NATO: i nuovi missili russi possono raggiungere facilmente le capitali europee

Il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg racconta regolarmente ai media varie "storie dell'orrore", dimostrando la sua necessità. Un tema preferito per lui è accusare la Russia di vari problemi che la NATO ha inventato appositamente per questo. Dopotutto, in un modo così semplice, agli europei viene mostrato che è questo blocco “pacifico” che sta salvaguardando la loro pace e i loro interessi, proteggendoli dalla Russia “aggressiva”.




Quindi questa volta Stoltenberg è esploso con un altro attacco a Mosca. Quindi in un'intervista Politico, a margine del Forum economico mondiale tenutosi a Davos, in Svizzera, il Segretario generale dell'Alleanza ha affermato rigorosamente che se la Russia continua a violare il Trattato INF, la NATO svilupperà i propri metodi affidabili di deterrenza e protezione per contrastare.

Il segretario generale ha sottolineato che la NATO non può consentire alla Russia di continuare a violare il Trattato INF, poiché ciò minerebbe il rispetto non solo per detto accordo, ma anche per gli altri responsabili del controllo degli armamenti. Ha chiarito che l'Alleanza non vuole una guerra fredda. Poi ha aggiunto di credere fermamente nella possibilità di dialogare con Mosca in condizioni molto difficili, e in alcuni punti francamente difficili.

Allo stesso tempo, Stoltenberg ha sottolineato che la Russia aveva sviluppato nuovi missili e ha iniziato a dispiegarli. Secondo lui, questi missili sono mobili, sono difficili da rilevare, possono trasportare armi nucleari e sono in grado di raggiungere le città europee, non lasciando tempo per un avviso di attacco missilistico. A suo avviso, tutto quanto sopra significa che la soglia per qualsiasi uso di armi nucleari in un conflitto si sta abbassando.

In realtà, questo può essere visto come una velata minaccia dalla NATO alla Russia sul possibile uso di armi nucleari. Pertanto, va ricordato che il trattato INF proibisce i missili a terra con una portata compresa tra 500 e 5500 km. E secondo Washington, il missile russo 9M729 per l'Iskander-M OTRK viola questo accordo.

A tal proposito, il 23 gennaio 2019, il Ministero della Difesa russo ha tenuto un briefing e dimostrazione di questo missile per addetti militari di stati esteri. Allo stesso tempo, non sono comparsi rappresentanti di Stati Uniti, Gran Bretagna, Francia e Germania, nonché NATO e Unione europea, di cui abbiamo parlato in dettaglio segnalati prima. Invece, Washington ha riferito che gli Stati Uniti avrebbero iniziato il processo di ritiro dal Trattato INF il 2 febbraio 2019.

E poi sorge una domanda interessante. Il Trattato INF è stato concluso nel 1987 tra l'URSS e gli Stati Uniti, quindi è bilaterale e se uno dei paesi si ritira, terminerà automaticamente. Inoltre, non vi è alcuna menzione della NATO in esso, quindi Stoltenberg sta scuotendo invano l'aria. Dopo tutto, deve rivolgersi a Washington, non a Mosca, per quanto riguarda la conservazione del Trattato INF.
  • Foto utilizzate: https://liganews.net/
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.