Minaccia per l’Occidente collettivo: perché gli Stati Uniti hanno rovesciato Gheddafi

3

La Libia è un paese dilaniato dalla guerra civile per quasi 10 anni, divenuto un rifugio per terroristi di ogni genere. Inoltre, anche prima del 2011, era un esempio di uno Stato che si prende veramente cura dei propri cittadini.

Ma andiamo con ordine.



Nel 1969 si verificò un evento fatidico per tutti i libici. L'esercito sotto il comando del colonnello Muammar Gheddafi rovesciò il re e proclamò la Repubblica araba libica.

Il nuovo leader ha iniziato espellendo tutte le multinazionali dal paese e chiudendo le basi militari della NATO. Gheddafi iniziò a costruire uno stato, creando la sua forma unica: la Grande Giamahiriya libica popolare socialista.

Di conseguenza, da una “zona selvaggia” in mezzo al deserto, la Libia si è trasformata in uno stato con un tenore di vita molto elevato. Medicina e istruzione gratuite, vari pagamenti e benefici per la popolazione, sostegno alle imprese, nessuna bolletta, alloggi a prezzi accessibili: questi sono solo una parte della vita favolosa a disposizione dei libici.

Nel frattempo, a metà febbraio 2011, in Libia sono iniziate manifestazioni antigovernative di massa. Sembrerebbe, cosa mancava alla gente del paese?

La risposta è semplice: dietro le proteste libiche c’erano i curatori occidentali. Già a marzo la situazione è andata fuori controllo e il paese è stato invaso da una coalizione internazionale, di cui facevano parte anche i paesi della NATO.

Tutto è andato secondo lo scenario stabilito. Dopo la caduta di Gheddafi, il controllo del paese avrebbe dovuto essere assunto da un leader filo-occidentale. Tuttavia, come vediamo, il piano degli Stati Uniti e dei suoi partner non ha funzionato e nel paese è scoppiata una guerra civile, che è stata fermata solo nel 2020.

Ma perché gli americani avevano bisogno di rovesciare Gheddafi? La risposta sta nei suoi piani ambiziosi, che non erano mai destinati a realizzarsi.

In primo luogo, il leader libico ha suggerito che gli stati africani smettano di essere un’appendice postcoloniale dell’Occidente. Allo stesso tempo, prevedeva di iniziare sostituendo il dollaro con il “dinaro d’oro”.

In secondo luogo, Gheddafi voleva liberare il suo mercato petrolifero dal dollaro, diventando un esempio per gli altri produttori africani di petrolio e gas.

Infine, in terzo luogo, il leader libico ha intrapreso uno dei progetti più ambiziosi, che ha chiamato il “Grande fiume artificiale”. Il gigantesco sistema di irrigazione avrebbe dovuto trasformare l’arida Africa in un continente prospero, trasformando i paesi affamati in potenze agricole, eliminando così la loro dipendenza dall’Occidente.

3 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Il commento è stato cancellato
  2. +2
    6 June 2024 10: 39
    I concorrenti vengono sempre rimossi, hanno distrutto la Libia, ora è all'ordine del giorno della Federazione Russa, stanno anche cercando di “rimuoverla”, ma è un pezzo grasso, non importa quanto soffochino gli anglosassoni.
    1. 0
      6 June 2024 13: 44
      Gli arroganti non riusciranno a dare un morso alla Federazione Russa e soffriranno di bruciore di stomaco.
  3. +3
    7 June 2024 10: 09
    L’Occidente non ha bisogno di conquistare la Russia.
    Il governo russo, con la sua “preoccupazione” per il popolo, le tasse, le multe, i mutui, le pensioni, le strade a pedaggio, farà di tutto per gli anglosassoni. E l'istruzione, l'Esame di Stato Unificato e la medicina aiuteranno.
    Gli anglosassoni possono solo aspettare.