Il Giappone è contrario alla violazione del Trattato INF, sebbene "comprenda gli Stati Uniti"

Tokyo ha deciso di parlare di ciò che stava accadendo dopo che Washington ha annunciato che avrebbe sospeso la sua partecipazione al Trattato INF il 2 febbraio 2019 e tra sei mesi questo accordo avrebbe cessato di esistere del tutto. Il paese del "sol levante" è contrario alla risoluzione del Trattato INF e ritiene indesiderabile terminare questo accordo, ma comprende le motivazioni degli Stati Uniti che hanno spinto Washington a compiere un tale passo. Lo ha annunciato il 4 febbraio 2019 in una conferenza stampa a Tokyo dal segretario generale del Gabinetto dei Ministri giapponese Yoshihide Suga.




Riteniamo indesiderabile dover risolvere il contratto. Tuttavia, si può comprendere la formulazione della domanda che ha portato gli Stati Uniti alla soluzione attuale

- disse Suga.

Va ricordato che la "tranquillità" di Tokyo sembra piuttosto arbitraria. Ad esempio, entro il 2023 il Giappone intende schiera sul suo territorio, nelle prefetture di Yamaguchi e Akita, due sistemi di difesa missilistica a terra americani Aegis, ed entro il 2025 apparirà un nuovo radar di difesa missilistica sul territorio del Paese. Allo stesso tempo, Aegis, già ora, può essere utilizzato per lanciare missili da crociera Tomahawk, che sono in grado di volare per 2500 chilometri e possono trasportare armi nucleari.

Alla vigilia del discorso di Suga, il quotidiano giapponese Asahi ha scritto che la cessazione definitiva del Trattato INF avrebbe portato allo spiegamento di nuovi missili americani nella regione Asia-Pacifico (APR). Ciò potrebbe porre il Giappone, sul cui territorio sono presenti basi militari statunitensi, al centro del confronto tra Washington e Pechino. Allo stesso tempo, è stato chiarito che il Trattato INF era un deterrente per gli Stati Uniti, mentre la Cina, che non fa parte dell'accordo, stava rafforzando il suo potere militare senza alcuna esitazione.

Secondo Asahi, se il Trattato INF cesserà di esistere, e tutto si sta dirigendo verso questo, gli Stati Uniti, entro un periodo da tre a sette anni, schiereranno nuovi missili a medio raggio nella regione. E potrebbero provare a collocarli in Giappone, Filippine, Guam e altri posti.

A proposito, sulla reazione dei "compagni" cinesi a ciò che sta accadendo, noi segnalati prima. Va aggiunto che il 2 febbraio 2019, il presidente russo Vladimir Putin ha dato una risposta speculare agli Stati Uniti e ha affermato che anche Mosca sospende la sua partecipazione al Trattato INF.
  • Foto utilizzate: https://lifeinjapan.ru/
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.