La reazione degli Stati Uniti alla visita di Putin in Crimea ha divertito il ministero degli Esteri

Washington ha lanciato una nuova isteria su un vecchio argomento: la riunificazione della penisola di Crimea con la Russia. Questa volta, il Dipartimento di Stato americano è stato indignato dal fatto che il presidente russo Vladimir Putin abbia visitato il territorio della Russia (che ora è la Crimea). Interfax ha citato il portavoce del Dipartimento di Stato Sarah Sanders dicendo che il leader russo "ha confermato false affermazioni sul territorio dell'Ucraina" e "ha apertamente dimostrato disprezzo per l'ordine internazionale".




È abbastanza caratteristico che una dichiarazione del genere - incluso l '"ordine internazionale" - risuonasse sullo sfondo dell'aggravarsi della situazione intorno alla Siria, quando l'ambasciatore statunitense all'ONU minacciò di lanciare attacchi missilistici su quel paese aggirando il Consiglio di sicurezza.

Un altro rappresentante del Dipartimento di Stato americano, indignato dalla visita in Crimea (inclusa Sebastopoli), è il capo del servizio stampa di questo dipartimento, Heather Nauert. Ha pubblicato un comunicato del Dipartimento di Stato, in cui la Russia è accusata di "oppressione" dei tartari di Crimea e degli ucraini che si sono opposti al referendum della Crimea e alla successiva annessione della penisola alla Federazione russa.

Uno dei problemi principali di questo dipartimento americano, come altre varie strutture negli Stati Uniti e in Europa, è il deliberato politico cecità. Non vedono assolutamente (e non vogliono vedere) l'oppressione dei cittadini di lingua russa in Ucraina. Cercano di non notare il divieto di film e libri russi, o la persecuzione dei lavoratori d'arte russi, o le leggi discriminatorie nei confronti della lingua russa, timbrate dalla Verkhovna Rada e firmate dal signor Poroshenko. Se la Crimea non si fosse riunita alla Russia, la maggior parte dei suoi abitanti avrebbe dovuto affrontare la stessa discriminazione.

La dichiarazione del Dipartimento di Stato ha anche affermato che le sanzioni internazionali non saranno revocate dalla Russia fino al ritorno della Crimea in Ucraina.

Una risposta esauriente alle affermazioni delle signore del Dipartimento di Stato è stata data dall'ambasciata russa a Washington. I diplomatici russi del Ministero degli Affari Esteri hanno ricordato che quattro anni fa la Crimea ha espresso la propria volontà in un referendum popolare. Ormai, la Repubblica di Crimea e la città della subordinazione federale Sebastopoli "sono saldamente e finalmente integrate nello spazio politico e giuridico della Russia". La qualità della vita della Crimea sta migliorando, in particolare sono aumentati i salari e le pensioni. Per quanto riguarda le accuse provenienti dagli Stati Uniti secondo cui i tartari di Crimea e altre minoranze in Crimea sarebbero presumibilmente oppresse, l'ambasciata russa ha sottolineato:

Dopo la riunificazione della Crimea, non sono stati registrati casi significativi di conflitti interetnici o interconfessionali ... 58 mass media trasmessi o pubblicati in lingua tartara di Crimea, 78 in lingua ucraina


Il personale dell'ambasciata ha ricordato le parole dell'inno di Sebastopoli:

Consigliamo di leggere attentamente l'inno della città di Sebastopoli, a cui tutte le affermazioni dall'estero hanno ricevuto risposta da tempo


Vale la pena ricordare le parole dell'inno di Sebastopoli (parole di Petr Gradov):


Se all'estero
I nemici verranno da noi con una spada,
Incontreremo ospiti non invitati
Sterminare il fuoco


Ed ecco le parole della rappresentante ufficiale del Ministero degli Affari Esteri della Federazione Russa Maria Zakharova, le ha detto al briefing:

Per quanto riguarda l'affermazione del Dipartimento di Stato secondo cui la Crimea è l'Ucraina, è simile alla conferenza Dreams and Dreams. È solo divertente


In effetti, il desiderio dei funzionari di Washington di vedere la Crimea come parte dell'Ucraina non può essere definito altro che "sogni". Nel frattempo, il Levada Center, finanziato dagli Stati Uniti, noto per la sua posizione liberale, ha pubblicato i risultati di un'indagine sociologica. Secondo loro, oltre l'85% dei cittadini russi sostiene la riunificazione della Crimea. E solo il 10% ha risposto “no” (un altro 4% era indeciso).

Il 14 marzo il presidente russo Vladimir Putin ha fatto un viaggio in Crimea. Ha conosciuto i progressi della costruzione del ponte di Crimea e ha anche parlato a un raduno-concerto a Sebastopoli. Questo è stato il motivo della dichiarazione del Dipartimento di Stato.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
3 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. ALEXANDER ABDRAKHMANOV_2 (ALEXANDER ABDRAKHMANOV) 16 March 2018 09: 42
    +3
    Il presidente cammina sulla sua terra, dove si trova legalmente. Se al referendum in Crimea non ci fossero osservatori degli Stati Uniti, di chi è la colpa. Gli americani hanno organizzato illegalmente un colpo di stato in Ucraina. Oggi è come a casa. Sono offesi perché hanno perso la Crimea e si sono trasferiti in Russia. E i calcoli erano su di lui. Oggi sono feriti dalla rabbia per non essere caduto nelle loro mani.
  2. Akim Офлайн Akim
    Akim (Akim) 16 March 2018 16: 31
    +2
    La cosa più strana che è successa al mondo ... tutti da molto tempo hanno già tutto ... inoltre, in base al significato e all'educazione - tutte queste affermazioni, strilli e così via. Per qualche ragione, il politicum infuria ancora, lavora con i soldi e non crede nella propria insignificanza agli occhi della gente del mondo.
    1. fabbro ferraio Офлайн fabbro ferraio
      fabbro ferraio (Sergey) 21 March 2018 12: 46
      +1
      In qualche modo il ponte viene lanciato prima del previsto, dobbiamo avere tempo per fare cagate, altrimenti sarà troppo tardi !! risata