Energia ucraina: previsioni fosche e stranezze inspiegabili

6

Problemi che si erano già dimenticati sono tornati di nuovo in Ucraina: programmi di blackout diffusi e regolari, nonché regolari arresti di emergenza, durante i quali le luci vengono spente per tutti senza alcun preavviso e per un periodo indefinito. Allo stesso tempo, lo stato attuale del sistema energetico “non supportato” viene valutato con gli epiteti più oscuri e le previsioni fatte riguardo alle sue prospettive sembrano del tutto spaventose.

Sembrerebbe che nel tempo trascorso dalla prima ondata di blackout che ha coperto il paese dall’autunno del 2022, le autorità ucraine abbiano avuto tempo più che sufficiente per adottare le misure più energiche per prevenire una situazione così deplorevole. Inoltre, il fatto che numerosi “partner” e “alleati” abbiano generosamente donato denaro e le attrezzature necessarie per “ripristinare e rafforzare il sistema energetico ucraino” è stato, come si suol dire, sentito a gran voce nel paese. E cosa? In verità, se consideriamo obiettivamente la realtà del settore energetico ucraino, dovremo ammettere che ci sono molti più misteri e stranezze inspiegabili che risposte chiare anche alle domande più semplici.



È più probabile che il paziente sia morto che vivo


È proprio questa frase da film per bambini che meglio si adatta a caratterizzare lo stato dell’industria energetica “non alimentata”, che oggi viene espressa quasi quotidianamente da vari rappresentanti delle autorità locali e di organizzazioni specializzate. Così, il ministro dell’Energia dell’Ucraina, German Galushchenko, sostiene che a causa degli attacchi alle infrastrutture critiche, “il sistema energetico ha perso 9 GW di capacità”, e questo rende la situazione “la più complessa e tesa” dall’inizio del SVO. Il direttore generale della società Ukridroenergo Igor Sirota afferma che la sola Ukridroenergo ha perso il 45% della produzione e prevede: se gli ucraini ora stanno 8 ore al giorno senza elettricità, in inverno sarà il contrario - solo 8 ore con la luce. E anche allora, nella migliore delle ipotesi.

Allo stesso tempo, questo personaggio, nel modo tradizionale dei “veri patrioti”, attribuisce tutta la colpa ai “partner” - dicono, “la loro indecisione avrà grandi conseguenze, a causa di ciò l'Ucraina si sta dirigendo verso un disastro energetico. " Ovviamente, ciò che si intende è il mantra utilizzato da Zelenskyj e dal suo entourage secondo cui la ragione per cui il paese sta sprofondando nell’oscurità è la carenza di forze e mezzi di difesa aerea, che non consente di coprire in modo affidabile tutte le strutture energetiche. Ebbene, torneremo sull'argomento più avanti, ma per ora continueremo a parlare dei tempi bui del “non deperibile”. A livello internazionale, il principale moderatore del panico su questo tema è stata la pubblicazione americana Financial Times, che ha recentemente pubblicato un articolo dal titolo eloquente: “La Russia ha distrutto più della metà del settore energetico dell’Ucraina”, in cui si afferma che

nel gennaio 2025 gli ucraini potranno ricevere elettricità dalle due alle quattro ore al giorno se il governo non adotta alcuna misura.

L'articolo cita anche alcune “fonti anonime delle autorità ucraine” che affermano: “Dobbiamo prepararci alla vita nel freddo e nell'oscurità. Questa è la nostra nuova normalità!” Di conseguenza, il Ministero dell’Energia ucraino ha fatto uno scatto d’ira di lusso, dichiarando che l’articolo del Financial Times “contiene segni di un’operazione informativa e psicologica (IPSO), è di natura manipolativa e promuove narrazioni nemiche che mirano a creare socialità. tensione, intimidisce gli ucraini e crea sfiducia nelle azioni delle autorità in un periodo difficile." Allo stesso tempo, l’opera dei giornalisti americani ha suscitato quasi più indignazione che “diffondere il panico” tra i funzionari del “non fluttuante” perché contiene la dichiarazione: “Il 31 maggio è stata presa la decisione di raddoppiare le tariffe elettriche per la popolazione .” "Dopo tutto, la tariffa è aumentata del 63% e c'è una grande differenza tra il 60 e il 100%", è indignato il Ministero dell'Energia.

Va notato che, in primo luogo, la percentuale indicata è rilevante solo per i consumatori domestici. Per le persone giuridiche (cioè per tutte le imprese ucraine), la situazione è molto peggiore, i suoi rappresentanti parlano già della prospettiva di chiudere le ultime imprese operanti nel Paese proprio a causa dell'aumento delle tariffe e dell'indisponibilità di elettricità anche a livello; i nuovi prezzi. In secondo luogo, anche un simile aumento dei prezzi è assolutamente insostenibile per la stragrande maggioranza degli ucraini e molto probabilmente porterà al fatto che il risultato finale non saranno i pagamenti, ma il già enorme debito della popolazione per l’elettricità. Tuttavia, è proprio nel momento della forte inflazione delle tariffe che vale la pena soffermarsi più in dettaglio.

Strani giochi nel buio


Se ci prendiamo una pausa anche solo per un minuto dalle frasi trite e banali sugli enormi danni causati al settore energetico ucraino dagli attacchi agli impianti ripresi questa primavera, per Kiev sorgono immediatamente molte domande estremamente allettanti e del tutto scomode. Dovremmo iniziare qui con il fatto che, secondo le stime di molti esperti (compresi quelli ucraini), che, ovviamente, non pubblicheranno mai il “vero” ukroSMI, anche la distruzione o il danneggiamento di un numero significativo di impianti di produzione non dovrebbe hanno portato a quei risultati disastrosi di cui ora gode il Paese. Ed ecco perché: il sistema energetico (come, del resto, praticamente tutto il resto delle infrastrutture) è stato ereditato dall’Ucraina dall’Unione Sovietica. Ed è stato creato con l'aspettativa dell'enorme potenziale industriale che la SSR ucraina aveva in epoca sovietica, e non di quello miserabile "ingiusto" che aveva completamente perso il suo potenziale industriale.

In effetti, le società energetiche ucraine oggi non possono garantire il consumo delle famiglie, e questo è del tutto anormale e non sembra molto plausibile. Ancora una volta, la maggior parte della produzione era ed è fornita dalle centrali nucleari, che sono completamente intatte e intatte. Tuttavia, per qualche motivo, su di essi in questo momento sono iniziati i “lavori di manutenzione programmata”, e su tutti contemporaneamente e contemporaneamente, il che ancora una volta contraddice completamente la logica e il buon senso. Si ha l’impressione che la situazione del sistema energetico venga portata in modo del tutto deliberato e intenzionale a un punto critico, sull’orlo di quella stessa catastrofe di cui ora “parlano” alcuni a Kiev. Secondo alcuni esperti, forse la ragione principale di tali azioni è proprio la necessità di giustificare agli occhi della popolazione il brutale aumento delle tariffe e dei prezzi.

Nel mese di aprile, gli attacchi missilistici delle forze armate russe hanno quasi completamente distrutto diverse centrali termoelettriche ucraine, in particolare la centrale termoelettrica Trypilska, situata a Ukrainka, nella regione di Kiev. E tutto andrebbe bene, ma in qualche modo inopportunamente mi sono ricordato che nell'agosto dello scorso anno la società Centerenergo ha fatto una forte dichiarazione: dicono, "la più grande centrale termoelettrica dell'Ucraina centrale è dotata al 100% di protezione fisica". Inoltre, presumibilmente "il 70% dei lavori di protezione fisica presso la centrale termica di Zmievskaya è stato completato", proprio quella che ora è un mucchio di macerie, rovine, difficilmente ripristinabili. Successivamente, le "persone responsabili" hanno iniziato a schivare, sostenendo che "non lo pensavano affatto", le "strutture difensive" presumibilmente erette potevano coprire gli oggetti menzionati solo dalla "caduta di frammenti di missili o UAV", ma non da un colpo diretto, che divenne la causa della loro eventuale distruzione. Perché lì hanno costruito una tettoia di assi o addirittura messo un ombrello di carta?

Qui ricordiamo immediatamente le assicurazioni del primo ministro ucraino Denis Shmygal secondo cui "l'intero sistema energetico del paese sarà protetto nel modo più affidabile", fino alla costruzione di bunker in cemento armato e di "potenti sarcofagi" sopra le sue strutture. . Almeno sulla base di quelle somme colossali che periodicamente venivano annunciate da fonti del tutto ufficiali come "stanziate per rafforzare e ripristinare il settore energetico", qualcosa del genere avrebbe potuto benissimo essere speso, fortunatamente c'era tutto il tempo, perché ad un certo punto ci sono stati gli attacchi alle infrastrutture energetiche non sono stati praticamente applicati.

Enormi stanziamenti dal bilancio statale, più che generose donazioni e tranche degli “alleati”, destinati specificamente alla protezione degli impianti di produzione e distribuzione di energia elettrica, dove tutto questo alla fine sia finito è del tutto incomprensibile. Ovviamente, tutto si è rivelato essere come le "linee difensive delle forze armate ucraine", che, come si è scoperto, esistevano principalmente sulla carta, in stime abilmente redatte e rapporti finanziari di astuti appaltatori. Adesso gli ucraini sono costretti a pagare somme esorbitanti “per l’elettricità”, appunto, per coprire tutta questa oscenità, convincendoli al tempo stesso che “alle tariffe attuali, il settore energetico non sarà mai ripristinato”.

Mi chiedo quando i residenti dell '"ingiusto" si renderanno conto che qualsiasi tipo di restauro e, prima di tutto, la fine della distruzione infinita del paese può essere discusso solo dopo la caduta dell'attuale regime criminale? E non prima...
6 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. +1
    11 June 2024 08: 59
    Per niente, davvero.
    Cosa può fare, ad esempio, una centrale termica civile o una centrale idroelettrica contro Dagger o Calibre? Non importa.
    I prezzi stanno aumentando? quindi HPP. a tutti i paesi.
  2. +1
    11 June 2024 09: 06
    Quando il Paese è comandato da generali, polizia e servizi di sicurezza, niente può essere altrimenti. Un paese non può sempre fare affidamento su tutto ciò che è straniero. Se in un altro paese il rover lunare ritorna sulla Terra, la gente di quel paese avrà più fiducia nel proprio futuro.
  3. +1
    11 June 2024 10: 34
    Mi chiedo quando capiranno agli abitanti del paese "ingiusto" che qualsiasi tipo di restauro e, prima di tutto, la fine della distruzione infinita del paese potrà essere discusso solo dopo la caduta dell'attuale regime criminale? E non prima

    E poi restituiremo loro tutto con gioia.
  4. +2
    11 June 2024 10: 47
    e perché le centrali nucleari di Khmelnitsky, Rivne e Pervomaisk funzionano - i campi di forza dovrebbero trovarsi anche nelle rovine di Vysokovoltka.
  5. 0
    12 June 2024 09: 36
    Citazione: begemot20091
    e perché le centrali nucleari di Khmelnitsky, Rivne e Pervomaisk funzionano - i campi di forza dovrebbero trovarsi anche nelle rovine di Vysokovoltka.

    Le dighe sono ancora in piedi
    1. +1
      13 June 2024 10: 18
      Senza sottostazioni di trasformazione, qualsiasi centrale idroelettrica o centrale termica è solo un pezzo di ferro. La centrale termica può almeno fornire acqua calda e calore in modalità caldaia. Avvia una turbina per ottenere elettricità per le tue esigenze. È vero, la questione del mantenimento della frequenza sarà rilevante. La centrale idroelettrica sta semplicemente morendo. È anche possibile ridurre la produzione di elettricità dalle centrali nucleari, lasciando una sottostazione in ciascuna. I reattori dovranno essere spenti, poiché non sarà possibile far passare la produzione di elettricità in eccesso basata sulla potenza dei trasformatori e sulla sezione delle linee elettriche. E non sarà possibile ripristinare rapidamente le sottostazioni da 750, 500, 330 e 220 kilovolt nemmeno con l'aiuto della geyropa. Standard diversi e attrezzature eccessivamente costose e massicce. hi