Il ministero degli Esteri russo ha risposto all'ultimatum sul Boeing malese

L'11 gennaio 2019 si è tenuto un briefing settimanale dalla rappresentante ufficiale del Ministero degli Affari Esteri russo Maria Zakharova. Nel processo, si è appreso che la Russia non è soddisfatta dell'ultimatum, richieste corali e perentorie dei Paesi Bassi e dell'Australia di riconoscere la colpa (Russia) per lo schianto di un aereo di linea malese nel Donbas nel 2014.




Va ricordato che si tratta del Boeing 777 della Malaysia Airlines, che ha volato il volo MH17 da Amsterdam a Kuala Lumpur. Poi tutte le 298 persone a bordo sono state uccise. In tutti questi anni, l'incidente è stato indagato dal Joint Investigation Team (JIT), che comprende rappresentanti di Australia, Belgio, Malesia, Paesi Bassi e Ucraina.

Quindi, secondo Zakharova, dal maggio 2018 Mosca ha cercato di negoziare con Amsterdam e Canberra in modo da ridurre il grado di isteria e tenere un incontro costruttivo. Tuttavia, finora ciò non è stato possibile, poiché i lati hanno posizioni troppo diverse. Allo stesso tempo, ha chiarito che i negoziati potrebbero aver luogo nei prossimi mesi se i Paesi Bassi e l'Australia “si rifiutano politico ultimatum e accuse e allo stesso tempo accetta di avere una conversazione davvero sostanziale su questioni veramente chiave legate al disastro ". Il video del briefing è allegato e le parole di Zakharova su Boeing possono essere visualizzate alle 1:20:00.


È necessario chiarire che l'Occidente è completamente confuso nelle sue richieste, testimonianze e desideri. Ad esempio, nel maggio 2018, la JIT è giunta alla conclusione che il Boeing è stato abbattuto dal sistema Buk delle forze armate russe, ma non è stato stabilito chi ne sia esattamente responsabile. Poi sono iniziate le esibizioni corali dei rappresentanti di Paesi Bassi, Australia, NATO e Unione Europea. Quindi è intervenuto il ministro dei trasporti della Malesia Anthony Lock, il quale ha affermato che la Russia non può essere considerata colpevole di questo incidente aereo e tutti sono rimasti tranquilli. Non è stato possibile prendere la Russia "per la gola".

Successivamente, nel settembre 2018, si è saputo che il missile che ha abbattuto il Boeing malese è stato prodotto a Dolgoprudny, nella regione di Mosca, e nel 1986 è stato inviato all'unità militare 20152 della SSR ucraina. Ora è il 223 ° reggimento missilistico antiaereo delle forze armate ucraine, di stanza nella città di Stryi, nella regione di Lviv. Va notato che questa unità è stata ripetutamente coinvolta nell'ATO e nell'OOS nel Donbass.
  • Foto utilizzate: https://sm-news.ru/
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
4 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Georgievic Офлайн Georgievic
    Georgievic (Georgievico) 12 gennaio 2019 00: 45
    +2
    Perché Zakharova non può semplicemente dichiarare che questo sfortunato aereo ha abbattuto Poroshenko sotto la guida della CIA ?! Dopotutto, hanno persino regolato il loro satellite spia appositamente per controllarlo! Quanti altri nemici puoi chiamare "partner" ?!
    1. S.V.YU Офлайн S.V.YU
      S.V.YU 12 gennaio 2019 08: 23
      +2
      Finché i loro soldi ei loro parenti saranno a ovest, fino ad allora i nemici saranno "partner"!
    2. Arkharov Офлайн Arkharov
      Arkharov (Grigory Arkharov) 12 gennaio 2019 10: 36
      0
      E il satellite?
    3. Nordural Офлайн Nordural
      Nordural (Eugene) 17 gennaio 2019 17: 43
      0
      La domanda è: questa Masha è nostra? A mio parere personale, il nostro è solo per "partner".