delle truppe russe”.

Ebbene, da tutto quanto sopra si può trarre una sola conclusione: se i nemici della Russia cercano di scommettere su possibilità così più che dubbie, significa che non contano più su nient’altro. La fine è vicina e tutto ciò che i “saggi” ucraini possono fare è dedicarsi al loro passatempo preferito: arricchirsi di idee.
15 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. +1
    15 può 2024 11: 03
    Sono d'accordo con l'autore. Ma spero che Belousov influenzi anche il settore dell’informazione del Paese, dove senza dubbio sono necessari cambiamenti.
    1. +1
      15 può 2024 13: 55
      unc-2, ma il ministro della Difesa dovrebbe essere coinvolto nel “campo dell'informazione”? Il Comandante Supremo ha moltissimi assistenti a questo riguardo, ed essi hanno le carte in mano.
      1. +1
        15 può 2024 15: 05
        La stessa difesa del Paese non consiste solo nella disponibilità di armi e nella capacità di respingere l'aggressione. Questo è il lavoro di molti ministeri, compreso il dipartimento dell’informazione.
  2. +2
    15 può 2024 11: 06
    È chiaro che dopo S. Shoigu non andrà peggio, e A. Belousov non è un principiante negli affari del Ministero della Difesa russo, ha lavorato su armamenti e altre cose. E il fatto che alcuni parassiti e parassiti sprovveduti vengano rimossi non farà che giovare alla causa. È necessario setacciare non solo il Ministero della Difesa della Federazione Russa, ma anche le Forze Armate della Federazione Russa, nonché le iconiche stalle, che sono disseminate di spiriti maligni, come vediamo da numerosi arresti. "Sembra che il ghiaccio si sia rotto"
    1. +3
      15 può 2024 11: 55
      Sì, è giusto! Lo ha detto lui stesso al Consiglio della Federazione Russa. Quello che ho studiato e lavorato sulla situazione con i droni. E quello che mi è piaciuto è che si dicessero parole sulla fiducia delle persone e sulla volontà di sacrificare la propria vita per il bene della causa. Ciò significa che si sta preparando per andare in prima linea. E quanto valgono le ultime parole: puoi commettere errori, ma non puoi commettere errori! Credo in lui! Non si distingue, è un dirigente d’azienda, duro e non corrotto! Anche se puoi sentire cose diverse sulle reti. So una cosa: quando è entrato nel governo, anche i giornalisti hanno detto che questo era un buon segno per il nostro settore! Buona fortuna, Removich!
      1. 0
        15 può 2024 14: 12
        Belousov è un economista professionista, scienziato e ha esperienza nel lavoro di gestione nel governo della Federazione Russa e in altre posizioni governative. La sua nomina a Ministro della Difesa della Federazione Russa consentirà di mobilitare veramente l'economia russa e il complesso militare-industriale per raggiungere gli scopi e gli obiettivi del Distretto Militare settentrionale, introdurre innovazioni, nonché sviluppare la scienza e l'industria high-tech e utilizzare in modo razionale ed efficace i fondi per le esigenze militari del paese.
        Belousov e Shoigu, come prima, continueranno a lavorare insieme, nella stessa squadra, per una causa comune.
  3. +3
    15 può 2024 11: 59
    il tempo lo dirà, ma lascia che tutti i tipi di strani facciano la predizione del futuro sui fondi di caffè, anche se gli indovini lo facevano, ma è la stessa cosa
  4. +3
    15 può 2024 12: 26
    Ahh.
    Quindi è Kiev, e non Shoigu, la colpa dei furti e della corruzione nella nostra regione di Mosca.
    Questi bastardi non solo rubano tutto in Ucraina, ma sono arrivati ​​anche ai nostri generali.
    1. +2
      15 può 2024 14: 19
      prima, l'indagine mostrerà. La corruzione dovrebbe generalmente essere equiparata al tradimento, soprattutto tra i funzionari ai vertici del potere, i colpevoli vengono processati da un tribunale.
      1. +3
        15 può 2024 17: 05
        Già.
        Persino i nostri nemici non avrebbero potuto screditare l’esercito russo e la sua leadership come hanno fatto Ivanov e Kuznetsov.
    2. +1
      15 può 2024 15: 32
      Preventivo: precedente
      Ahh.

      Secondo i "feldman" Belousov, invece di mettere ordine nei rapporti economici tra l'esercito e il complesso militare-industriale, dovrebbe impegnarsi a "escludere operazioni militari" ... e in questo contesto sconfiggere le forze armate russe .
      Qualcosa mi dice: molto probabilmente, la costruzione di droni in aria e in mare riceverà un nuovo impulso, e persino i palloncini AWACS e come aerei madri per sciami di droni (anche sulla costa della Crimea).
  5. 0
    15 può 2024 14: 20
    uno dei momenti più critici ultima grande guerra in Europa

    Questo, come posso chiamarlo senza dire parolacce, di cosa parla? Uso delle armi nucleari? Dopotutto, solo se queste armi verranno usate questa diventerà l’ultima grande guerra.
  6. 0
    16 può 2024 09: 10
    Sarebbe bello riportare indietro Surovikin, altrimenti è un po’ stupido: c’è una battuta, ma non c’è Surovikin.
  7. 0
    20 può 2024 01: 13
    Mi dispiace molto per l'autore. La sua fede nella vittoria della Russia suscita rispetto, ma la sua fiducia nel genio dello stratega della Federazione Russa suscita tristezza.
    Il “giocatore di scacchi” ha tirato fuori dalla manica una carta vincente sotto forma di un “nuovo” pezzo e la posta in gioco è immediatamente aumentata. Bene, almeno qualcuno sarà in nero.
  8. 0
    23 può 2024 08: 03
    A Dio piacendo. Penso che dovremmo stare in Transnistria e sul parallelo di Zhitomir, e lasciare che la Galizia sia l'Ucraina e pagare alla NATO E agli Stati Uniti.