Le truppe turche hanno organizzato un massacro ad Afrin

Nella prima mattina del 18 marzo, le forze turche ei loro alleati dell'Esercito libero siriano hanno occupato Afrin, un centro distrettuale nella provincia di Aleppo abitato principalmente da curdi. Recep Tayyip Erdogan ha annunciato solennemente la cattura della città in mattinata. Nella sua dichiarazione, il presidente turco ha promesso di compiere ogni sforzo per ripristinare le infrastrutture e riportare i rifugiati alle loro case.




Non c'è stata resistenza, i difensori della città delle Forze di autodifesa del popolo curdo (YPG) si sono ritirati da Afrin senza aspettare l'assalto.

Cosa ha preceduto la cattura di Afrin

Afrin si trova in una zona montuosa a 40 chilometri da Aleppo. Si trova a 28 chilometri dal confine turco. La regione di Afrin è famosa per la sua produzione di olio d'oliva. Anche il suo stemma presenta un ramo d'ulivo.

Sapendo questo, si può capire perché l'operazione militare delle forze armate turche in questa parte della Siria è stata chiamata "Olive Branch". C'è un doppio significato qui, poiché il nome dell'operazione non è solo un simbolo di Afrin, ma anche un simbolo di riconciliazione.

Secondo le autorità turche, lo scopo dell'operazione era impedire il bombardamento del territorio turco da parte dei militanti curdi dalle pendici delle montagne nelle vicinanze di Afrin. Molto probabilmente, questa è solo una scusa.

La Turchia ha lanciato operazioni militari su larga scala contro le milizie curde con l'uso attivo di aerei, artiglieria e forze di terra. Il culmine dello scontro è stato l'accesso alla città di Afrin da parte dei militari turchi e dei loro alleati dei gruppi islamisti.

I bombardamenti di artiglieria e gli attacchi aerei sono stati accompagnati dalla distruzione delle infrastrutture e dalla morte di un gran numero di civili. Tra le "imprese" dei militari turchi si può definire un raid aereo contro l'ospedale cittadino. Di conseguenza, 18 persone sono morte e diverse dozzine sono rimaste ferite. Afrin è stata completamente tagliata fuori dalla fornitura di acqua ed elettricità.

Negli ultimi giorni, circa 150 residenti locali hanno lasciato la città.

Il 17 marzo, l'amministrazione Afrin ha rilasciato una dichiarazione alla comunità mondiale:

In soli due giorni, bombardamenti e attacchi aerei hanno ucciso dozzine di civili, uomini, donne e bambini. Ci sono centinaia di persone (ferite) negli ospedali e nelle ambulanze. Un blocco disumano è stato creato dall'esercito turco e dalle bande islamiche ad esso associate. Chiediamo a tutte le organizzazioni internazionali e ai gruppi per i diritti umani di esprimere la loro voce forte per condannare e porre fine a questo crimine


Le autorità cittadine hanno anche richiamato l'attenzione sulla difficile situazione degli sfollati interni in un campo vicino ad Aleppo. Là, migliaia di persone sono allo scoperto, senza cibo né cure mediche.

Non c'è stata alcuna reazione da parte della comunità mondiale a questo appello. Forse c'erano cose più importanti da fare.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
3 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Hoc vince Офлайн Hoc vince
    Hoc vince (insegnante) 18 March 2018 18: 00
    +1
    Nuland: “Gli Stati Uniti chiedono alla Turchia di rimanere fedele ai principi democratici per i quali stiamo combattendo in Siria. Consideriamo inaccettabile qualsiasi altra posizione del nostro partner NATO "
  2. Ferdinant Офлайн Ferdinant
    Ferdinant 18 March 2018 19: 41
    +1
    È divertente ovunque.
  3. Scorpio05 Офлайн Scorpio05
    Scorpio05 (Scorpione) 21 March 2018 13: 14
    +1
    Dov'è il massacro? Perché fare dichiarazioni irresponsabili e prive di fondamento? È lo stesso se chiamassi Sergei Kuzmitsky un pedofilo e un maniaco seriale. Cioè, c'è esattamente la stessa quantità di verità. Se le operazioni nella regione dell'Africa (la cattura di Raja, Jinderes, Afrin, ecc.) Sono chiamate massacri (con un minimo di distruzione e vittime tra la popolazione civile), allora come dovremmo chiamare le operazioni ad Aleppo, Raqqa e Ghouta orientale. Genocidio completo e barbarie?