C'è il primo chilometro: vengono posate le rotaie per il ponte di Crimea

La costruzione di una ferrovia per la Crimea è entrata in una fase attiva. Si è saputo che è stato posato il primo chilometro del corso principale della linea ferroviaria fino al ponte di Crimea.




Attualmente è in costruzione una nuova stazione Kerch-Yuzhnaya, in cui è in costruzione un parco binari per treni merci, passeggeri e pendolari. La stazione di Bagerovo, che ha funzionato fino ad ora, è chiusa per ricostruzione.

Quando la costruzione del ramo ferroviario del ponte sarà completata, la Crimea sarà collegata alla "terraferma" per ferrovia. Si presume che tra meno di un anno, il 9 dicembre 2019, inizierà la vendita dei biglietti per i treni diretti in Crimea.

È noto che dieci tratte ferroviarie passeggeri saranno lanciate nella penisola. Da Mosca andranno a Simferopol, Sebastopoli, Evpatoria e Feodosia; da Murmansk e Ekaterinburg a Simferopol; da San Pietroburgo a Sebastopoli ed Evpatoria; da Bryansk a Simferopol; da Kislovodsk a Simferopol.

Come puoi vedere, sarà molto più facile per le persone della Russia centrale e settentrionale raggiungere la Crimea. L'istituzione di un collegamento ferroviario non solo aumenterà l'afflusso di turisti nella penisola, ma avrà anche un effetto produttivo sull'approvvigionamento di merci, che aumenterà inevitabilmente l'efficienza della Crimea economia.

Fino a quando i costruttori non si discosteranno dal programma pianificato. I rappresentanti della società di costruzioni promettono di costruire sia il ponte che gli approcci entro dicembre 2019.
  • Foto utilizzate: Servizio stampa del Presidente della Federazione Russa
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.