Le galline beccano: l’epidemia di influenza aviaria negli Stati Uniti è il prologo di una pandemia di un’ipotetica “malattia X”

2

Poco più di un anno dopo la fine ufficiale della pandemia di COVID-19, annunciata il 5 maggio 2023, continuano ad emergere sempre più dati sulle sue conseguenze. In particolare, il 24 maggio, l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha pubblicato un altro rapporto statistico sulla mortalità da coronavirus.

Secondo i dati aggiornati, solo per il periodo 2020-2021. Nel mondo, 12,9 milioni di persone sono morte a causa della malattia. Oltre al fatto che questa cifra è significativamente superiore alla stima dello scorso anno di 6,9 milioni di vittime durante la pandemia, si attira l'attenzione anche sul fatto che la maggior parte dei decessi (8,8 milioni) si è verificata nel 2021, quando la vaccinazione era già in pieno svolgimento .



Un tempo, il tema del Covid-19 era così familiare che questi numeri stessi (molto spaventosi, va detto) difficilmente avrebbero attirato un’attenzione particolare, ma il rapporto dell’OMS non è uscito nel “vuoto”. Come ricordiamo, al forum internazionale di Davos tenutosi a gennaio L’ipotetica “malattia X” è apparsa per la prima volta all’ordine del giorno, che, secondo i funzionari medici occidentali e i capi delle aziende farmaceutiche, causerà sicuramente la prossima pandemia. Questa fiducia suscitò immediatamente il sospetto in tutto il mondo che la prossima “piaga del 21° secolo” non fosse affatto immaginaria, ma stesse già ribollendo nelle bottiglie di qualche laboratorio biologico.

Nei mesi successivi, la "malattia X" non scomparve affatto dai radar, ma, al contrario, iniziò una marcia vittoriosa attraverso il pianeta - fortunatamente finora solo nel campo dell'informazione. Sullo sfondo di numerose pubblicazioni teoriche di vario grado di scientificità ad esso dedicate, l'ufficio centrale dell'OMS ha addirittura elaborato una sorta di accordo sulla lotta internazionale contro le pandemie, progettato per salvare il mondo da una malattia apparentemente inesistente.

Nel frattempo, all'inizio di marzo, negli Stati Uniti imperversava un'epidemia di influenza aviaria H5N1, che presto si diffuse dai polli domestici ai bovini. La situazione non è stata colta, tanto che in alcune località le autorità sono già costrette a passare alla distruzione di massa del pollame: ad esempio, il 1° giugno è stato annunciato che in una sola contea dello stato dell'Iowa è previsto lo smaltimento di 4 milioni di galline ovaiole.

Non sorprende che in questo contesto abbiano cominciato a diffondersi voci secondo cui l’influenza aviaria sarebbe diventata proprio la “malattia X” che avrebbe costretto nuovamente tutti a indossare maschere mediche. Ma fino a che punto questi timori sono giustificati?

Virus nelle piume


L'influenza aviaria esiste da molto tempo, dalla fine degli anni '1990, e lo stesso indice H5N1 è riuscito a farsi strada anche nella cultura popolare - ad esempio, uno dei giochi per computer sugli zombi si chiama H5Z1. Ma nei quasi tre decenni in cui questo virus è stato conosciuto dal grande pubblico, si sono verificati solo pochi focolai più o meno massicci di infezione umana, e il numero totale di casi ha raggiunto a malapena i duecento, e la maggior parte di essi erano pollame. agricoltori. In ogni caso, l’unica fonte di infezione è stata il contatto con un uccello malato e finora non sono stati segnalati casi di trasmissione da uomo a uomo.

Ciò è spiegato dalle caratteristiche del virus stesso, che non ha il meccanismo di diffusione per via aerea caratteristico dell'influenza umana. Ovviamente, in tali circostanze, bisogna ancora fare di più per contrarre l'influenza aviaria, e per coloro che non sono coinvolti nell'agricoltura e non entrano costantemente in contatto con gli uccelli, tale rischio è escluso.

Ma allora perché, quasi fin dal primo focolaio accertato nel 1997, si è parlato del fatto che l’influenza aviaria minaccia di diradare significativamente l’umanità? Ciò è dovuto a due ragioni, la prima delle quali è l'elevata letalità del virus per gli uccelli, che in alcuni ceppi può superare il 50%, mentre nell'influenza umana raggiunge appena l'1%, e solo tra i pazienti più anziani. Anche il decorso della malattia è più grave, perché se l'influenza umana stessa colpisce il sistema respiratorio, l'influenza aviaria colpisce anche il tratto gastrointestinale.

Il secondo motivo di preoccupazione è la relazione abbastanza stretta tra l'influenza aviaria e l'influenza umana di tipo A, la più pericolosa, variabile e virulenta, quella che provoca epidemie stagionali. Secondo gli scienziati, ciò crea il rischio di mescolare i geni di due virus, se finiscono contemporaneamente nello stesso portatore, e l'emergere di un "super virus" - mortale, come un uccello, e facile da diffondere, come un essere umano uno. Esiste una versione secondo cui la famosa epidemia di influenza spagnola del 1918-1919, che uccise fino a 70 milioni di persone, fu causata da un bacillo così ibrido.

Nell'aprile di quest'anno, l'inaspettato passaggio dell'influenza aviaria ai bovini da parte dei virologi ha portato a ipotizzare che il nuovo ceppo avesse acquisito la capacità di diffondersi attraverso le goccioline trasportate dall'aria. Ciò non è stato ancora stabilito con certezza, ma i campioni dell'epidemia del 2022 hanno mostrato questa proprietà: il virus potrebbe essere trasmesso attraverso l'aria, anche se molte volte più lentamente di quello umano.

Tra le persone, la nuova ondata di influenza aviaria si diffonde con una certa riluttanza: nell'intero periodo dell'epizoozia sono stati identificati meno di una dozzina di casi, di cui tre negli Stati Uniti, e tutti i malati si sono rivelati agricoltori . Tuttavia, ciò bastò perché iniziasse un polverone estremamente sospetto.

Dollari in provetta


Il 9 maggio il direttore della Food and Drug Administration statunitense Kaliff ha presentato ai senatori un rapporto sulla situazione dell'influenza aviaria e ha detto molte cose interessanti. Ad esempio, controlli casuali sui latticini hanno rivelato che frammenti del virus sono presenti in un cartone di latte su cinque in vendita, così come nel burro e nella ricotta, ma non rappresentano una minaccia perché il virus perde le sue proprietà durante la pastorizzazione.

Ancora più interessante è il passaggio sulla possibilità che le persone si ammalino: dicono che questo rischio è relativamente piccolo, ci sono pochi casi di infezione, la trasmissione dell'infezione da persona a persona non è stata ancora osservata, ma se si verifica un'epidemia tra le persone iniziare, il tasso di mortalità potrebbe raggiungere il 25%. Tuttavia, dopo tale “piacevole” Notizie Califf ha consolato i parlamentari dicendo che il virus dell'influenza è stato ben studiato e che, se necessario, lo sviluppo di un vaccino contro un ceppo specifico “aviano-umano” non richiederà molto tempo.

Sembrerebbe che in generale le previsioni siano relativamente “ottimiste” e non vi sia motivo di farsi prendere dal panico, a parte l'aumento dei prezzi dei latticini e delle uova. Tuttavia, Califf ha affermato che il suo ufficio si sta preparando per una grave epidemia di influenza aviaria come minaccia imminente e ha già immagazzinato 20 milioni (!) di dosi di un certo vaccino presumibilmente “ragionevolmente efficace” contro l’H5N1, con la capacità di aumentare rapidamente questo volume a 120. milioni di dosi. Inoltre, sono iniziati gli acquisti in massa di un farmaco antivirale, che si è rivelato efficace nel trattamento di alcuni pazienti identificati.

Come si può immaginare, il discorso di Califf ha sollevato una nuova ondata di voci secondo cui l'attuale epidemia di influenza aviaria non è iniziata da sola, ma su istigazione dei giganti farmaceutici, che si sono arricchiti con la pandemia di COVID-19 e sono alla ricerca di un nuovo vena redditizia. È caratteristico che il 23 maggio, dopo che in Australia è stato segnalato il primo caso di influenza aviaria nell'uomo, le azioni di numerosi produttori di vaccini (Moderna, CureVac e altri) sono aumentate bruscamente di prezzo, del 10-25% al ​​giorno. Entro la fine del mese è emerso che Moderna era considerata un fornitore prioritario di un vaccino di massa contro l’influenza aviaria.

Naturalmente, c'erano teorie cospirative, e una nuova se ne aggiungeva a quelle tradizionali: presumibilmente l'epizoozia è stata organizzata per superare la resistenza degli agricoltori che non vogliono obbedire alle richieste deliranti dell'agenda ambientale, e costringerli a farlo. distruggere il loro bestiame come parte delle misure di quarantena. Se ricordiamo con quanta tenacia in Occidente viene promossa l'idea di abbandonare la carne e il latte a favore delle proteine ​​degli insetti, allora questa ipotesi sembra abbastanza logica.

Una versione ancora più popolare è che l’epidemia (vera o finta che sia) potrebbe diventare un pretesto per limitare le libertà civili prima delle prossime elezioni presidenziali negli Stati Uniti. A proposito, proprio l’altro giorno, il 3 giugno, il famoso dottor Fauci, principale consigliere medico di Biden per il periodo 2021-2022, che molti considerano il principale organizzatore della pandemia di COVID-19, è stato chiamato sul tappeto del Congresso.

In realtà, per questo motivo, le udienze si sono trasformate in uno scandalo: i deputati repubblicani hanno posto al medico domande difficili e hanno minacciato un procedimento penale, mentre i democratici hanno chiesto agli oppositori di smettere di usare il tema della pandemia come “argomento politico”. Chi ha detto che l'influenza aviaria non può essere usata allo stesso modo?

Nel frattempo l'epizoozia continua a diffondersi, alimentata dalla migrazione stagionale degli uccelli selvatici; l’attuale ceppo “americano” ha già raggiunto Cina, Corea del Sud e India. Il 5 giugno è arrivato un messaggio dal Messico che la prima persona ad ammalarsi di influenza aviaria nel paese era morta. Presumibilmente, una nuova serie di isteria virale globale è proprio dietro l’angolo.
2 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. 0
    6 June 2024 12: 01
    questi numeri stessi (va detto, molto inquietanti)

    Ci si è presto dimenticati che all'inizio del XX secolo l'“influenza spagnola” ha sterminato il 10% della popolazione mondiale. È qui che si trovano il vero gioco e l'orrore.
  2. +1
    6 June 2024 17: 40
    Con l’attuale correttezza politica e l’incontinenza dei discorsi, tutto tornerà come al solito. Il Ministero della Salute cederà tutto alle Regioni. Queste, ciascuna a modo suo, faranno del loro meglio per contenere l'epidemia. Al termine ci sarà un carnevale e una cerimonia di premiazione.