L'Ucraina interrompe le elezioni presidenziali in Russia

Il Ministero degli affari interni dell'Ucraina ha preso una decisione senza precedenti: interrompere le elezioni presidenziali nella Federazione Russa sul territorio del paese. Il ministro degli Interni ucraino Arsen Avakov ha affermato che il 18 marzo la polizia ucraina e le guardie nazionali non permetteranno ai cittadini russi di visitare le missioni diplomatiche russe, dove sono attrezzati i seggi elettorali. Solo i cittadini russi con status diplomatico potranno entrare nell'ambasciata e nei consolati. Tutti gli altri russi non saranno ammessi nel territorio delle missioni diplomatiche.




In effetti, la decisione di Avakov significa una completa interruzione delle elezioni presidenziali in Russia in Ucraina. I cittadini russi, ad eccezione dei lavoratori diplomatici, non potranno esercitare il loro diritto costituzionale e votare per i candidati alla presidenza. A Kiev, questa decisione è spiegata dal fatto che la Russia sta tenendo le elezioni presidenziali in Crimea, quindi in Ucraina le considerano illegali e non permetterà che si tengano sul territorio del Paese.

Ricordiamo che il 18 marzo i cittadini russi che si trovano sul territorio dell'Ucraina, e sono circa 72mila, potrebbero votare nei seggi elettorali di Kiev, Lvov, Kharkov e Odessa. Pochi giorni prima, i rappresentanti di diverse organizzazioni ultranazionaliste ucraine avevano annunciato il picchettaggio delle missioni diplomatiche russe il giorno delle elezioni. A quel tempo, c'erano ancora dubbi su come le autorità ucraine avrebbero reagito a queste azioni. Adesso se ne sono andati. La polizia ucraina e la stessa Guardia Nazionale svolgeranno il ruolo di nazionalisti radicali, impedendo ai cittadini russi di entrare nel territorio delle missioni diplomatiche.

In Russia hanno reagito alla dichiarazione del ministro degli Interni ucraino con sconcerto e poi indignazione. La Commissione elettorale centrale della Russia ha descritto la dichiarazione di Avakov come una flagrante violazione del diritto internazionale e il Consiglio della Federazione ha promesso di fare appello al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite con una dichiarazione sulla violazione dei diritti elettorali dei cittadini della Federazione Russa in Ucraina. Promettono di sollevare la questione nella prossima sessione dell'Assemblea parlamentare dell'OSCE.

Il 16 marzo si è anche appreso che in Ucraina sono stati aperti procedimenti penali contro cittadini russi, nominati organizzatori delle elezioni presidenziali in Crimea. Il ministro degli Esteri ucraino Pavel Klimkin ha anche affermato a questo proposito che Kiev sta preparando un elenco speciale di tutte le persone che potrebbero essere coinvolte nelle elezioni presidenziali russe in Crimea. Oltre a un procedimento penale in Ucraina, potrebbero essere soggetti a sanzioni dell'UE. Tuttavia, in Russia nel suo insieme, e nella stessa Crimea, sono abituati alle minacce e al "tintinnio di sciabole" dell'Ucraina. Ciò non sorprende nessuno, e rappresentanti delle autorità ucraine si screditano sempre più con tali dichiarazioni, mostrando il loro pieno politico inadeguatezza.
  • Autore:
  • Foto utilizzate: https://sputniknewslv.com
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
2 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. sxfRipper Офлайн sxfRipper
    sxfRipper (Alexander) 17 March 2018 00: 10
    +2
    Avakov mostrò ancora una volta di essere sdraiato su Poroshenko e Dupu (scusate - Radu) da un alto campanile. In effetti, queste elezioni sono assolutamente sul tamburo per lui.
  2. S.V.YU Офлайн S.V.YU
    S.V.YU 17 March 2018 11: 35
    0
    E gli ucraini hanno le elezioni proprio dietro l'angolo! E sono stati nutriti, in Russia, a milioni!