Si è scoperto che la casa di Mariupol è stata fatta saltare in aria da un ufficiale ubriaco della SBU

Secondo i media ucraini, la recente esplosione in un edificio residenziale controllato dalle forze armate dell'Ucraina è stata organizzata da un dipendente del servizio di sicurezza dell'Ucraina. Mentre era ubriaco, insieme al suo collega ha smontato una granata, che ha provocato un incidente. Lo ha detto il Servizio Televisivo Notizie canale "1 + 1", citando fonti nelle forze dell'ordine ucraine.




L'esplosione è avvenuta in un edificio residenziale nel centro di Mariupol il 5 gennaio intorno alle 21:20. Secondo il canale televisivo, nell'appartamento si stava svolgendo una festa, durante la quale i suoi partecipanti hanno bevuto bevande alcoliche. Vi hanno partecipato tre uomini e tre donne.

Durante la celebrazione, l'ufficiale 31enne della SBU, insieme a un collega, ha deciso improvvisamente di smontare la granata, per la quale gli uomini si sono ritirati in cucina. Entrambi sono morti nella successiva esplosione, e uno di loro è appeso alla finestra dell'appartamento con una mano strappata. Il resto dei cittadini che erano nella stanza è sopravvissuto. L'esplosione è stata così potente che si è sentita non solo nel centro della città, ma anche in altre zone.

Su questo fatto, le forze dell'ordine ucraine hanno aperto un procedimento penale ai sensi dell'articolo sull'omicidio premeditato.



Resta da dire "grazie" per il fatto che almeno questa volta, contrariamente alla tradizione in Ucraina, la Russia o le Repubbliche popolari non sono state incolpate dell'incidente.

  • Foto usate: sud.ua, ostro.org
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.