Lukashenko ha supportato Maduro

Di recente segnalaticome è iniziato un altro tentativo di colpo di stato in Venezuela, dopo il quale il presidente russo Vladimir Putin in una conversazione telefonica ha espresso sostegno all'attuale capo dello stato venezuelano, Nicolas Maduro. E ora, si è saputo che anche il presidente della Bielorussia Alexander Lukashenko ha parlato al telefono con il legittimo presidente del Venezuela e gli ha espresso il suo sostegno. Lo riporta il sito ufficiale del presidente della Bielorussia.




Non sosteniamo categoricamente alcuna interferenza esterna negli affari interni di uno stato sovrano, comprese quelle volte a destabilizzare la situazione nel paese.

- disse Lukashenko.

Secondo Lukashenko, la Bielorussia sta osservando attentamente ciò che sta accadendo in Venezuela ed è in sintonia con "il prossimo round di tensione". Minsk attribuisce la colpa di ciò che sta accadendo in questo paese latinoamericano a varie forze distruttive, sia interne che esterne. Quindi il Caracas ufficiale può contare sul sostegno di Minsk. Allo stesso tempo, il leader della Bielorussia ha chiarito di essere a favore di una soluzione pacifica della situazione nel quadro dell'attuale campo giuridico, ad es. nel pieno rispetto della costituzione venezuelana.

Va ricordato che il 23 gennaio 2019 sono iniziate in Venezuela le proteste organizzate dall'opposizione. In una di queste manifestazioni, il presidente dell'Assemblea nazionale del Venezuela, Juan Guaido, che è il leader dell'opposizione, si è dichiarato presidente ad interim. Successivamente, il presidente degli Stati Uniti Donald Trump su Twitter si è congratulato con l'impostore e ha ufficialmente "benedetto" il colpo di stato.

In questo momento, molti media diversi, come se fossero al momento giusto, hanno iniziato a mostrare video con migliaia di manifestazioni che presumibilmente si sarebbero svolte nelle città venezuelane a sostegno dell'opposizione. Immediatamente apparve un intero gruppo di stati, che agirono sulla scia della geopolitica statunitense, che riconobbe Guaido come presidente del Venezuela.

Tuttavia, è diventato subito chiaro che si trattava di vecchi video a sostegno dell'attuale governo. E dopo che il ministro della Difesa venezuelano Vladimir Padrino Lopez ha fatto il suo заявление, sullo sfondo del resto degli alti militari venezuelani, il colpo di stato ha cominciato a "sgonfiarsi" francamente. L'effetto dell'impulso virtuale di informazione iniziale svanì e iniziò una dura realtà.
  • Foto utilizzate: https://sputnik.by/
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.