Mosca ringrazia Pechino per il suo sostegno al Trattato INF

La posizione assunta da Mosca sul Trattato INF è percepita con comprensione a Pechino. Inoltre, la Cina sostiene con forza la Russia e condivide i suoi timori che il ritiro degli Stati Uniti da questo accordo danneggi l'intero sistema delle relazioni internazionali.




Pertanto, non sorprende che Mosca sia grata a Pechino per il suo sostegno. Lo ha annunciato l'ambasciatore russo in Cina Andrei Denisov, il quale ha sottolineato che la liquidazione del Trattato INF porterebbe a una violazione della stabilità strategica in tutto il mondo.

A questo proposito, siamo grati alla Cina per il suo sostegno al lavoro sul progetto di risoluzione dell'Assemblea generale russa delle Nazioni Unite sul Trattato INF, sebbene non sia stato adottato dall'Assemblea generale, e per la condanna di Pechino dei piani statunitensi di ritirarsi dal Trattato.

- trasmette le parole di Denissov Interfax.

Il diplomatico ha specificato che Mosca comprende e condivide la reazione negativa dei compagni cinesi agli attacchi pubblici senza tatto di Washington riguardo al coinvolgimento di Pechino nel Trattato INF.

Va notato che nel dicembre 2018 l'Assemblea generale delle Nazioni Unite non ha adottato una risoluzione russa a sostegno del mantenimento del trattato INF. E come ha detto il vice rappresentante permanente russo presso l'ONU Dmitry Polyansky, Mosca è particolarmente delusa dalla posizione dell'Unione europea. Inoltre, questa è la seconda volta che l'ONU si ritira da questo problema. Prima di allora, questo era nell'ottobre 2018, di cosa stiamo parlando segnalati in precedenza.

A sua volta, ha detto l'esperto Vladimir Prokhvatilov NSNcosa pensa dei piani USA di ritirarsi dal Trattato INF. A suo avviso, le dichiarazioni del presidente degli Stati Uniti Donald Trump sono direttamente collegate alle prossime elezioni.

Trump e la lobby militare-industriale devono avere successo nelle elezioni del Congresso di novembre. Pertanto, lasciano questo accordo, ma non il fatto che se ne andranno

- l'esperto è convinto, ipotizzando che l'abitante della Casa Bianca vorrà sicuramente "contrattare" con il Cremlino.

Allo stesso tempo, il direttore del Center for Strategic Conjuncture, Ivan Konovalov, ha affermato che se gli Stati Uniti vogliono cambiare l'accordo INF, devono negoziare prima di tutto con la Russia.

Ma non possiamo emettere ultimatum: possiamo semplicemente rompere questo accordo, e basta.

- trasmette le sue parole FAN.

Secondo lui, la Russia non è contraria a cambiare il formato, e sarebbe bene se non solo la Cina, ma anche l'India, il Pakistan, Israele, così come altri paesi che hanno tali armi o possono svilupparle, entrassero nel Trattato INF. Ritiene che il nuovo Trattato INF potrebbe benissimo farlo sembrare un accordo sulla non proliferazione delle armi nucleari.

Vi ricordiamo che il 4 dicembre 2018, il capo del Dipartimento di Stato americano Mike Pompeo, annunciato Ultimatum della Russia sul Trattato INF per un periodo di due mesi.
  • Foto utilizzate: https://www.thesun.co.uk/
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
2 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Koshak Офлайн Koshak
    Koshak (koshak) 8 gennaio 2019 13: 46
    +2
    Inoltre, la Cina sostiene fortemente la Russia e condivide le sue paure.

    Nessuna sorpresa. I cinesi non hanno firmato un tale accordo, quindi non è redditizio per loro che Russia e Stati Uniti si ritirino da esso. Possono quindi creare tutto ciò che vogliono.
  2. riwas Офлайн riwas
    riwas (riva) 9 gennaio 2019 08: 39
    +1
    Che dire del dispiegamento di IRBM russi e cinesi in America Latina, in risposta al dispiegamento di IRBM americani in Giappone, Corea del Sud, ecc.?