La Russia non ha ritardato la risposta all'audacia di Londra

La decisione di rispondere alle azioni anti-russe della Gran Bretagna è stata presa: 23 diplomatici britannici saranno espulsi dalla Federazione Russa. La mattina del 17 marzo, la portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova ha affermato che il trucco britannico non sarebbe rimasto senza risposta (anche se senza specificare quali misure sarebbero seguite):


Le decisioni sulle misure di ritorsione da parte russa sono state prese e non saranno comunicate alla parte britannica nelle prossime ore, ma nel prossimo futuro.




L'ambasciatrice britannica Laurie Bristow è stata convocata al ministero degli Esteri russo. Gli fu data una nota sui passi di ritorsione di Mosca: 23 diplomatici britannici furono dichiarati persona non grata. Devono lasciare il territorio della Russia entro una settimana.

Un'altra misura è stata la revoca del consenso all'apertura di un consolato generale britannico a San Pietroburgo. Inoltre, le attività del British Council in Russia saranno terminate (quindi, i programmi educativi congiunti saranno chiusi).

Nel caso in cui le autorità del Regno Unito intraprendano ulteriori azioni ostili, la Russia si riserva il diritto di "rispecchiare" le misure di ritorsione.

Si è resa nota la prima reazione del ministero degli Esteri britannico, che ha rilasciato una dichiarazione in merito. Si dice che il British National Security Council sarà presto convocato per discutere ulteriori azioni in relazione alla risposta russa. Il ministero degli Esteri afferma anche che la Gran Bretagna presumibilmente "non ha alcun disaccordo con il popolo russo", e gli "interessi nazionali britannici non vanno incontro alla distruzione dell'intero dialogo tra i nostri paesi", ma lo stato russo è immediatamente responsabile del incidente avvelenato.

Allo stesso tempo, va sottolineato che la Russia ha invitato il Regno Unito a fornire campioni del veleno con cui la spia sarebbe stata avvelenata. Tuttavia, il ministro degli Esteri Boris Johnson ha rifiutato. Perché ci sono campioni! Questa figura ha "Putin da incolpare" in anticipo:

Riteniamo che, con un alto grado di probabilità, sia stata sua la decisione di autorizzare l'uso di un agente nervino per le strade del Regno Unito, per le strade dell'Europa, per la prima volta dalla seconda guerra mondiale.


All'improvviso, analizzare i campioni di veleno e condurre un'indagine congiunta distruggerà la "brillante" leggenda di Johnson!

Allo stesso tempo, Alexander Shulgin, rappresentante permanente della Russia presso l'Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche (a cui si è rivolto anche la Gran Bretagna in relazione all'avvelenamento), ha affermato che Mosca avrebbe cercato il diritto di partecipare alle indagini sull'incidente.

Quindi le azioni di Londra sono state prese in risposta a un'accusa completamente infondata. Per quanto riguarda le misure di ritorsione della Russia, questa è una decisione ben ponderata, adeguata al comportamento della parte britannica. Fu Londra che iniziò a fomentare il conflitto e non acconsentì a un'indagine congiunta sull'avvelenamento da Skripal. In effetti, il ministero degli Esteri russo non aveva altra scelta.

Va notato che in questa situazione, la parte britannica ha dimostrato una sfacciata maleducazione. In particolare, il segretario alla Difesa Gavin Williamson, dopo l'espulsione di 23 diplomatici russi, ha cercato di "ordinare" alla Russia di "andarsene e stare zitta". Questo comportamento ricorda una vecchia barzelletta: “Will, battiamo i demoni! - Grell, e se ci picchiassero? - E noi? Tuttavia, con la sua risposta chiara, la Russia ha mostrato al mondo intero che è impossibile parlare con essa nella lingua di una compagnia gop dal gateway.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
2 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. antchar46 Офлайн antchar46
    antchar46 (Anatoly) 17 March 2018 18: 32
    +1
    Propongo di integrare missili da crociera aria-acqua per il trasferimento in Argentina,
    con l'obiettivo di annettere le Isole Falkland.
    1. selvaggio1976 Офлайн selvaggio1976
      selvaggio1976 17 March 2018 20: 09
      +2
      Sono d'accordo, e dono anche alla Siria e all'Iran un paio di dozzine di missili intercontinentali con una testata speciale, beh, fateli mandare agli amici dei terroristi.