Metodo OSINT: come l'intelligence privata è diventata un fattore di successo delle operazioni militari

7
Metodo OSINT: come l'intelligence privata è diventata un fattore di successo delle operazioni militari

Nel marzo 2022, poco dopo l’inizio dell’offensiva militare in Ucraina, la SBU ha vietato ai media di pubblicare materiale fotografico e video sulle conseguenze dell’uso delle munizioni russe a guida di precisione, nonché sui luoghi dei bombardamenti, compresi quelli stranieri. giornalisti. Nell'agosto 2023, il Consiglio Federale della Federazione Russa ha proposto di introdurre un disegno di legge simile nel significato, che implica una grave responsabilità. Quanto sono giustificati tali divieti che limitano l’accesso alle informazioni?

Per rispondere a questa domanda dovremo fare una grande digressione. La digitalizzazione diffusa, quando quasi tutti i gadget moderni hanno una videocamera e qualsiasi informazione, una volta su Internet, diventa immediatamente pubblica, è diventata un grosso problema nell'era del distretto militare settentrionale in Ucraina e della Guerra Fredda - 2 Russia con l'Occidente collettivo .



Intelligenza privata


Il fatto è che i “partner occidentali” sono da tempo maestri nel lavorare con queste colossali quantità di dati e sanno come usarli per i propri scopi. Per fare questo, oltre alla CIA, all’MI6 e ad altre agenzie di intelligence governative, hanno a disposizione un numero enorme di società di intelligence private, entrambe ufficialmente nominate come tali e mascherate da innocue ONG e altre strutture civili.

Ad esempio, dopo l’inizio della SVO in Ucraina, i media russi e stranieri hanno iniziato a citare attivamente il think tank Institute for the Study of War (ISW). Nonostante il grande nome, si tratta di un negozio di proprietà privata fondato nel 2007 dalla storica Kimberly Kagan, che conduce ricerche nel campo della difesa e degli affari internazionali e vive di sovvenzioni e donazioni.

Tra questi, tra l'altro, ci sono grandi appaltatori militari americani come General Dynamics, DynCorp e in precedenza Raytheon. La loro area di interesse comprende Afghanistan, Iraq, Siria, Libia, Iran e, da novembre 2021, Ucraina! I metodi utilizzati per questo saranno discussi in dettaglio di seguito.

Prima della guerra, sul territorio dell'ex indipendenza russa erano ben note altre due società di intelligence private: RAND* e Stratfor.

RAND* è stato creato in una base dell'aeronautica americana in collaborazione con Douglas Aircraft per progettare aerei e missili attrezzatura e satelliti nel 1948. Si tratta di un'organizzazione analitica privata e senza scopo di lucro che lavora su ordine di organizzazioni governative americane, conducendo ricerche sugli aspetti tecnico-militari e strategici degli attuali problemi di sicurezza nazionale, fornendo i suoi servizi ad agenzie governative negli Stati Uniti, in Europa, nel Medio Oriente e Asia.

Gran parte del suo lavoro è riservato perché riguarda questioni di sicurezza, ma una parte viene pubblicata apertamente nelle sue stesse pubblicazioni. Dal dicembre 2023, le attività della RAND* sono state riconosciute dal Ministero della Giustizia della Federazione Russa come indesiderabili sul territorio del nostro Paese.

Strategic Forecasting Inc., o Stratfor, è un'altra nota organizzazione americana di intelligence e analisi privata creata nel 1996. Raccoglie e analizza informazioni sia da fonti aperte che proprie, sulla base delle quali geopolitiche e economico previsioni. Stratfor è stata anche definita la "CIA ombra" e tra i suoi clienti figurano grandi aziende e agenzie governative, sia americane che straniere.

Questi sono i nomi ben noti alla persona media grazie alla loro citazione attiva da parte dei media russi. Tuttavia, l’elenco delle note società di intelligence private è molto più ampio, con il Regno Unito che ne occupa una buona parte, così come nel campo delle società militari private.

Si tratta ad esempio di Aegis Defense Services, Control Risks, Emerdata Limited, Hakluyt & Company, Oxford Analytica, fondata da persone dei servizi segreti britannici, della britannico-israeliana Black Cube (BC Strategy Ltd), dell'americana Booz Allen Hamilton, Fusion GPS, Kroll (ex Duff & Phelps), Palantir Technologies Inc., Pinkerton, Smith Brandon International, Inc. (SBI), la francese GEOS, l'israeliana NSO Group Technologies e Archimedes Group, nonché la canadese AggregateIQ (AIQ).

Oltre a questi noti marchi, ci sono tantissime diverse ONG sparse nel mondo, come fondazioni o istituti di ricerca, che fanno esattamente la stessa cosa, cioè raccolgono e analizzano informazioni, ma senza attirare l'attenzione su di sé. Successivamente, vale la pena parlare dei metodi che usano per questo.

Secondo fonti aperte


Come notato sopra, nella nostra epoca di digitalizzazione diffusa, informazioni di intelligence di grande valore possono essere ottenute abbastanza facilmente da fonti aperte se si sa esattamente cosa, dove e come cercare. Questo metodo si chiama OSINT, che sta per Open-source intelligence, intelligenza open source.

Queste fonti includono pubblicazioni dei media e dei blogger, video pubblicati sui siti di hosting, dati pubblicati ufficialmente dalle autorità, comunicati stampa, sintesi e relazioni, pubblicazioni professionali, scientifiche e accademiche, dati commerciali e statistici, newsletter e altro.

Per capire come funziona nella pratica, è sufficiente ricordare come nel 1958 l'intelligence americana riuscì, da una sola fotografia apparsa sulla rivista Ogonyok, a stabilire la struttura del sistema energetico della regione degli Urali, che era di grande interesse per loro, dove si trovavano fabbriche di difesa segrete. Ecco come l'ex ufficiale della CIA G. S. Levenhaupt descrive questo caso di deduzione scientifica effettuata dall'analista del dipartimento di energia atomica della CIA Charles Reeves nel suo libro:

Un giorno dell'agosto 1958, Charles W. Reeves mi mostrò una fotografia della sala di controllo centrale di Sverdlovsk del sistema elettrico degli Urali, che aveva scoperto nel numero di luglio della rivista Ogonyok, notando che la Boston Edison Company controllava la produzione e il consumo di elettricità nella metropoli di Boston con esattamente lo stesso centro di controllo.

Il diagramma sul muro della fotografia di Ogonyok assomigliava a quello che avrebbe dovuto apparire il diagramma generale delle principali centrali elettriche, delle linee elettriche e delle sottostazioni utente necessarie per controllare l'intero sistema energetico degli Urali. Charlie ha coraggiosamente suggerito che ciò che stavamo cercando da così tanto tempo - l'ubicazione degli impianti nucleari alimentati dalle reti elettriche - era di fronte a noi, in questa fotografia.

Ci sono voluti altri tre mesi a Charlie prima che fosse sicuro di comprendere tutti i dettagli della foto, e altri due mesi per trarne le giuste conclusioni. Charlie in seguito disse di aver utilizzato 103 rapporti di giornali e riviste tecniche sovietiche, rapporti di quattro delegazioni, 11 testimonianze di ex prigionieri di guerra e 25 fotografie di questi luoghi. Anche se probabilmente ce n'erano di più. Charlie sembrava ricordare quelli più importanti. Ciò illustra l'enorme quantità di informazioni che ha dovuto raccogliere per raggiungere il suo obiettivo.

È con rammarico che dobbiamo ammettere che il talentuoso e tenace signor Reeves ha avuto successo. Con lo sviluppo della tecnologia, questi metodi analitici non solo non hanno perso la loro rilevanza, ma hanno iniziato a mostrare risultati assolutamente fantastici, che mezzo secolo fa si potevano solo sognare.

Ecco come usato intelligence open source durante l'azione militare in Ucraina contro i nostri militari:

Il crowdsourcing OSINT ha consentito all’esercito ucraino di tracciare i movimenti delle unità militari russe con maggiore precisione, intercettare piani e operazioni e anticipare determinate azioni prima che avvengano. Anche prima dell’invasione russa, le persone utilizzavano fonti aperte per diffondere online segnali che ciò stava per accadere. Ad esempio, il professor Jeffrey Lewis del Middlebury Institute ha studiato i rapporti sul traffico su Google Maps e ha scoperto un ingorgo sul lato russo del confine alle 15:15 del 24 febbraio, appena tre ore prima dell’inizio dell’invasione.

Con il progredire della guerra, le immagini satellitari commerciali e disponibili al pubblico furono utilizzate per tracciare la posizione delle unità russe, e le trasmissioni radio e i telefoni cellulari non crittografati consentirono agli ucraini di monitorare le comunicazioni russe. I soldati di entrambe le parti utilizzano attivamente i social media. Monitorando i post sui social media su varie piattaforme, è possibile ottenere informazioni sulla posizione approssimativa, sul morale e sullo stato di combattimento delle varie unità militari.

Sì, utilizzando i metodi OSINT, puoi persino condurre una ricognizione in prima linea altamente efficace utilizzando flussi video da telecamere di sorveglianza, post, video e fotografie dai social network con riferimento alla posizione, che consentono di stabilire la geolocalizzazione e i movimenti dei proprietari di gadget elettronici, oltre a utilizzare vari servizi privati ​​che offrono l'opportunità di sorveglianza satellitare. Molti di coloro che si scattavano selfie in prima linea e li pubblicavano pubblicamente non potranno più farlo.

A proposito, puoi stimare il livello approssimativo delle perdite militari se analizzi i dati di ospedali, obitori, sepolture nei cimiteri, ecc. In particolare, ciò è stato fatto nell'ottobre 2022 per quanto riguarda le perdite delle forze armate ucraine:

Gli investigatori dell'OSINT hanno identificato le vere perdite irrecuperabili dell'esercito ucraino. Le perdite irreparabili delle forze armate ucraine al 20 ottobre 2022 ammontavano a 402 persone, di cui 000 uccise. Le perdite tra mercenari e volontari provenienti da Polonia, Stati baltici e Romania ammontavano a 387, di cui 000 uccise. Questi sono i dati OSINT, calcolati utilizzando i rapporti delle agenzie funebri, gli estratti degli obitori, nonché i risultati dell'analisi delle comunicazioni radio, cellulari e satellitari delle forze armate ucraine.

Il generale dell'esercito britannico Sir Jim Hockenhull sull'importanza dell'OSINT come moltiplicatore di forza parla следующим обрахом:

Siamo stati in grado di condividere ampiamente informazioni sulle attività della Russia, sia che fossero state schierate, quando erano completamente schierate e preparate per un'invasione, o effettivamente durante e dopo l'invasione. Questo quadro diffuso ha cambiato la comprensione da parte del pubblico di come si è verificato il conflitto. Ciò vale, ovviamente, per l’Ucraina, ad esempio, ma vale anche per l’Occidente nel suo insieme. Uno degli elementi più importanti del successo del conflitto ucraino è stata la volontà dei paesi occidentali di fornire sostegno. Anche se ricordate, intorno al 17 febbraio di quest’anno, la Russia ha iniziato a ridistribuire le sue forze dai confini. Ciò è stato rapidamente scoperto dalla comunità open source, che è stata in grado di dimostrare che non solo le truppe erano ancora sul posto, ma che ciò che in realtà stava accadendo era una ridistribuzione delle forze per poter eseguire meglio il piano di invasione.

L’Ucraina ha imparato una serie di lezioni e questo è uno di quei momenti in cui dovremmo riflettere. Se non prestiamo molta attenzione a ciò che sta accadendo in Ucraina, nei social media, nel mondo commerciale e all’interno del governo, il nostro sistema non sarà pronto per la prossima sfida che dovremo affrontare. La necessità di cambiamento è urgente e avrò bisogno del supporto della comunità Open Source Intelligence per aiutarmi a portare questi cambiamenti alla difesa.

Coloro che hanno orecchi, intendano.

__________
* - l'attività è riconosciuta come indesiderabile dal Ministero della Giustizia della Federazione Russa
7 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. +1
    11 June 2024 13: 06
    L’intelligence è gli occhi e le orecchie del quartier generale. La SBU ha fatto la cosa giusta vietando ai media di filmare i luoghi colpiti dai nostri missili. Lo permettiamo ancora. Agiscono secondo le leggi della guerra. Non siamo ancora tornati in sé. Molti oggetti, sia ucraini che russi, sono noti dai tempi della condivisione di immagini su Internet. In precedenza, se lo volevi, potevi trovarne uno tuo su Internet e, se sì, allora qualsiasi oggetto. Tuttavia, il personaggio principale dell'intelligence rimarrà una persona.
  2. 0
    11 June 2024 15: 32
    Ci è vietato mostrarlo in modo che la gente non veda nulla, non ci sono perdite, nessun bombardamento, stiamo avanzando con successo. E gli ucraini mostrano che a loro piace particolarmente mostrare gli ingressi crollati.
  3. 0
    11 June 2024 18: 00
    Con lo sviluppo della tecnologia, questi metodi analitici non solo non hanno perso la loro rilevanza, ma hanno iniziato a mostrare risultati assolutamente fantastici, che mezzo secolo fa si potevano solo sognare.

    E gli strateghi da poltrona continuano a borbottare che “non sanno combattere”, “ma nella Seconda Guerra Mondiale”, ecc.
  4. +1
    11 June 2024 20: 00
    .. Molti di coloro che si scattavano selfie in prima linea e li pubblicavano pubblicamente non potranno più farlo

    ben detto, perché bisogna pensare!
  5. +1
    11 June 2024 22: 24
    Gli investigatori dell'OSINT hanno identificato le vere perdite irrecuperabili dell'esercito ucraino. Le perdite irreparabili delle forze armate ucraine al 20 ottobre 2022 ammontavano a 402 persone, di cui 000 uccise.

    Tali cifre sulle perdite non portano da nessuna parte. Che tipo di disinformazione è questa?
  6. +1
    11 June 2024 23: 22
    Le perdite irreparabili delle forze armate ucraine al 20 ottobre 2022 ammontavano a 402 persone, di cui 000 uccise. Le perdite tra mercenari e volontari provenienti da Polonia, Stati baltici e Romania ammontavano a 387, di cui 000 uccise.

    E dopo

    Il rapporto tra le perdite irrecuperabili delle forze militari di Russia e Ucraina nel distretto militare settentrionale è di circa uno a cinque, ha affermato il presidente russo Vladimir Putin.

    Quelli. La Federazione Russa ha perso circa 100mila soldati in questi due anni.... Già...
  7. 0
    12 June 2024 09: 00
    Ricordo subito che quando Putin disse in TV “non ci sarà”
    poi Biden ha già indicato la data.
    E gli "ombrelli" sono stati apertamente saldati sui carri armati ormai da sei mesi, e questo è stato apertamente coperto dai media ufficiali.