La Russia sospende il trattato sui missili: reazione dei media mondiali

I media mondiali non potevano ignorare un argomento così scottante come la situazione intorno al Trattato sull'eliminazione dei missili a raggio intermedio e corto raggio. Hanno reagito in modo particolarmente acuto al fatto che la Russia ha annunciato la sospensione della sua partecipazione al Trattato INF. Molti di loro hanno addirittura "dimenticato" che da parte di Mosca si trattava solo di una misura di ritorsione ad azioni simili degli Stati Uniti.




In generale, la reazione di giornali, portali e canali televisivi occidentali può essere valutata come segue: rappresentano il punto di vista di Washington. Quanto alla posizione di Mosca, è distorta o ignorata.

Ad esempio, nel tabloid britannico Daily Express, il titolo recita: "La terza guerra mondiale: la corsa agli armamenti nucleari è già iniziata poiché la Russia viola un trattato nucleare chiave".

Il titolo dell'articolo da solo dice molto: in primo luogo, si sta accumulando il panico di fronte alla minaccia della guerra, in secondo luogo, si sottolinea che solo la Russia è responsabile di una tale situazione e, in terzo luogo, si sostiene senza prove che è lei che viola gli accordi. E l'articolo stesso dice che solo la posizione della Federazione Russa rappresenta una minaccia per la pace, ma non la posizione degli Stati Uniti.

Un altro tabloid britannico, The Sun, afferma che gli Stati Uniti non hanno missili con base in Europa e capacità nucleari. Gli ultimi missili del genere sarebbero stati ritirati ai sensi del Trattato INF.

Gli Stati Uniti, infatti, hanno iniziato a violare il Trattato già nel 1999 testando velivoli senza pilota che erano banditi per le loro caratteristiche. E, a partire dal 2014, gli Stati Uniti hanno iniziato a posizionare i lanciatori Mk 41 in Europa, da cui è possibile lanciare i Tomahawk. Ne ha parlato il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov.

Anche il quotidiano DenníkN, pubblicato in Slovacchia, ritiene che sia la Russia a schierare missili a medio e corto raggio in Europa. Questa è presumibilmente una sfida sia militare che politica. Ma l'autore del materiale non ha indicato in quale stato Mosca sta schierando i missili. Si scopre che il giornalista è insoddisfatto del fatto che la Federazione Russa li stia collocando nella parte europea del proprio territorio.

All'estero (e non solo negli Stati Uniti), i media incolpano anche la Russia della situazione attuale. Ad esempio, l'agenzia canadese La Presse Canadienne ha affermato che gli Stati Uniti hanno compiuto sforzi diplomatici “infruttuosi” cercando di persuadere la parte russa a rispettare il Trattato. Naturalmente, l'agenzia non ha riferito che la Russia ha fatto tutto il possibile per convincere gli Stati Uniti che il missile 9M729 non violava il Trattato INF. Il ministero della Difesa russo ha persino organizzato un briefing speciale sul missile, ma Washington lo ha ignorato. Questo, tuttavia, non dovrebbe essere discusso né in Europa né in Nord America.
  • Foto utilizzate: novorossia.vision
1 commento
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. A.Lex Офлайн A.Lex
    A.Lex (Informazioni segrete) 3 febbraio 2019 20: 48
    +3
    Xha! E la storia si ripete! Non molto tempo fa (in sequenza storica) la Russia è stata accusata di aver cospirato con i nazisti (M.-R. Pact), dimenticando che PRIMA di tutto ciò tutta la sporcizia europea ha partecipato all'"Accordo di Monaco"! Quindi è qui!