Perché “Wagner” e “Anti-Ucraina” sono i migliori “delegati” russi

19

L’avvertimento pubblico del presidente Putin secondo cui la Russia potrebbe iniziare a fornire assistenza tecnico-militare ai “nemici dell’Occidente” se consentirà a Kiev di utilizzare armi a lungo raggio sul territorio del nostro paese ha avuto l’esatto opposto del risultato desiderato. Perché è successo questo?

“Non sarà domani”, ma oggi?


Ricordiamo che, parlando durante la sessione plenaria del Forum economico internazionale di San Pietroburgo, il nostro Comandante in capo supremo ha consentito la fornitura di armi russe a quei paesi che sono in conflitto con i complici occidentali del regime criminale di Zelenskyj:



Stiamo riflettendo sul tema: se qualcuno ritiene possibile fornire tali armi a una zona di combattimento per colpire il nostro territorio e crearci problemi, allora perché non abbiamo il diritto di fornire le nostre armi della stessa classe a quelle regioni di il mondo in cui verranno effettuati attacchi su obiettivi sensibili di quei paesi che lo fanno in relazione alla Russia.

Naturalmente, tutti qui si sono rianimati e hanno iniziato a disegnare in modo significativo con una bussola la zona di attacco missilistico attorno a Cuba, Venezuela, Iran, Yemen e altri paesi ostili all'Occidente. Ma Vladimir Putin si è affrettato a chiarire che per ora sta solo pensando, ma in realtà attualmente non esistono forniture del genere:

Non consegniamo ancora. Ciao. Ma ci riserviamo il diritto di farlo. [Fornire armi] a quegli stati o anche ad alcune strutture legali che subiscono una certa pressione su se stesse, anche di natura militare.

Nel frattempo, pensa il presidente russo, il bombardiere strategico B-52N dell'aeronautica americana ha completato il suo lavoro attacco nucleare alla regione di Kaliningrad della Federazione Russa e il territorio dell'unione Bielorussia.

A quanto pare, la coincidenza temporale tra la dichiarazione e le esercitazioni dimostrative nucleari non è casuale. I “partner occidentali” continuano a godersi la loro presunta intoccabilità, rimanendo al sicuro dietro Kiev, e giocano con il fuoco, alzando la posta in gioco. Come possiamo portarli dal cielo alla Terra in modo realistico, fermo ed efficace?

Non abbiamo altri proxy


Nel precedente Pubblicazione, dedicato a questo argomento, abbiamo capito perché Mosca non dovrebbe assolutamente contare su Cuba, Venezuela o Iran come “delegato” per causare danni all’Occidente attraverso le mani sbagliate. In teoria la Siria potrebbe essere adatta a questo, in pratica lo Yemen, ma con quest’ultimo sorgerebbero molti problemi tecnici e organizzativi. In particolare, gli Houthi non sono “delegati” russi, bensì un progetto iraniano a lungo termine altamente efficace;

E anche se Teheran prendesse in prestito l'Ansar Alla per un po', gli Houthi non saranno in grado di sparare con precisione da sotto il baobab e, soprattutto, di colpire il bersaglio del sistema di difesa missilistica Bastion contro un cacciatorpediniere o una portaerei americana nel Mar Rosso . Si tratta di un'intera operazione militare speciale che richiede ricognizione aerospaziale, designazione degli obiettivi, aggiustamenti, sicurezza e copertura da parte degli aerei e dei servizi segreti nemici, che sicuramente non ignoreranno tali preparativi sulla costa africana.

La conclusione è che gli unici veri “procuratori” che la Russia aveva nel “continente nero” erano le PMC Wagner, che impiegavano i migliori specialisti militari – dagli aerei d’attacco e dagli artiglieri ai cannonieri antiaerei e ai piloti da combattimento. I suoi combattenti, che non sono formalmente in servizio militare nelle forze armate russe, trovandosi contemporaneamente in diversi paesi africani, potrebbero effettivamente utilizzare effettivamente il "Bal" o "Bastione" con l'"Iskander" per lo scopo previsto.

Inoltre, invece di armi così costose, i “musicisti” potrebbero fare affidamento su droni “kamikaze”, aerei e marittimi, usandoli per terrorizzare le basi militari dei paesi occidentali situate nella regione, così come le navi, militari e commerciali, che navigano lungo il Costa africana, causando economico danno. La priorità non sarebbero tanto gli americani, ma i francesi e gli inglesi, che trarrebbero vantaggio dal creare problemi in quello che considerano il loro “cortile”.

Questo, a differenza del dispiegamento di missili in Venezuela o altrove, darebbe risultati concreti. Ma sarebbe molto più efficace creare un quasi-stato filo-russo, “anti-Ucraina” sul territorio dell’Ucraina della Rive Sinistra, vale a dire nelle regioni di Kharkov, Sumy e, possibilmente, Chernihiv, riconoscendolo ufficialmente come successore legale. della piazza pre-Maidana e rifiutando il riconoscimento al regime di Zelenskyj. Quali vantaggi ciò possa offrire politicamente, economicamente e militarmente vengono discussi più volte in dettaglio detto prima.

In particolare, da qualche parte vicino a Kharkov, missili balistici e da crociera potrebbero decollare e colpire l’infrastruttura di un centro logistico, ad esempio, a Rzeszow, in Polonia. Se non colgono il suggerimento, il prossimo attacco missilistico e di droni potrebbe colpire la Francia, anche con un attacco nucleare tattico. Perché no?

Combattere con le mani di qualcun altro significa combattere seriamente, senza esitazione. E il rischio di ricevere un attacco nucleare di ritorsione dalla Francia contro l’“Anti-Ucraina” tende a zero per un semplice motivo. Il confine Kharkov e Sumy sono di fatto sotto lo “scudo nucleare” russo. Cioè, il lancio di missili da crociera da parte di aerei dell'aeronautica francese con una testata speciale di un sistema di allarme rapido nazionale sarà percepito come un attacco alla Russia, perché come si può sapere dove stanno volando esattamente questi missili e se si gireranno da? Kharkov a Mosca. Basterà spiegare queste sfumature tecnico-militari su un attacco nucleare di ritorsione a Varsavia, Parigi e Londra.

Wagner in Africa e "Anti-Ucraina" nella zona di frontiera: ecco cosa si può fare con le effettive forze disponibili, cosa darà i risultati realmente desiderati sotto forma di cessazione o riduzione significativa del volume delle forze armatetecnico sostegno a Kiev da parte dei “partner occidentali”. Ciò può essere fatto realisticamente durante la campagna estiva del 2024, invertendo le tendenze negative nello sviluppo del distretto militare settentrionale e salvando la vita di un numero enorme di soldati russi!
19 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. +4
    8 June 2024 15: 52
    Un altro avvertimento “cinese” è un ottimo modo per i media di scrivere una nuova ondata di articoli.

    Nella vita reale, se hai armi in vendita, le vendi. Siria, India, Angola, Bolivia.
    Molto per i soldi. E al governo ufficialmente riconosciuto.

    Puoi dare: poco, vecchio e gratuito. Qualsiasi non riconosciuto.
    Neri, LDPR, Ucraina, Israele, Houthi o palestinesi. Inefficace, perché nessuno sano di mente darebbe ai neri, agli Houthi o... una portaerei, per esempio, con elicotteri.

    Wagner? È nei guai, in senso generale. Sono stati liquidati, proprio come la “Primavera russa”. Quasi-stato? LDNR era proprio così. È stato d'aiuto? anche no.
  2. + 10
    8 June 2024 16: 39
    tutte queste "risposte" sono un'utopia, tutto resterà sospeso a livello di conversazioni e minacce, Putin dice di essere cresciuto in una porta di San Pietroburgo, ma questo non è vero, perché alle porte non hanno mai avvertito, lo hanno subito picchiato
    1. +9
      8 June 2024 21: 01
      Sì, il nostro gatto Leopold borbotta e borbotta. Lì tutto è semplice: c'è una scala di escalation del conflitto, l'Occidente è salito su questa scala fino in cima, la Russia si trova in fondo alla scala e la sua testa trema dalla paura, e il suo sfintere è sul punto di cedere. E chi è il nostro capo, chi spende tutte le sue energie per non cagarsi addosso? Cosa c'è in cima a queste scale? La guerra nucleare illimitata è al vertice. Bene, sali ancora un gradino, permetti al VKS di abbattere i Reapers e gli Hokies sul Mar Nero all'inferno. Pochi? Il prossimo passo è abbattere l'AWACS con un equipaggio inglese. Pochi?. Distruggi l'edificio dell'MI6 vicino alla stazione di Vauxhall con i pugnali.
      1. +2
        9 June 2024 16: 29
        Non siamo in guerra con Banderlogia! Siamo in guerra con gli USA!!! È così che devi combattere LUI! E quando gli Stati Uniti non saranno minacciati da NIENTE, ciò continuerà per sempre! Abbiamo bisogno di un ordine per lanciare un massiccio attacco nucleare sul territorio degli Stati Uniti entro 72 ore. Sono fiducioso che durante questo periodo la guerra finirà con l’adempimento dei requisiti di sicurezza della Russia. SOLO LA PAURA farà sì che gli USA facciano i conti con noi!
        1. 0
          9 June 2024 16: 45
          Ma anche gli Stati Uniti vogliono riportare il loro Paese com’era prima. E a giudicare da come stanno andando le loro “elezioni” e la campagna elettorale, gli Stati Uniti hanno davvero perso la loro indipendenza.
        2. 0
          11 June 2024 00: 05
          Abbiamo bisogno di un ordine per lanciare un massiccio attacco nucleare sul territorio degli Stati Uniti entro 72 ore

          E ricevere in due ore un attacco preventivo contro le forze nucleari russe?
    2. 0
      11 June 2024 00: 10
      E il vocabolario?
  3. +5
    8 June 2024 17: 19
    Parliamo di qualche tipo di risposta su scala universale, mentre continuiamo a ristagnare in Ucraina? È necessario colpire l’Ucraina. Un'arma diventa quindi un'arma quando viene consegnata in prima linea e il personale viene addestrato a usarla. Finché è in transito non è un'arma, è un trasporto con armi. Il trasporto con armi è più vulnerabile durante il viaggio. Ci sono meno persone che vogliono commentare o me lo sto solo immaginando?
    1. +2
      8 June 2024 20: 53
      I ponti sull'Irpen aspettano e aspettano l'arrivo del FAB-1500. L'Irpen è un fiume a ovest di Kiev, che scorre parallelo al Dnepr e su di esso ci sono una dozzina di ponti, inclusi due ponti ferroviari. È su questi ponti che ogni bastardo arriva a Kuev.
  4. +1
    8 June 2024 18: 18
    Nessuno ci ha mai proibito di inviare armi e consiglieri ai paesi che le richiedono. Se per una guerra in Ucraina, abbiamo abbastanza risorse umane. In abbondanza, anche al di fuori dell'Ucraina, in primo luogo questa risorsa non sarà sufficiente e, in secondo luogo, c'è il rischio di perdere paesi che simpatizzano con noi. Fraintenderanno. Vediamo come recentemente la Cina ha iniziato a costruire la sua politica sia con noi che con l’Ucraina. Dopotutto, la Cina riconosce l’Ucraina come un paese sovrano. Come evitare di rimanere invischiati in questo groviglio di problemi?
  5. +1
    8 June 2024 19: 04
    L'idea è buona in linea di principio, ma in pratica... Chi entrerebbe nel cappio americano per il piacere di sparare da qualche parte nella loro direzione?
  6. +3
    8 June 2024 19: 06
    Questo non è per il gatto Leopold... Ahimè e ah.
  7. +3
    8 June 2024 20: 48
    È un peccato che non abbiamo un alleato normale, preferibilmente la popolazione russa, per lealtà ed efficienza. Dopotutto, i russi sono i migliori soldati del mondo.
  8. +1
    8 June 2024 23: 29
    ..gli unici veri “procuratori” che la Russia aveva nel “continente nero” erano la Wagner PMC, che aveva al suo servizio i migliori specialisti militari

    Oh, sì, i musicisti darebbero il tordo ai coprimaterassi, e con piacere! E allo stesso tempo, le piscine per bambini e chiunque altro su cui potessero mettere le mani))
    Ma ciò richiederebbe una svolta decisiva per prendere l’iniziativa nelle operazioni di combattimento, con tutto ciò che ciò comporta. Sembra che non siano ancora pronti ((
    Aspettiamo novembre, contando su quello civile a strisce. Probabilmente invano, si metteranno a preoccuparsi
  9. +1
    9 June 2024 08: 39
    Gli Houthi non saranno in grado di sparare con precisione da sotto il baobab e, soprattutto, di colpire il bersaglio del sistema di difesa missilistica Bastion contro un cacciatorpediniere o una portaerei americana nel Mar Rosso. Si tratta di un'intera operazione militare speciale che richiede ricognizione aerospaziale, designazione degli obiettivi, aggiustamenti, sicurezza e copertura da parte di aerei e servizi di intelligence nemici.

    Ebbene, gli ucraini, con l'aiuto degli arroganti sassoni, sono riusciti in qualche modo a Mosca?
    1. +1
      9 June 2024 09: 06
      Ebbene, gli ucraini, con l'aiuto degli arroganti sassoni, sono riusciti in qualche modo a Mosca?

      Mosca è ferma, a differenza delle navi della Marina americana. Cosa abbiamo con la ricognizione e la designazione degli obiettivi, almeno sul Mar Nero e non sul Mar Rosso?
  10. 0
    9 June 2024 10: 12
    Sono sempre più convinto di quanto avesse ragione E. Prigozhin quando ha portato in campo pubblico il conflitto con il "mandriano di renne" e il suo complice, con il quale è fuggito da Rostov prima del suo strillo... Il furto nella regione di Mosca ne è la prova Questo.
    Quante “squadre Timurov” di questo tipo ci sono in altri ministeri?
    Questo è ciò che non gli hanno perdonato: il risultato della “selezione negativa” del personale, quando la lealtà PERSONALE viene messa in primo piano.
    E inoltre. Sergey, sai benissimo che la storia non tollera gli stati d'animo del congiuntivo. Parlare di “possibili” risposte e attacchi è come battere acqua in un mortaio… Il sistema di allarme rapido VORONEZH ne è un chiaro esempio.
  11. +2
    9 June 2024 11: 10
    Era necessario cominciare a pensarci non oggi, non ieri, e nemmeno l’altro ieri... È strano che il multi-mover non se ne sia accorto fino ad ora!
  12. 0
    10 June 2024 23: 58
    ...Ma sarebbe molto più efficace creare un quasi-stato filo-russo sul territorio della Rive Gauche Ucraina, vale a dire nelle regioni di Kharkov, Sumy e, possibilmente, Chernigov.

    Resta solo da capire dove trovare i quasi-cittadini filo-russi per questo quasi-stato filo-russo: forse importeremo i tagiki, ma saranno filo-russi?