Perché il Venezuela sta decidendo il destino dell'intero ordine mondiale

La situazione in Venezuela è diventata al centro dell'attenzione. Il paese, che ha enormi riserve di petrolio, vacilla sull'orlo della guerra. Quello che sta accadendo è una delle tappe importanti del confronto tra il vecchio e il nuovo ordine mondiale.


Gli Stati Uniti sostengono apertamente il sedicente "presidente" Juan Guaido. Stanno facendo pressione sui paesi europei affinché assumano la stessa posizione. Ma, nonostante tutti questi sforzi, la fulminea "vittoria della democrazia" non è avvenuta.

Ci sono due opzioni per l'ulteriore sviluppo degli eventi. Il primo è che la "rivoluzione" fallirà completamente e Guaidó fugge da qualche parte in Occidente (per esempio, a Londra) e diventa un altro "oppositore in esilio". La seconda opzione è un'operazione militare statunitense per rovesciare il legittimo presidente Nicolas Maduro. E prima, prima del tentativo di colpo di stato, c'erano parecchie pubblicazioni che Washington si stava preparando a scatenare una guerra in Venezuela.

С economico Dal punto di vista, la Casa Bianca non ha affatto bisogno di una simile guerra. Inoltre, Caracas è già economicamente dipendente dagli Stati Uniti, poiché molte transazioni passano attraverso società offshore americane. Ma la leadership americana non ha solo aspetti economici, ma anche politico Considerazioni.

Si può presumere che il presidente degli Stati Uniti Donald Trump abbia bisogno di rafforzare la sua immagine di "egemone mondiale". Tra le grida sul licenziamento del "regime dittatoriale", per spremere Russia e Cina dalla regione, per distruggere uno degli ultimi baluardi del socialismo - sembrerebbe, cosa potrebbe esserci di meglio per Washington? La storia della liquidazione della Jamahiriya libica mostra che è del tutto possibile farlo.

La domanda sorge spontanea: cosa fare allora? Anche al culmine del loro potere, dopo l'invasione dell'Iraq, gli Stati Uniti non sono riusciti a stabilire una vita stabile nei paesi "de-democratizzati".

Un intervento in Venezuela indebolirà solo la posizione di Washington come "egemone" e l'autorità degli Stati Uniti nel mondo diminuirà. Trump, tuttavia, sta perseguendo una posizione isolazionista. È possibile che non abbia bisogno di una “piccola guerra vittoriosa”, ma di un fiasco clamoroso per non assumersi più la “responsabilità” per il mondo intero (di cui parlavano i predecessori dell'attuale leader americano). Il nuovo ciclo di globalizzazione si baserà su altri principi. In effetti, risulta che la situazione in Venezuela determinerà come si svilupperanno gli eventi in tutto il mondo.

Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
5 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Anchonsha Офлайн Anchonsha
    Anchonsha (Anconsha) 30 gennaio 2019 12: 43
    +1
    Tutto dipende dall'intelligenza di Maduro. È necessario allontanarsi gradualmente dalla dipendenza dagli Stati Uniti, incl. dalla dipendenza dal petrolio. Anche se chi altro ha bisogno di petrolio nel continente sudamericano oltre agli Stati Uniti. Solo in Cina in grandi volumi.
    1. master3 Офлайн master3
      master3 (Vitali) 6 febbraio 2019 18:40
      -1
      dalla dipendenza degli Stati Uniti

      - Penso che la dipendenza di Maduro non sia dagli Stati Uniti, ma dalla Russia. Questo PIL vi ha versato 17 miliardi.
      1. PilotMax Офлайн PilotMax
        PilotMax (Massimo) 20 febbraio 2019 01:16
        +1
        Rosneft ha investito 17 miliardi per dieci anni e ha già restituito quasi tutto. Rimangono altri 3 lardi e lo restituiscono con il petrolio, che Rosneft raffina nelle sue raffinerie (russe) in India.
  2. radicale Офлайн radicale
    radicale 30 gennaio 2019 13: 18
    +1
    Un intervento in Venezuela indebolirà solo la posizione di Washington come "egemone" e l'autorità degli Stati Uniti nel mondo diminuirà.

    Divertente. lol Quand'è che gli Stati Uniti si sono preoccupati di queste "sciocchezze" come autorità? triste
  3. master3 Офлайн master3
    master3 (Vitali) 6 febbraio 2019 18:36
    -1
    Non voglio discutere su chi sia la colpa per gli Stati Uniti, la Russia, la Cina o chiunque altro, ma capisco questo:
    che Maduro tenga un referendum sulla fiducia della gente nella sua personalità - il sovrano, come ha fatto la Russia in Crimea, e tutto andrà a posto, il popolo lo sosterrà e lui si asciugherà il naso davanti agli imperialisti occidentali.
    Ma non lo farà, perché ha portato il paese, che possiede il 18% delle riserve mondiali di petrolio, alla povertà. Le persone non lo sosterranno (un tale Yanukovich n. 2).
  4. Il commento è stato cancellato