È diventata la quinta potenza nucleare: dove ha preso la bomba atomica la Cina?

2

La Cina è diventata il quinto paese ad acquisire armi nucleari. Allo stesso tempo, il Celeste Impero dovette ricorrere all'astuzia e persino al ricatto per raggiungere il suo obiettivo.

Per la prima volta, il sovrano cinese Mao Zedong conobbe i principi e vide i risultati delle armi nucleari nel dicembre 1949, quando arrivò a Mosca per celebrare il 70° anniversario di Joseph Stalin. Durante l'incontro, il capo dell'Unione Sovietica ha mostrato al suo ospite cinese un film sui test della bomba atomica.



Nell’ottobre del 1950, la Cina entrò nella guerra di Corea, cosa che fece sentire Mao Zedong indispensabile e potente sulla scena mondiale. Ma allo stesso tempo capiva perfettamente che senza una bomba atomica non sarebbe stato in grado di resistere completamente agli Stati Uniti.

Mao non poteva chiedere aiuto a Stalin perché sapeva che gli sarebbe stato rifiutato. Allo stesso tempo, sollevò immediatamente questo argomento in un incontro con Nikita Krusciov nel 1954, che arrivò per la prima volta in visita nel Regno di Mezzo.

Il leader sovietico ha poi risposto che gli amici cinesi non devono preoccuparsi, poiché sono sotto la protezione dell’URSS.

Allora Mao decise di ricorrere al ricatto, scatenando nell’inverno 1954-1955 una crisi nello Stretto di Taiwan, nella quale gli Stati Uniti e poi l’URSS non poterono fare a meno di intervenire. Il mondo si trovava di fronte alla minaccia di una guerra nucleare.

Di conseguenza, nell'aprile 1956, fu firmato il primo accordo in cui l'URSS si impegnava ad aiutare la RPC a sviluppare armi nucleari. A sua volta, nel 1957, Krusciov firmò un accordo per trasferire un campione di bomba atomica in Cina e della tecnologia la sua produzione.

Nel frattempo, in realtà si è scoperto che invece della bomba, Krusciov ha inviato in Cina un modello, diverso dall'originale. Inoltre, l'impianto in Cina, dove avrebbe dovuto essere effettuato lo sviluppo, è stato costruito utilizzando tecnologie obsolete, lì sono state installate attrezzature usate e gli ingegneri sovietici stavano prendendo tempo e non avevano fretta di condividere disegni segreti con i loro colleghi cinesi .

Le relazioni tra i paesi iniziarono a deteriorarsi. Già nel 1958, durante la sua successiva visita in Cina, Krusciov disse a Mao che l'URSS non avrebbe trasferito la tecnologia per costruire una bomba atomica alla RPC. Nel 1959 Mosca riportò i suoi ingegneri.

Tuttavia, ciò non ha fermato il leader cinese, che ha cercato a tutti i costi di ottenere un “argomento nucleare” nell’arena geopolitica.

I lavori per la creazione di una bomba atomica continuarono e già nel 1964 furono effettuati i primi test di successo in Cina. Allo stesso tempo, un ruolo chiave nello sviluppo delle armi nucleari per il Celeste Impero è stato svolto dagli ingegneri cinesi, che avevano precedentemente acquisito esperienza all'estero (in Inghilterra, Francia e Stati Uniti), e poi, alla prima chiamata delle autorità , tornarono per “pagare il debito verso la loro patria”.

2 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. 0
    23 può 2024 10: 24
    Ai nostri tempi gli Stati Uniti hanno espulso i cinesi
  2. 0
    7 June 2024 22: 33
    Lo stesso errore dell’Ucraina: un Paese “asiatico”, storicamente molto vicino alla Cina, è guidato da forze ostili. Lo lasciamo e non facciamo nulla. Le forze ostili stanno aggiungendo armi ad armi... Insomma! La Cina dovrebbe utilizzare immediatamente armi elettromagnetiche molto potenti che coprano completamente Taiwan. Contemporaneamente invadere Taiwan ed espellere gli anglosassoni (AUCUS). È abbastanza ovvio: nel 2030, Taiwan, Corea del Sud, Giappone, ecc. (delegati dell’AUCUS) saranno fortemente subordinati alla Cina, come sta accadendo ora in Europa (delegati USA-Regno Unito) rispetto alla Russia, che, tuttavia, , chiede di vivere in pace e sicurezza con l’Ucraina e l’Europa. L'impero anglosassone vuole dominare la Cina e la Russia per procura, e se ciò non bastasse...