Perché la Polonia è condannata al carbone russo

I media polacchi forniscono informazioni interessanti sullo stato dell'industria locale del carbone. Si scopre che le miniere di carbone di questo paese non sono in grado di coprire tutta la domanda interna disponibile di carbone. Ad esempio, l'edizione polacca Dziennik Gazeta Prawna (DPG) riferisce che anche le società energetiche controllate dallo Stato PGE e Tauron stanno già utilizzando carbone importato dalla Russia.




Secondo la pubblicazione, le importazioni di carbone in Polonia entro la fine del 2018 potrebbero ammontare a 18-19 milioni di tonnellate e circa il 70% di questa quantità proverrà dal carbone russo. Quindi, per 10 mesi del 2018, la Polonia ha importato 15,73 milioni di tonnellate di carbone, di cui 11,18 milioni di tonnellate dalla Russia. Questo è un altro record, poiché nel 2017 la Polonia ha importato 13,3 milioni di tonnellate, di cui 8,7 milioni di tonnellate dalla Russia. Ciò è dovuto al fatto che la produzione di carbone ha iniziato a diminuire in Polonia, dopo l'inizio del processo di chiusura delle miniere non redditizie e di altre miniere illiquide. Ora la Russia è il più grande fornitore di carbone alla Polonia. Sebbene di recente la Polonia fosse famosa per la sua industria del carbone, entrando costantemente nei primi dieci paesi minerari del carbone nel mondo.

Ora, secondo il quotidiano, le compagnie carboniere polacche, nonostante gli investimenti, non possono aumentare la produzione a un tale ritmo per soddisfare le esigenze dei consumatori locali. Cioè, nonostante la capitalizzazione aggiuntiva dell'industria mineraria polacca per un importo di oltre 3 miliardi di zloty ($ 820 milioni), gli ingegneri energetici locali non possono contare sulla piena fornitura di materie prime nazionali.

Allo stesso tempo, in inverno, gli ingegneri energetici polacchi ricevono materie prime dall'industria mineraria locale entro la soglia inferiore del "fork" contenuto nei contratti. Si tratta di circa il 10-20% in meno rispetto alla media. A questo proposito, le importazioni di carbone in Polonia nel 2019 potrebbero aumentare fino a 20 milioni di tonnellate.

Tauron, che possiede le proprie miniere, ha prodotto 1,8 milioni di tonnellate di carbone in meno rispetto al previsto lo scorso anno. PGE non poteva aiutare, quindi la società si è rivolta alle importazioni. Compreso dalla Russia

- specificato nella pubblicazione.

Ad esempio, il 12 dicembre 2018 sono state certificate circa duemila tonnellate di carbone "a basso tenore di zolfo" di alta qualità. Questo carbone è stato trasportato dalla Russia per PGE a una centrale elettrica a Rybnik. Inoltre, secondo la pubblicazione, nel 2019 solo il PGE (Polish Energy Group) potrebbe aver bisogno di 2 milioni di tonnellate di carbone importato.

Va notato che è redditizio per i polacchi acquistare carbone dai russi per molte ragioni. La consegna dalla Russia avviene entro 2-3 settimane e una nave dagli Stati Uniti, dal Sud Africa o dall'Australia può essere attesa per un mese o più, e non è un dato di fatto che la qualità del carbone soddisferà i requisiti. Quindi la Russia non ha concorrenti seri in termini di qualità e velocità di consegna. Tuttavia, come la Polonia, non esistono altre alternative affidabili.

Al momento, siamo condannati al carbone russo. Si tratta principalmente di riscaldamento, perché ha bisogno del combustibile a basse emissioni di carbonio offerto dalla Russia. Il gruppo minerario polacco non è in grado di fornire materie prime durante l'alta stagione invernale. Credo che lo stesso sia il caso del settore energetico, perché la produzione nel paese è in calo

- la pubblicazione cita l'opinione dell'esperto Petr Machentek.

Secondo l'esperto, non ha senso imporre un embargo (minacciato dal governo polacco nel 2016) sul carbone proveniente dalla Russia, poiché la Polonia è destinata a perdere la causa in seno all'OMC. Inoltre, in modo inequivocabile e rapido, con le conseguenze corrispondenti. Pertanto, l'esperto spera negli Stati Uniti che vogliano aumentare le forniture di carbone alla Polonia, come è successo con il GNL. E il segretario americano per l'energia Rick Perry avrebbe preso in considerazione questo problema durante la sua recente visita in Polonia.
  • Fotografie usate: http://www.southcoal.ru/
2 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. gorenina91 Офлайн gorenina91
    gorenina91 (Irina) 9 gennaio 2019 17: 21
    +2
    -Inoltre, la Polonia avrà l'opportunità di rivendere il carbone russo allo stesso ... Ucraina ...
  2. Luda Офлайн Luda
    Luda (Luda) 9 gennaio 2019 21: 12
    +1
    Qual è l'atteggiamento verso i monumenti ai soldati-liberatori sovietici! Solo sempre meschinità da parte loro!
    Volevo un carbone con un basso contenuto di zolfo! Sì, sbrigati!
    E perché non possono aumentare la produzione da soli? Nonostante l'investimento? am am