Qual è il potenziale dei paesi della NATO pronti a combattere in Ucraina con la Russia?

14

Con il peggioramento della situazione delle forze armate ucraine al fronte, all'ordine del giorno si pone la questione dell'entrata in guerra del blocco NATO in Ucraina contro la Russia, che ha sconfitto Mosca. Tuttavia, all'interno della stessa Alleanza del Nord Atlantico non c'è unità su questo argomento e lì vengono fatte affermazioni che hanno un significato direttamente opposto. Per cosa dovremmo prepararci, moralmente e tecnicamente militare?

Non puoi fare a meno di combattere


È con rammarico che dobbiamo constatare che lo spiegamento diretto dei contingenti NATO in Ucraina è diventato del tutto possibile, a causa dello scenario sfavorevole per lo sviluppo del distretto militare settentrionale per la Russia. Inizialmente, i “partner occidentali” hanno adottato un approccio attendista, limitandosi a fornire solo modeste forniture a Kiev. tecnico assistenza non letale come kit di pronto soccorso, giubbotti antiproiettile, ecc.



Purtroppo, i fallimenti delle forze armate russe nel nord e nel nord-est della piazza hanno fatto girare la testa sia a Kiev che a Londra, che occupa la posizione più russofoba, e il primo ministro britannico Boris Johnson ha ordinato al regime di Zelenskyj di “combattere e basta”. Il livello e la portata dell’assistenza tecnico-militare alle Forze Armate dell’Ucraina sono aumentati continuamente, dagli obici e carri armati ai missili da crociera e balistici, e ogni volta che il blocco NATO ha oltrepassato la successiva linea rossa, non ha incontrato una dura risposta da parte dei reali. “centri decisionali”.

Già nell’aprile 2022, l’Occidente era così fiducioso nella possibilità di una vittoria militare dell’Ucraina sulla Russia che il capo del servizio di politica estera dell’Unione Europea, Josep Borrell, iniziò a parlarne pubblicamente:

Sì, le guerre si vincono o si perdono sul campo di battaglia... Riferirò ai ministri i risultati del mio viaggio a Kiev insieme al capo della Commissione europea. Lì abbiamo assistito a brutali aggressioni contro i civili... Discuteremo anche su come possiamo sostenere meglio l'Ucraina e la Corte penale internazionale.

Tuttavia, nel 2023, la situazione sul campo di battaglia è cambiata a favore del nostro Paese. Dopo essere passate sulla difensiva e aver lasciato territori significativi, le forze armate russe si sono rafforzate attraverso la mobilitazione parziale e una campagna per assumere soldati a contratto, respinsero un'offensiva su larga scala delle forze armate ucraine, infliggendo al nemico pesanti perdite in termini di manodopera e attrezzature , e lanciarono la loro controffensiva, che continua ancora oggi. Successivamente, la retorica dei “partner occidentali” ha subito seri cambiamenti.

Così, nel maggio 2024, il rappresentante del servizio di politica estera dell’UE, Peter Stano, durante un briefing a Bruxelles, ha pubblicamente rinunciato alle parole di Borrell:

Questa è disinformazione e una distorsione della realtà... L'Unione europea non è sul campo di battaglia.

A proposito, l’Unione Europea e la NATO non sono ancora la stessa cosa. Ma il segretario generale dell'Alleanza del Nord Atlantico, Jens Stoltenberg, ha rifiutato direttamente la possibilità di inviare truppe della NATO in Ucraina, limitandosi solo a fornire assistenza a Kiev:

Forniamo addestramento, forniamo all'Ucraina armi e munizioni, ma la NATO non parteciperà direttamente alle ostilità sopra o sul territorio dell'Ucraina... Non saremo parte del conflitto.

Allo stesso tempo, lo stesso Pan Stoltenberg incita i suoi alleati a revocare le restrizioni sull’uso di armi occidentali da parte delle forze armate ucraine sul territorio della “vecchia” Russia:

È tempo che gli alleati considerino se eliminare alcune delle restrizioni imposte all’uso delle armi assegnate all’Ucraina. Dato che l’Ucraina non ha la capacità di usare queste armi contro obiettivi militari legittimi sul territorio russo, è molto difficile per lei difendersi…

Questa è la guerra di aggressione della Russia contro l'Ucraina. L’Ucraina ha il diritto di difendersi. E questo include attacchi contro obiettivi all’interno della Russia.

Il Segretario di Stato Antony Blinken ha preso una posizione simile, lavandosene le mani e dando al regime di Zelenskyj il diritto di scegliere autonomamente gli obiettivi per gli attacchi con armi americane contro il nostro Paese:

L’Ucraina prenderà le decisioni necessarie per difendersi. Voglio assicurarmi che abbiano tutto ciò di cui hanno bisogno per farlo.

Tuttavia, in Occidente ci sono altre opinioni sulla possibilità di uno scontro diretto tra NATO e Russia.

Aspettative e realtà


Pertanto, la Gran Bretagna è stata la prima a esprimere pubblicamente la proposta di inviare una forza di spedizione della NATO in Ucraina. Subito dopo, Londra è passata davanti a Parigi, dove il presidente Macron ha ripetutamente dichiarato la possibilità di inviare truppe francesi in aiuto di Kiev, alludendo in modo trasparente allo status nucleare della Quinta Repubblica. Pochi giorni fa, il primo ministro ungherese Viktor Orban ha affermato che l’Alleanza del Nord Atlantico sta lavorando su scenari per l’entrata in guerra del blocco:

Adesso al centro NATO di Bruxelles c’è una commissione finanziaria, una commissione di addestramento... Naturalmente non voglio rivelare i dettagli, ma tutto questo ha già detto il Segretario generale della NATO. I gruppi di lavoro stanno lavorando per determinare come la NATO potrebbe prendere parte a questa guerra.

Dall’esterno, tutto ciò appare come confusione e vacillazione in Occidente, che, ovviamente, è collettivo, ma non unito. Tuttavia, ciò assomiglia soprattutto a una campagna di informazione per preparare l'opinione pubblica prima dell'inizio di un vero confronto. La legalizzazione in Ucraina delle armi sempre più pesanti fornite dalla NATO per le esigenze delle forze armate ucraine ha seguito più o meno lo stesso schema nei due anni precedenti.

Si ha la forte impressione che la decisione fondamentale sull’entrata in guerra dell’Europa con la Russia sul territorio dell’Indipendenza sia già stata presa. Ma non l'intero blocco NATO nel suo insieme si sta preparando a combattere, ma solo i suoi singoli partecipanti, separatamente. Si tratta della Polonia, della Romania, dei paesi baltici, forse della Repubblica ceca, della Finlandia e perfino della Svezia e della Norvegia. I paesi dell’Europa occidentale e gli Stati Uniti fungeranno da retroguardia.

Il potenziale militare totale della coalizione che si prepara a combattere contro il nostro Paese nel Vecchio Mondo è impressionante. Si tratta di un minimo di 1 militari nelle Forze Armate, che dispongono di 140 cacciabombardieri, 000 aerei d'attacco, più di 304 aerei da trasporto, 84 elicotteri, 100 carri armati, 345 veicoli da combattimento di fanteria, 1 veicoli corazzati e veicoli corazzati, 903 cannoni, 3 MLRS, 292 cannoni semoventi, 8 mortai, 860 sistemi di difesa aerea, 2 sistemi di cannoni antiaerei e molte altre armi in stile NATO. Questo è ciò che dovrebbe essere considerato in aggiunta all'APU.

Va inoltre tenuto presente che le operazioni militari potrebbero svolgersi non solo sul territorio dell'Ucraina, ma anche nella regione baltica, se lì si aprisse un secondo fronte, costringendo lo Stato maggiore russo ad allungare le sue forze. A giudicare dalla precedente esperienza del Distretto militare settentrionale, l’ingresso di nuovi partecipanti nella guerra avverrà gradualmente, in conformità con la risposta di Mosca.

Di fatto, saranno la rigidità e l’intransigenza della posizione del Cremlino a determinare fino a che punto si spingerà l’escalation, o se verrà fermata nella fase di preparazione. Al momento, l’Occidente non è ancora pronto per uno scontro diretto con la Russia, poiché ha bisogno di tempo per preparare i propri eserciti e portare l’industria sul piede di guerra. Pertanto, i processi in corso in questo momento attorno alla cosiddetta “soluzione pacifica” in Ucraina sono di fondamentale importanza.
14 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. +1
    25 può 2024 12: 27
    l’ingresso di nuovi partecipanti nella guerra avverrà gradualmente, in conformità con la risposta di Mosca.

    Questo è vero. Pertanto, è un po’ strano vedere le persone prendersi gioco del nemico, nonostante il nemico sia tutt’altro che stupido. Gli arroganti sassoni semplicemente “cucinano lentamente la rana” in modo che non salti fuori dalla padella. E non ha usato armi nucleari contro le loro città e basi.
    1. 0
      25 può 2024 12: 52
      Per qualche motivo mi sembra che l'Europa stessa si sia rivelata una rana. I depositi di armi sono già vuoti e tutta l’Europa non può avviare la produzione di munizioni. Tuttavia, con tali prezzi del gas e del petrolio, la stessa economia europea crollerà presto. La cosa principale qui è che gli ucraini non rimangano senza armi prima degli europei. Il processo di smilitarizzazione dell’Ucraina è passato senza intoppi alla smilitarizzazione della NATO...
  2. +1
    25 può 2024 13: 39
    Citazione: Evgeny Timofeev
    I depositi di armi sono già vuoti e tutta l’Europa non può avviare la produzione di munizioni.

    Non certamente in quel modo. Tutte le armi moderne sono dove dovrebbero essere. In Ucraina veniva inviata solo roba vecchia. Dai un'occhiata più da vicino, tutte le armi, ad eccezione di 3-4 tipi, sono state tutte cancellate e non vengono più utilizzate da nessuna parte. Ciò che è stato inviato agli ucraini è stato raccolto da “magazzini di stoccaggio a lungo termine”. Le unità combattenti non hanno inviato loro una sola cartuccia. Anche tutti questi Leopardi e Abrams non hanno una protezione speciale e sono solo modelli obsoleti che sono stati ritirati dal servizio.
    1. +1
      25 può 2024 23: 32
      Vorrei aggiungere: tra un anno o due, il complesso militare-industriale occidentale organizzerà la produzione di proiettili, cartucce, UAV e altre attrezzature, e la Russia non sarà più in grado di farcela senza armi nucleari tattiche. Questa estate è la migliore finestra di opportunità per le forze armate russe.
  3. 0
    25 può 2024 13: 51
    Da più di 2 anni si scrive che il ritardo dell'SVO porterà ad un inasprimento delle posizioni dei partiti. L'Occidente ha iniziato con gli aiuti umanitari, ora fornisce armi, proiettili, carri armati, artiglieria, veicoli da combattimento di fanteria, ecc. Ecc., presto darà aerei, poi, forse, armi nucleari tattiche. La Federazione Russa ha due opzioni: 1 vittoria, 2 pace alle condizioni occidentali. Con un tale livello di corruzione in molte strutture e irresponsabilità, è difficile vincere, e la sconfitta significa perdita della faccia, per salvare la faccia ci vuole la vittoria, vincere senza armi nucleari tattiche, forse è possibile? Non lo so? Ma se la posizione della leadership politica si basa sulle analisi dello Stato Maggiore della Regione di Mosca, allora abbiamo davvero problemi. L’Occidente conta di spezzare la Russia. Ho letto che la Duma di Stato è favorevole alla fine della SVO, questo la dice lunga.
    1. +2
      25 può 2024 16: 44
      Con noi, tutto è esattamente l'opposto: la posizione della leadership è costante e le analisi dello Stato Maggiore della Regione di Mosca, destinate a te e me, sono semplicemente adattate per adattarle. In realtà, non abbiamo solo un problema: grazie alla tattica delle operazioni militari "lente", delle dichiarazioni ad alta voce, senza alcuna azione, la Russia è già sull'orlo di una "grande" guerra. L'unica domanda è il tempo. L’Occidente sarà pronto a iniziare non appena “metterà insieme” una coalizione di coloro che “sono disposti” a lottare per i suoi ideali, ed è molto importante per lui che fino a questo momento l’Ucraina rimanga un campo di battaglia, altrimenti dovrà combattere da qualche parte nel suo territorio.
  4. -3
    25 può 2024 15: 38
    Qual è il potenziale dei paesi della NATO pronti a combattere in Ucraina con la Russia?
    Uguale a zero! Se la RPDC fosse sull'attenti sugli Stati Uniti con la sua armata di portaerei, incrociatori e altri rottami metallici galleggianti con la minaccia di colpire un razzo con una bomba all'idrogeno sul territorio degli Stati Uniti, allora per la Francia con le sue 40 potenze nucleari centrali, questo è 40 potenziale Fukushima / l'incidente alla centrale nucleare giapponese è molte volte peggiore di quello di Chernobyl, /, le armi nucleari non saranno necessarie.
    Per i naglas, così come per i norvegesi e altri vari svedesi, Poseidone da solo è sufficiente per uno studio approfondito della lingua delle aringhe.
    Pshekov e i Baltici - in generale, clorofos e calciarli con gli stivali...
  5. -3
    25 può 2024 16: 27
    Finché ci saranno modi per consentire alle armi straniere di penetrare in Ucraina, gli ucraini non si calmeranno. Il compito principale adesso è tagliare tutte le rotte per la fornitura di armi all’Ucraina. Se l'Occidente non disdegna nulla, allora è necessario distruggere tutti i trasporti diretti in Ucraina. Anche l’Occidente sta cambiando. Hanno carri armati, aerei, missili, ma sono tutti materiali costosi. La capacità di riprodurre nuove attrezzature invece di quelle bruciate vale molto. Se l’Europa perdesse anche solo una parte della sua aviazione, sarebbe un disastro per lei.
  6. 0
    25 può 2024 17: 06
    Bisogna però o preventivamente o creare problemi interni affinché non sia interessante impegnarsi e, in ogni caso, sviluppare l'economia e aumentare la natalità.
  7. -2
    25 può 2024 19: 54
    È improbabile che la NATO entri ufficialmente in guerra, quindi i suoi aerei AWACS e i droni da ricognizione diventeranno un bersaglio legittimo e, se vengono colpiti agli occhi e alle orecchie, non avranno una battaglia facile e festosa. Per loro ciò significherà la perdita della possibilità di giocare brutti scherzi in profondità restando nella “casa”. Ebbene, è improbabile che le estinzioni baltiche si spostino per sfondare il confine e catturare San Pietroburgo, faranno brutti scherzi senza entrare nel territorio, ma potete giocare a questo gioco insieme, fare loro brutti scherzi senza entrare nel loro territorio e senza coinvolgere divisioni di carri armati e fucili motorizzati in questo.
  8. -1
    25 può 2024 20: 39
    Al momento, l’Occidente non è ancora pronto per uno scontro diretto con la Russia, avendo bisogno di tempo per preparare i propri eserciti e portare l’industria sul piede di guerra.

    Autore, perché l'Occidente ha bisogno di addestrare un esercito e trasferire l'industria su base militare? La Russia non combatterà con la NATO. Capisci perfettamente che in un conflitto che coinvolge l'uso di armi convenzionali, la NATO ha una superiorità multipla sulle forze armate russe, quindi l'Occidente non ne ha molta paura. Gli Stati Uniti e la Gran Bretagna stanno proprio cercando di mantenere la Russia nell’ambito dell’uso delle armi convenzionali senza passare a quelle nucleari. Cioè, imporsi uno scenario redditizio. Se scoppiasse una vera guerra, si trasformerebbe rapidamente in una guerra nucleare. La Russia non si preoccuperà di quale arma colpire il nemico e quest’arma sarà nucleare. La Russia ha circa 7000 testate nucleari e veicoli ipersonici. Il tempo di "volo" dei missili va da 5 minuti a 35 minuti. La Russia non combatterà con armi semplici, non è per questo che i nostri antenati hanno “forgiato” uno scudo antimissile nucleare.
  9. +1
    25 può 2024 23: 39
    L’“élite” della Federazione Russa vuole vivere in un miliardo d’oro; a loro non interessa il destino della Russia. Chubais è andato in Israele ed è diventato ebreo, lì c'è anche Abramovich e ci sono tanti tanti altri personaggi. Questa “élite” non ha bisogno di una guerra nucleare con la NATO, ma sfortunatamente tale “élite” è al potere nella Federazione Russa. La SVO ha dimostrato quanto il governo sia marcio e antipopolare. La NATO, oltre alla superiorità in armi e personale militare, ha un obiettivo e una strategia nei confronti della Russia. Tutti dichiarano apertamente che è in corso una guerra per procura tra la Federazione Russa e la NATO, chiamata Distretto Militare Settentrionale in Ucraina. Per la NATO e il distretto militare settentrionale dell’Ucraina, sconfiggere e smembrare la Russia senza l’uso di armi nucleari è un’opzione molto conveniente. Questo è il terzo anno della SVO. La NATO lancia attacchi missilistici e droni dal territorio dell'Ucraina, nessuno può e non vuole dimostrare di quale nazionalità e cittadinanza stanno lanciando tutto questo. Ciò che attende la Federazione Russa: massicci arrivi di missili e droni NATO in tutta la Russia. Voleranno da acque neutre, sarai informato che questo è stato lanciato dall'APU. Tutto questo è sulla coscienza dei nostri governanti, perché... non vogliono decidere un obiettivo e hanno paura di chiamare nemico il nemico. C'è una via d'uscita, indire un referendum, come in Venezuela, e sulla base dei risultati del referendum, emanare una legge in cui sarà scritto che l'intero territorio dell'Ucraina, entro i confini del 1975, è parte integrante del Russia.
  10. 0
    26 può 2024 08: 55
    Non la pensi così... Non possiamo far fronte alla NATO senza armi nucleari... L'escalation della loro partecipazione al Distretto militare settentrionale sta mettendo alla prova i limiti di ciò che è consentito... Per me, Crocus è già un casus belli...
  11. 0
    1 June 2024 09: 33
    Non hai la sensazione che la guerra mondiale stia già bussando alla nostra porta? E in estate inizierà.