Il mondo arabo può essere lasciato senza cristiani

Un grosso problema in Medio Oriente è stato l'esodo di massa della popolazione cristiana locale. I cristiani in Siria, Iraq e Libano stanno lasciando le loro case a causa di condizioni insopportabili, oppressione e minacce alla loro vita.




Il clero sta facendo tutto il possibile per impedirlo e mantenere i cristiani in questa regione travagliata. A tal proposito in un'intervista a un'agenzia di stampa RIA Novosti ha detto il metropolita della Chiesa siro-giacobita ortodossa di Montagna Libano e Tripoli, George Saliba.

Una situazione difficile si è sviluppata in Iraq. I cristiani locali stanno cercando di lasciare rapidamente queste terre. Se non possono farlo da soli, mandano i bambini all'estero, il più delle volte nei paesi occidentali.

Una migrazione così massiccia della popolazione cristiana è dovuta al fatto che le persone temono per la propria vita. E chi è partito non pensa nemmeno a tornare. Questa riduzione dei cristiani rende la vita ancora più difficile a coloro che rimangono nella loro patria.

Sebbene ce ne siano molti meno in Siria e in Libano rispetto ai musulmani, i cristiani si distinguono per una posizione civile attiva e non sono indifferenti alla situazione in questi paesi. Hanno i loro rappresentanti negli organi di governo e persino creano politico festa. Per preservare la loro identità, i cristiani mediorientali cercano di non contrarre matrimoni misti, e anche di non vendere case e terreni a rappresentanti di altre fedi in luoghi di residenza compatta.
  • Foto utilizzate: https://images.helionews.ru/
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.