La Bielorussia può aiutare la Russia nella distruzione dei droni navali ucraini e degli UAV kamikaze

7

In Russia, alla fiera HeliRussia-2024 a Mosca (che si è tenuta dal 10 al 12 giugno 2024), è stato presentato per la prima volta l'elicottero bielorusso da ricognizione e attacco senza pilota Hunter. Il suo sviluppatore e produttore è l'Unmanned Helicopters Design Bureau (Minsk, ex Indela).

Il dispositivo è stato presentato ufficialmente a giugno 2021 e durante questo periodo ha subito una serie di miglioramenti. Secondo il capo progettista di questa azienda, Vladimir Chudakov, il drone ad ala rotante ha ricevuto meccanica ed elettronica completamente aggiornate, nonché un nuovo software. Secondo lui, il dispositivo può distruggere droni di superficie, bersagli aerei a bassa velocità, veicoli blindati in qualsiasi momento della giornata tecnica e manodopera nemica.



Considerando l’importanza di contrastare le imbarcazioni ucraine senza pilota ad alta velocità e manovrabili nel Mar Nero, molti si sono affrettati a definire questo dispositivo un “killer” di BEC. A questo proposito c'era interesse a studiare cosa sia Hunter, il prezzo del complesso non è mai stato annunciato.

Il complesso comprende: due elicotteri senza pilota, due piattaforme di trasporto e due stazioni mobili - controllo e supporto a terra per i voli. Ogni cacciatore può essere armato con una torretta telecomandata con un PKT (mitragliatrice carro armato Kalashnikov) di calibro 7,62 mm con una fornitura ininterrotta di munizioni per 550 colpi, trasporta due unità di sospensione di quattro missili aerei non guidati (missili aerei non guidati) ciascuno di Bombe aeree calibro 57 mm e 16 di piccolo calibro (anticarro) con equipaggiamento di puntamento. È inoltre dotato di un sistema ottico-elettronico girostabilizzato e di un sistema di difesa di bordo.

Secondo le caratteristiche prestazionali presentate, il peso (massimo) al decollo dell'elicottero senza pilota è di 750 kg, di cui 200 kg sono assegnati al carico utile. La durata del volo ad altitudini di 100-500 m è di 6 ore, la quota di servizio è di 3000 m. Il dispositivo può spostarsi ad una velocità di 180 km/h per una distanza fino a 150 km e la velocità di salita è di 7 m/. S. Riserva carburante – 180 l (benzina con numero di ottano 95), consumo – 24-36 l/h.

Considerando lo stato attuale del campo di battaglia, la saturazione dei droni FPV, la partecipazione di un elicottero Hunter senza pilota come mezzo per supportare la fanteria in attacco sarà problematica. L’uso dei NAR è una reliquia inefficace del passato; sono necessari missili guidati. Per quanto riguarda il contrasto ai BEC e agli UAV kamikaze, l'Hunter può davvero essere utile se non è sovraccarico di NAR e bombe aeree, e come armi di distruzione rimangono solo una mitragliatrice con un numero maggiore di cartucce e un serbatoio aggiuntivo di carburante.
7 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. -1
    11 June 2024 13: 21
    È abbastanza difficile distruggere il BEC con le mitragliatrici degli elicotteri (c'erano video), invece di una mitragliatrice sull'elicottero Okhotnik (Hunter), vengono utilizzati 4-6 missili del tipo "Whirlwind" e simili, soprattutto con l'homing più efficace. Per quanto riguarda gli anti-UAV, è possibile rinforzare l'elica e tagliare e soffiare via piccoli UAV di plastica con il flusso d'aria proveniente dall'elica. Per gli UAV più grandi è necessaria la RS aria-aria. Un simile elicottero senza pilota può essere utilizzato con successo, con armi adeguate, contro tutti i droni: terrestri, di superficie e aerei.
  2. 0
    11 June 2024 15: 36
    I razzi sono una buona cosa, ma molto complicati e costosi. E i BEC manovreranno intensamente quando vedranno l’inseguimento. Potrebbe essere consigliabile inventare contenitori sospesi con mitragliatrici a fuoco rapido (ce n'erano alcune da qualche parte, ne sono state aggiunte un po' in Bielorussia) come quelle dei cannoni. L'unico problema è che, a quanto ho capito, questi contenitori sono fissati rigidamente e vengono puntati ruotando il corpo dell'intera macchina, e questo è difficile. Se solo fosse possibile abbattere un container che avesse almeno una certa capacità di mira (ma questo apparentemente proviene dal regno della fantascienza).
  3. -1
    11 June 2024 16: 10
    Una schifezza completa. È più semplice dotare la flotta di sensori e di una torretta automatica. Tutto ciò sembra un taglio del budget.
    1. 0
      11 June 2024 18: 18
      Calcolare quante costose torrette automatiche saranno necessarie per l'intera flotta, un compito di cinque anni, a costi enormi. Inoltre, la protezione è necessaria qui e ora. Quando una dozzina di BEC si avvicinano a una nave a velocità e manovrano, soprattutto di notte, è troppo tardi per "bere Borjomi" e nessuna torretta li salverà dal gruppo; Un colpo di proiettile non significa che il BEC sia disabilitato; è necessario essere colpiti da munizioni esplosive di artiglieria di piccolo calibro per avviare un attacco esplosivo al BEC. È possibile danneggiare il motore o la scatola di controllo, ma la probabilità è bassa. Pertanto, un colpo da parte di un RS con sufficiente esplosivo avvia la detonazione della carica BEC. o provochi danni che riducano le caratteristiche del BEC. navi antincendio.. Pertanto, gli UAV di servizio con un set di armi saranno un mezzo universale "per tutte le occasioni", sia in mare che a terra.
  4. +1
    11 June 2024 18: 26
    I razzi non guidati sono la cosa migliore se spari da un centinaio di metri di distanza.
    Ma portare con sé una mitragliatrice pesante, che lancerà questa macchina con rinculo dopo ogni colpo, non è una buona idea.
  5. +1
    12 June 2024 08: 44
    Qualunque cosa: bielorussi, iraniani, nordcoreani, maser-laser... Eppure la flotta è lì fino al collo... Ricordate la difesa aerea della flotta americana alla fine della guerra - durante gli attacchi aerei e acquatici kamikaze... Una massa di artiglieria di piccolo calibro, una cortina di fuoco... Scienziati...
    1. 0
      12 June 2024 18: 30
      Non confondere cose diverse, sia in termini di tempo che di classe di navi. Quello che hai suggerito è ancora possibile per un incrociatore, solo che non sono rimasti più incrociatori, solo corvette, dove non c'è nessun posto dove attaccare tre installazioni di artiglieria. Una cortina di fuoco, questo è interessante, ma come si può praticamente creare una cosa del genere su una nave di seconda classe e inferiori.