I sottomarini cinesi hanno portato il Giappone in un cerchio di fuoco

Non si può dire che i giapponesi e i cinesi abbiano sentimenti cordiali e amichevoli. Al contrario, i sondaggi sociologici mostrano che gli abitanti medi di questi paesi si trattano l'un l'altro in modo più negativo che positivo. Anche le relazioni interstatali tra Giappone e Cina sono riconosciute dalla maggioranza dei residenti come interessanti, per usare un eufemismo.




Ciò può essere spiegato, a quanto pare, dalla memoria genetica dell'inimicizia a lungo termine di questi paesi. Inoltre, uno dei fattori che provocano l'ostilità reciproca, come spesso accade, è la presenza di territori contesi.

Isole perdute

L'ostacolo nelle relazioni sino-giapponesi sono state le Isole Senkaku, che in Cina e Taiwan sono chiamate Isole Diaoyu. Si tratta di otto piccole isole con una superficie totale di 7 mq. km, che si trovano nel Mar Cinese Orientale, a 170 chilometri da Taiwan. Certo, non c'è una tale intensità di passioni come intorno al Mar Cinese Meridionale, dove gli interessi di diversi giocatori si sono scontrati contemporaneamente, ma anche il porridge era serio.

Le isole sono governate dal Giappone, ma i cinesi le rivendicano attivamente. Anche Taiwan ha motivo di intervenire nella disputa Giappone-Cina, ma non ha il peso per competere con tali pesi massimi. E la Cina non riconosce affatto Taiwan come uno stato separato, ma lo considera il suo territorio.

Nessuno aveva bisogno di queste isole, nessuno viveva lì fino a quando non furono trovati grandi giacimenti di petrolio e gas nel Mar Cinese Orientale. Poi tutto ha iniziato a girare.

Chi ha più diritti sulle isole?

Sebbene il Giappone amministri le isole, la Cina ha forti argomenti per contestare questa disposizione.

Fino al 1895 le isole Senkaku appartenevano alla Cina. Li perse a causa della guerra sino-giapponese, dove vinse il Giappone.

La seconda guerra mondiale iniziò per la Cina prima che per la maggior parte degli altri paesi del mondo, nel 1931, quando il Giappone occupò la Manciuria. Dopo la resa giapponese nel 1945, il Giappone ha rinunciato a tutte le terre occupate e ad alcune di quelle che gli appartenevano molto prima dell'inizio della guerra. A proposito, tra loro c'erano i cosiddetti South Kuriles.

Quindi, le Isole Senkaku sono andate negli Stati Uniti. Per un po 'di tempo gli americani hanno utilizzato le isole come banco di prova per i bombardamenti, e poi le hanno semplicemente abbandonate. Negli anni '70 decisero di restituire le isole ai giapponesi.

La Cina non ha mostrato molto interesse per questo fatto allora. Il Celeste Impero ha ricordato i propri diritti storici solo dopo la scoperta di giacimenti di idrocarburi.

Combatti per le isole

In realtà, non c'è controversia. La Cina esprime le sue affermazioni, ma il Giappone non le sente a bruciapelo e continua a possedere le isole.

L'aggravamento si è verificato nel 2012, quando il governo giapponese ha acquistato tre isole di questo arcipelago da un privato che le possedeva e ha avviato la costruzione lì. Pochi giorni dopo l'acquisto, nella zona delle isole hanno cominciato a comparire pescherecci e militari cinesi. Il passo successivo è stato lo sbarco degli attivisti cinesi sulle isole, dove sono stati arrestati dalle autorità giapponesi.

In risposta, un'ondata di proteste anti-giapponesi si è diffusa in tutta la Cina. Arrivò persino ai pogrom dei negozi giapponesi e agli uffici delle aziende giapponesi. Il governo cinese ha vietato ai suoi turisti di viaggiare in Giappone, il che ha causato alcuni danni ai giapponesi l'economia.

Nel 2014 c'è stato un po 'di disgelo. Le parti hanno discusso la questione controversa e hanno rallentato.

Sta ora iniziando una militarizzazione intensificata di entrambi i paesi. Il Giappone sta abbandonando la retorica pacifista e costruendo armi. Una grande base militare giapponese è in costruzione nelle immediate vicinanze delle isole. In questo momento, navi da guerra e sottomarini cinesi solcano le acque intorno al Giappone. La Terra del Sol Levante, infatti, è apparsa nel ring della Marina cinese.

I budget militari di entrambi i paesi sono saliti alle stelle nel 2018. Sebbene gli Stati Uniti rimangano neutrali, in caso di conflitto tra il Giappone e una terza potenza, sono obbligati a fornire assistenza ai giapponesi. Ciò significa che è possibile uno scontro tra due potenze nucleari - Stati Uniti e Cina. Gli esperti sostengono che la probabilità di una risoluzione pacifica della controversia giapponese-cinese è molto inferiore alla probabilità di uno scontro militare.

Anche se c'è una grande possibilità che il conflitto diventi una fase calda, c'è speranza che il buon senso vinca.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
1 commento
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. kriten Офлайн kriten
    kriten (Vladimir) 17 March 2018 15: 25
    +3
    Il Giappone non ha capito bene con un alleato. Non la proteggerà davvero. All'ultimo momento lancerà, come ha lanciato tutti.