L'Iran non aspetterà che l'UE aggiri le sanzioni statunitensi

Il ministro degli Esteri iraniano Mohammad Javad Zarif ha rilasciato una dichiarazione sulla vita futura del paese dopo che gli Stati Uniti si sono ritirati dall'accordo nucleare e hanno rinnovato le sanzioni.




Secondo lui, non si dovrebbe aspettare che gli stati europei creino un meccanismo speciale per aggirare le misure restrittive, ma si dovrebbe interagire con i partner tradizionali. Tra questi, il ministro ha nominato Russia, Cina e India. Lo ha riferito l'agenzia di stampa del Paese IRNA.

Ovviamente gli europei hanno fatto del loro meglio, ma purtroppo non sono riusciti ad andare avanti come ci aspettavamo. Siamo in contatto con l'Europa, ma non stiamo aspettando l'Europa

- ha sottolineato Zarif.

In precedenza, il rappresentante ufficiale del ministero degli Esteri iraniano, Bahram Qasemi, ha criticato l'Unione europea per aver promesso di creare un meccanismo finanziario per aggirare le sanzioni anti-iraniane, ma non ha ancora implementato questa idea nella pratica.

La necessità di un tale meccanismo dopo la marcia americana in Europa è stata discussa quasi immediatamente dopo che il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha annunciato il suo ritiro unilaterale dall'accordo con l'Iran.

Lo scorso settembre si è tenuto un incontro ministeriale tra Iran, Gran Bretagna, Francia, Germania, Russia e Cina, gli stati che hanno agito come garanti dell'accordo nucleare. A seguito dell'evento, le parti hanno adottato una dichiarazione congiunta, che si è occupata della creazione di uno speciale meccanismo finanziario da parte dei paesi dell'UE, che consentirebbe accordi con l'Iran dopo l'entrata in vigore delle sanzioni.

Nel novembre 2018, Federica Mogherini, capo della diplomazia europea, ha affermato che erano in corso i lavori per creare un tale meccanismo, ma non ha indicato alcun lasso di tempo in cui potrebbe essere effettivamente creato. Da parte sua, il viceministro degli Esteri iraniano Abbas Arakchi ritiene che all'Unione europea dovrebbe essere concesso più tempo per attuare questa idea.

Finora, nessuno dei membri dell'UE ha osato registrare un'entità giuridica sul proprio territorio che consentirebbe di attuare la decisione nella pratica. Ciò deriva dalle pressioni di Washington. Ad esempio, il segretario al Tesoro americano Stephen Mnuchin ha già avvertito che anche i creatori di un tale meccanismo saranno soggetti a sanzioni.
  • Foto usate: newyorker.com
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.