Economia globale degli Stati Uniti: una fine che si insinua in modo visibile

Chi sta parlando di cosa, e io sono di nuovo sul globalismo, che non mi piace molto. Questo testo è una continuazione gratuita del mio articolo pubblicato su Reporter il 31 gennaio di quest'anno con il titolo "L'errore fatale dei globalisti: perché agli anglosassoni non piacciamo".




Dopo aver parlato con un certo numero di rappresentanti della "scuola occidentale", sono giunto a una conclusione interessante. Non si può dire che negli istituti di istruzione superiore americani, britannici e di altro tipo dei "paesi capitalisti", insieme alla propria politicaeconomico calcoli, non studierebbero l'esperienza e le teorie del "nemico" dal "campo socialista". Studiato. Hanno studiato le opere di Marx, gli articoli di Lenin e altri teorici del cosiddetto "comunismo scientifico". Ma questo è successo, di regola, con la condizione obbligatoria che non è così. Cioè, le persone, per così dire, in anticipo, leggendo questi materiali, erano programmate sul fatto che tutto ciò che affermava era sbagliato. E questo, per usare un eufemismo, non è del tutto vero.

Allontanandomi un po 'dall'argomento, dirò che, in effetti, anche le istituzioni educative dell'URSS, in generale, hanno aderito a una pratica simile, tutt'altro che migliore, nello studio dei modelli occidentali. Successivamente, anche questo, in ultima analisi, ha avuto un impatto negativo per molti aspetti sullo sviluppo della nostra economia. Personalmente aderisco fermamente alla convinzione che sia necessario studiare e utilizzare l'esperienza di sviluppo o di azione di chiunque e di chiunque in quelle aree in cui ha dimostrato di avere successo nella pratica, indipendentemente da alcuni politico simpatia.

Ma torniamo ai nostri "partner occidentali giurati". Se avessero studiato almeno lo stesso "Capitale" di Karl Marx in modo più attento e meno parziale, probabilmente avrebbero prestato attenzione al fatto che lo sviluppo del capitalismo in un sistema liberale, cioè con il cosiddetto metodo di governo democratico, è essenzialmente incompatibile con quello quelli che vengono chiamati interessi nazionali. Per il capitalismo in forma libera, l'obiettivo principale è solo aumentare il capitale. Questo è già un assioma. Ne abbiamo visto le prove già durante la prima e la seconda guerra mondiale, quando i singoli rappresentanti delle élite imprenditoriali degli Stati in guerra hanno comunque concluso accordi commerciali segreti tra di loro, anche contro gli interessi strategici dei propri paesi e popoli. Nel mondo moderno, ci troviamo regolarmente di fronte a un massiccio trasferimento di impianti di produzione in regioni con un minor costo del processo di produzione, al fine di aumentare i profitti, ma chiaramente a scapito dell'occupazione e dello sviluppo del potenziale economico dei nostri paesi. E anche con il ritiro, soprattutto da parte dei grandi imprenditori, di un ingente ammontare di capitali in varie "zone offshore" e in altri luoghi con bassi requisiti fiscali e di controllo, a scapito delle entrate fiscali dei propri stati e degli investimenti nelle loro economie. Tutto ciò indubbiamente indebolisce la produzione e il potenziale economico dei paesi donatori, che di regola sono ora le potenze sviluppate del mondo occidentale. E aumenta anche la loro vulnerabilità a fattori esterni.

Anche se questa non è affatto una prerogativa completa dell'Occidente, è una tendenza generale delle grandi imprese in generale. Anche la Russia, attraverso gli sforzi di alcune "persone di mercato particolarmente dotate" che erano al potere negli anni Novanta, si è diretta verso il flusso di sviluppo liberal-capitalista. E ora guarda Abramovich, Deripasok, Gref e figure simili. Queste persone sono considerate dei grandi rappresentanti degli affari russi. Ma dove si trova la maggior parte del loro capitale? Quanto dipendono dalla pressione esterna? Sono in grado, in qualità di massimi rappresentanti di grandi società di rilevanza nazionale, di risolvere compiti di rilevanza nazionale se contraddicono gli interessi del loro capitale? Ovviamente no! È sufficiente guardare alla storia recente con Rusal, o cercare di rispondere alla domanda "Perché non ci sono filiali Sberbank nella Crimea russa?" Inoltre, alla ricerca del superprofitto, essendosi integrati in questo stesso "sistema globale", e di tanto in tanto già in esso "entrando in testa" da attori esterni ancora più forti, questi cittadini si rivolgono immediatamente in aiuto a questo stesso stato, dal quale ritirano capitali e tasse sottopagate, citando la "rilevanza sociale" delle loro imprese. E ricevono questo stesso aiuto, grazie ai metodi di influenza descritti dei grandi affari sul potere appena sotto nell'articolo. Qui, a mio avviso, si pone la questione di quanto sia accettabile e quanto sia vantaggioso per lo Stato russo trovare tali imprese in mani private? Ma questo è un argomento un po 'diverso.

Ma andiamo oltre. Forse ancora più pericolosa è la crescente possibilità che i grandi capitali già influenzino il governo. In un mondo in cui tutto si vende e tutto si compra, il capitale ha tutte le possibilità di influenzare la cosiddetta istituzione democratica della formazione degli organi di governo dello Stato. Attraverso i media, sovvenzioni dirette da vari movimenti o organizzazioni, partiti politici, ecc., Per non parlare della solita corruzione, pressione diretta e indiretta viene esercitata sulle masse elettorali. E loro, poi, nel corso del processo elettorale, portano al potere, appunto, solo le persone di cui il capitale ha bisogno. In questo modo o con il metodo del cosiddetto "lobbying", che, dal mio punto di vista, è solo un bel nome per la stessa corruzione, il grande business "spinge" a livello statale già decisioni e leggi benefiche, che, ancora, spesso non corrispondono ai reali interessi dei popoli e degli Stati in cui tutto questo sta accadendo.

È come risultato di tutto ciò, nel mondo occidentale in generale, e negli Stati Uniti d'America in particolare e nella forma più significativa, oggi vediamo un quadro estremamente divertente: gli interessi delle giganti corporation, che, di fatto, sono il cardine della grandezza dell'economia americana, in questa fase di sviluppo sono già sono semplicemente contrari agli interessi degli Stati Uniti stessi come stato. Questo, a quanto pare, è ben compreso dal 45 ° presidente americano Donald Trump, che inaspettatamente per molti è salito all'improvviso sull '"Olimpo politico" della superpotenza d'oltremare non dalla loro "élite politica" locale stabilita, ma da affari reali. Lui, come un chiaro nazionalista e patriota del suo paese, fin dall'inizio della sua presidenza, cerca davvero di fare ogni sorta di passo per restituire il capitale e la produzione reale al territorio degli stessi Stati Uniti. Sta cercando di limitare la dipendenza del suo stato dai prodotti importati dall'esterno, e chi fa enormi profitti su queste importazioni, vuole costringerli a condividere con lo stato il modo di pagare tasse e dazi all'importazione. Ma questi timidi tentativi di sottrarre lo Stato ai tenaci "tentacoli del globalismo", molto probabilmente, non potranno influenzare radicalmente la situazione. La garanzia reciproca dei monopoli transnazionali ha legato a lungo e saldamente praticamente tutte le sfere dell'economia, nonché la politica interna ed estera degli Stati Uniti. E questa intera macchina ora, infatti, sta lavorando contro il suo legittimo presidente, sabotando le sue attività con tutte le sue forze e cercando di screditare e limitare i suoi diritti il ​​più possibile. E non importa quanto Trump vorrebbe questo, non sarà più possibile rilanciare l'economia nazionale del suo paese una volta più forte al mondo, precisamente nello status nazionale.

E anche in Russia, le prime campane del globalismo stanno già "suonando" - per esempio, la storia dei prezzi della benzina, che sono aumentati bruscamente perché le compagnie petrolifere russe hanno semplicemente trovato più redditizio vendere i loro prodotti sul mercato estero a un prezzo più alto che fornire il carburante necessario propria nazione. Cos'è? E questo è un danno diretto agli interessi nazionali dal globalismo. E l'assenza di filiali Sberbank in Crimea è la stessa. Il signor Gref è molto più interessato ai profitti delle filiali della sua azienda all'estero, che potrebbero essere minacciate dalle sanzioni, che allo sviluppo dei servizi finanziari nel suo paese. Inoltre, queste "figlie" con "Sberbank" hanno in comune solo il nome e l'iniezione iniziale di capitale, altrimenti sono persone giuridiche puramente straniere. Cioè, lo stato russo non ha nulla a che fare con loro, infatti. È tutto molto spiacevole. Tuttavia, è meno spiacevole di quando la propria, appunto, la banca nazionale, che controlla l'emissione di denaro nel paese, e rappresentanti del ramo legislativo, boicottano apertamente la politica economica del suo presidente. E questo è esattamente ciò che sta accadendo ora negli Stati Uniti, in un paese con un sistema di governo presidenziale, intendiamoci. E i soldi non sono alcune piastre, lire o grivna, e nemmeno il franco svizzero rispettato, ad esempio, è essenzialmente la moneta mondiale unica al momento, il sangue nel corpo dell'economia globale - il dollaro americano.

All'inizio degli anni Ottanta, quando si decise di "slegare" il dollaro dall'equivalente in oro, agli americani apparentemente sembrò un'idea brillante. Dopotutto, solo loro stampavano dollari e il loro valore, infatti, era sostenuto dall'economia del resto del mondo. Cioè, sembrerebbe, stampa quanto vuoi e sarai il più ricco del mondo! In effetti, questo è stato il caso per un periodo di tempo abbastanza lungo. Ma all'inizio del XXI secolo, questo si è trasformato per gli Stati Uniti nel fatto che questo stato stesso ha praticamente perso il controllo sulla propria valuta. Il suo valore e il volume di emissione sono ora determinati dai giochi di scambio di enormi società finanziarie transnazionali e da un'organizzazione chiamata Federal Reserve statunitense, che, nonostante il suo nome, non è affatto statale, ma è una complessa simbiosi di diverse strutture bancarie private. E il Tesoro degli Stati Uniti, infatti, semplicemente adempie fisicamente all'ordine della Federal Reserve di emettere moneta cartacea per l'importo di cui ha bisogno. Non analizzerò qui il complesso sistema di distribuzione dei flussi finanziari negli Stati Uniti, ma il risultato del funzionamento di questo sistema è che oggi in America ci sono un numero abbastanza elevato di corporazioni e banche super-ricche, e lo stato stesso, allo stesso tempo, ha una dimensione del debito assolutamente cosmica, il cui rimborso è già anche in teoria non è possibile. L'economia statale degli Stati Uniti è un'enorme "bolla di sapone" che, per una certa inerzia, persiste ancora, contrariamente a tutte le leggi del capitalismo e del mercato, il cui standard si suppone sia l'America. E questo è assolutamente noto a tutto il mondo. Le gigantesche corporazioni americane sono americane solo di nome. Questa capitale è stata a lungo "globalizzata", avendo perso la sua identità nazionale, e ha cominciato a vivere la propria vita, direttamente secondo le leggi di Marx. Promuovendo inizialmente le idee del globalismo, gli Stati Uniti avevano come obiettivo finale quello di soggiogare l'intero sistema economico mondiale, ma allo stesso tempo ignoravano i principi fondamentali dello sviluppo del capitale. E ha giocato loro uno scherzo crudele. Ora lo stesso stato americano, con tutto il suo potere e le sue strutture di sicurezza, vivendo, di fatto, del denaro creditizio delle multinazionali e interamente dipendente da esse, è diventato solo un potente strumento per sopprimere la concorrenza in tutto il mondo nelle mani di tutte le stesse corporazioni.

Sulle borse mondiali circolano quotidianamente enormi quantità di denaro sotto forma di cosiddetti titoli. Di recente, è questa, e non la produzione e il fatturato reale, la fonte di guadagno più potente. La maggior parte del denaro non è più costituito da beni e nella maggior parte dei casi l'obiettivo finale della contrattazione non è una certa sostanza materiale, ma un banale "grasso". Il denaro fa soldi, è anche una merce di riporto, cioè una proprietà e lo scopo della transazione. Un certo prodotto reale è spesso solo una finzione, uno strumento di contrattazione, ma non un vero obiettivo. "Contratto futuro": un contratto futures per olio o succo d'arancia non ancora prodotti, per i quali le arance non sono ancora cresciute, viene già venduto di mano in mano più volte, portando profitti ai suoi proprietari a breve termine, ovviamente, che non hanno nulla a che fare con carburante o arance. E nessuno è, in generale, interessato a sapere se questo petrolio viene effettivamente prodotto, o se una piattaforma da qualche parte nel Golfo del Messico esplode da un incendio, e le arance potrebbero semplicemente non maturare a causa dell'arrivo di un fronte freddo. Non importa, perché il margine principale da tutto questo è già stato comunque ricevuto. Varie azioni di determinate imprese e fondi vagano per il mondo in forma cartacea, guadagnando e perdendo prezzo a causa della speculazione azionaria, e il loro prezzo, quindi, a volte differisce dalla realtà. Questo si chiama capitalizzazione. Cioè, l'intero sistema finanziario globale attuale è anche un'enorme "bolla di sapone", persino più ripida dell'economia statunitense. Ma ogni bolla prima o poi scoppia. E qualcosa mi dice che questo moderno scoppierà davanti ai miei occhi. Non che volessi davvero, ovviamente. Tutto questo sistema mi sembra profondamente immorale e ingiusto, tuttavia sarà brutto dal suo crollo, penso, vivrà quasi tutto nei territori colpiti da questo fenomeno, cioè anch'io. Quasi tutto il mondo in cui viviamo e al quale siamo già abituati crollerà. E questo è sempre difficile e pericoloso.

Sorge una domanda ragionevole: chi trae vantaggio da tutto questo? Dopotutto, sembrerebbe che se il sistema crolla, allora sono le istituzioni che formano il sistema che dovrebbero soffrire prima di tutto - questi stessi giganti finanziari che lo hanno creato e lo gestiscono per il proprio profitto? Ma in realtà, tutto è abbastanza semplice: i loro benefici non andranno da nessuna parte. Tutte queste azioni gonfiate e obbligazioni di prestito senza valore che nessuno restituirà mai, i futures, ecc. Scompariranno, le valute mondiali crolleranno, le borse valori e le banche falliranno, i governi cadranno senza dubbio e intere formazioni statali potrebbero crollare. Un numero enorme di "investitori" perderà le proprie fortune cartacee. Ma per le loro valute gonfiate "lavate via" e per i "titoli" dipinti, queste stesse corporazioni, o meglio la loro élite dominante, i proprietari reali, si sono già comprate valori piuttosto materiali in tutto il mondo: grandi oggetti immobiliari, appezzamenti di terreno, depositi minerari, complessi industriali, agricoli e di trasporto, tecnologico brevetti e catene per la produzione di un'ampia varietà di articoli, così come ogni sorta di piccole cose come tonnellate di metalli rari e pietre preziose, oggetti d'arte e persino armi. Quindi si aspettano un collasso generale, in senso figurato, con un sorriso. "Il re è morto! Lunga vita al Re!" E dopo un collasso generale, apparentemente tutto dovrà essere ripreso organizzativamente dal livello di circa l'inizio del ventesimo secolo, sotto forma di capitalismo delle merci, spostandosi agevolmente in un canale cartaceo stabile (o già digitale) sotto il controllo di tutte le stesse strutture che avranno già nelle loro mani ancora più denaro, più proprietà, più potere e una quota ancora maggiore delle risorse di sviluppo planetario. Ecco! L'unica cosa che può impedire la realizzazione di questo meraviglioso idillio del capitale mondiale (se escludiamo la prossima guerra globale, che può avvenire anche su questa base) è la stessa teoria di Marx. Come risultato del crollo dell'ordine mondiale esistente, potrebbe sorgere un caos incontrollabile, e qualcuno in tutto ciò verrebbe improvvisamente in mente a occuparsi della "espropriazione degli espropriatori". In particolare per la Russia - niente di nuovo. È anche interessante che i paesi più poveri e sottosviluppati del mondo, che ancora non sono inclusi nel sistema del capitale globale o sono inclusi solo in minima parte, possano diventare i beneficiari indiretti del prossimo cataclisma finanziario generale. Cioè, sono anche poco dipendenti da esso. Il loro modo di vivere, infatti, non cambierà in alcun modo, e forse ci sarà qualche ripresa, sullo sfondo del crollo della stragrande maggioranza dei paesi sviluppati.

Si può evitare questo armageddon finanziario globale? Penso che in questa fase dello sviluppo del globalismo sia difficilmente possibile. Ma puoi sicuramente cercare almeno di mitigare notevolmente le sue conseguenze specificamente per il nostro Paese. Siamo già entrati saldamente nel sistema capitalista, ma la prerogativa del nostro Stato, fortunatamente, è ancora una vera economia mercantile. E introdotte contro di noi, inizialmente con l'obiettivo di una concorrenza sleale nel mercato globale, le sanzioni internazionali, stranamente, ci sono servite anche in questo, costringendoci a imparare a lavorare in modo più indipendente. Questo vale anche per la produzione, ma soprattutto per la sfera finanziaria dell'economia: stiamo imparando a vivere senza fondi di credito delle multinazionali, e così usciamo dalla dipendenza diretta da loro. Nella storia del mondo, ci sono esempi di sviluppo di successo del capitalismo in linea con l'idea nazionale di uno stato specifico. Questi sono il Terzo Reich tedesco degli anni '30 -'40 del secolo scorso e l'economia cinese moderna. Un modello interessante sono anche i progetti di alcuni paesi del "campo socialista" che hanno permesso lo sviluppo della piccola imprenditoria privata, come l'Ungheria e la Jugoslavia socialista. Ma questo non può ancora essere attribuito alla macroeconomia. Per non essere accusato di vari peccati mortali, chiarisco specificamente: al momento sto considerando la Germania di Hitler dal punto di vista degli strumenti economici utilizzati esclusivamente, e che erano i più efficaci, quasi nessuno che capisca questo argomento può dubitare. Sia nel sistema della Cina moderna che nel Reich tedesco, allo stesso tempo, ci sono fondamenta assolutamente identiche per la costruzione di "miracoli economici" - questo è un rigido sistema di governo unipartitico, e di fatto autoritario, un'economia pianificata, così come un controllo statale quasi completo sulle attività economiche e l'ambiente dell'informazione in nazione. Inoltre, anche le grandi società private sono soggette alla regolamentazione statale delle loro attività nell'interesse nazionale. Le industrie strategicamente importanti e le singole imprese in esse appartengono semplicemente allo stato o hanno i suoi rappresentanti nei loro organi di governo. È così che puoi far funzionare il capitalismo per il bene del tuo popolo.

Allo stesso tempo, nessuno vieta a nessuno di ricevere anche superprofitti e anche sul mercato internazionale, vengono semplicemente controllati, e in una percentuale predeterminata (considerevole) i volumi vengono indirizzati al canale necessario al Paese e alla sua economia. Ad esempio, nello sviluppo e nell'espansione della stessa produzione propria, o nei programmi ricreativi per i lavoratori, invece di yacht, castelli e club di calcio stranieri. Quest'ultima, a proposito, è proprio l'esperienza tedesca dalla metà degli anni '30. La Russia adesso, a mio avviso, anche se sotto gli strilli, i fischi e il moccio dei liberali attivamente sponsorizzati dai nostri "partner giurati", cerca comunque timidamente di andare anche in questa direzione. Si spera che sia davvero così, perché questo è il modo più corretto per mitigare il più possibile le conseguenze della crisi finanziaria globale. Abbiamo davvero tutte le forze e le risorse per resistere a fattori esterni aggressivi. Sì, questo non è il modo più semplice e all'inizio potresti persino dover sacrificare qualcosa. Capisco che queste siano frasi banali, e la nostra gente ne è già stanca. Tuttavia, diamo un'occhiata agli esempi storici sopra menzionati: queste misure hanno permesso a stati specifici di "alzarsi letteralmente dalle ginocchia" e diventare leader mondiali letteralmente in uno o due decenni! Questo è un po 'diverso da quello che ci era stato promesso nel 1917, poi tre generazioni hanno chiesto di essere pazienti, ma in ottant'anni non hanno raggiunto l'obiettivo prefissato. Questa non è un'utopia comunista, ma un modello molto reale e praticamente provato. Non esattamente secondo Marx, ma senza perdere di vista i suoi principi fondamentali. E una cooperazione reciprocamente vantaggiosa con il mondo esterno è del tutto possibile per se stessa su base bilaterale. Senza la mediazione imposta da borse valori gonfiate, fondi internazionali e società transnazionali.

Qui puoi imparare dalla triste esperienza degli Stati Uniti. Mi scuso in anticipo per tale confronto, ma, a mio avviso, il rapporto tra le multinazionali globaliste e gli Stati Uniti, in questo caso, assomiglia alla convivenza di un parassita e del suo ospite. Il portatore del parassita cresce, si nutre, riscalda e protegge dalle minacce esterne, e il parassita, a sua volta, sviluppandosi in sicurezza, risucchia le forze vitali dal portatore e, infatti, lo uccide lentamente, mentre sparge le uova nell'ambiente esterno per la sua ulteriore riproduzione ... In questo modo il ciclo di vita del parassita non viene interrotto nel momento in cui il suo ospite prima o poi muore. E le larve di questa infezione, purtroppo, hanno già attaccato il nostro territorio. Ma la terapia intensiva intrapresa in tempo può ancora impedire lo sviluppo di questo verme: il globalismo, che lentamente ruba le forze vitali dello stato. È necessario distruggere le larve in una fase molto precoce, altrimenti sarà troppo tardi: si attaccheranno saldamente, come in America. E non c'è bisogno di ascoltare canzoni dolci sulla futura prosperità globale generale nel soffice letto di piume di valori di borsa gonfiati. In russo, questo è un "layout" comune, la possibilità di vincere qui per il nostro paese è approssimativamente uguale alla possibilità di vincere a "ditali" sulla piazza del mercato con esperti "teppisti". E l'esca e gli extra, e anche le prime presunte vincite per il seme: tutto è esattamente lo stesso, tutto è a posto. Solo su scala globale.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
17 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Esperto Офлайн Esperto
    Esperto (triste asda) 5 febbraio 2019 11: 55
    +2
    Sono d'accordo. Spero che Putin sappia cosa sta facendo
  2. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 5 febbraio 2019 13: 38
    -2
    Per 30 anni, i patrioti hanno profetizzato la fine dell'economia statunitense ...
    E l'élite ha portato lì 2 miliardi di dollari ...
  3. Nikolay Tutynin Офлайн Nikolay Tutynin
    Nikolay Tutynin (Nikolay Tutynin) 5 febbraio 2019 13: 50
    +4
    Autore: Alexey Pishenkov 5+
  4. master3 Офлайн master3
    master3 (Vitali) 5 febbraio 2019 13: 54
    -2
    fine dell'economia statunitense

    - è persino difficile ricordare da quanti anni ho sentito questo. Anche se per "Evviva i patrioti" balsamo sull'anima - ingenuo.
  5. Roos Офлайн Roos
    Roos 5 febbraio 2019 22: 55
    +2
    La Cina sta costruendo il proprio socialismo, con caratteristiche cinesi e relazioni di mercato. Di conseguenza, anche la Russia deve tornare indietro nel futuro, verso il socialismo. Inoltre, la Costituzione della Federazione Russa afferma direttamente: la Russia è, prima di tutto, uno stato sociale, in cui la giustizia sociale è la pietra angolare e il fondamento. Attualmente, il potere politico nella Federazione Russa è di tipo oligarchico, che non riflette le aspirazioni e gli interessi della gente comune, a differenza della Cina.
    Pertanto, corruzione, ladri e truffatori si sentono a loro agio. Gli oligarchi si riempiono le tasche e saccheggiano la ricchezza nazionale del paese, e le massime autorità sono strettamente legate agli affari. E finché continua così, non ci saranno cambiamenti e scoperte significative nell'economia russa, come in Cina.
    Grazie all'autore per la pubblicazione.
  6. Yuri Soul Офлайн Yuri Soul
    Yuri Soul (Yuri Soul) 6 febbraio 2019 17: 22
    +3
    In generale, tutto è corretto, non c'è nulla da obiettare. Diversi chiarimenti.
    La globalizzazione, infatti, è stata predetta da Marx. E non vedeva niente di sbagliato in lei. Inoltre, lo considerava un prodotto della normale evoluzione dell'economia mondiale. Ha anche descritto come il denaro diventa il principale tipo di merce che sostituisce i beni materiali.
    Un'altra cosa è che la "produzione" di denaro ha raggiunto proporzioni inimmaginabili. E al diavolo lui, stampano la strada. Il problema è diverso: gli indicatori dell'offerta di moneta sono inclusi in tutti gli indicatori di sviluppo economico. Lo stesso PIL. La popolazione può morire di fame e il PIL può crescere a scapito, ad esempio, del settore bancario. L'Ucraina ne è un buon esempio. Adesso è uno dei paesi più poveri del mondo e le banche sono vive e sane. L'anno scorso, abbiamo aumentato i nostri profitti 11 (undici) volte! E da dove viene la legna da ardere? E con che mezzi? A causa del furto di produzioni materiali, per i quali i servizi bancari sono una voce di spesa in bilancio. Maggiore è il profitto delle banche, minore è il reddito dei produttori di beni.
    È vero, questo profitto delle banche è esagerato quanto l'intero sistema attuale. Pertanto, per la maggior parte della popolazione, il prossimo cataclisma globale del sistema finanziario rimarrà inosservato. Immaginiamo che tra un minuto (assolutamente) un "gigante" come Facebook con i suoi 600 miliardi di capitalizzazione sparirà. Certo, qualcuno salterà fuori dalla finestra del loro grattacielo, qualcuno gratterà le rape davanti allo schermo del monitor, ma la maggior parte non se ne accorgerà nemmeno e andrà a masticare il loro hamburger. Perché un hamburger è una cosa materiale. Ora, se lui e simili scompaiono, questo è già peggio, lo noteranno tutti. Sebbene l'abbiamo già affrontato trent'anni fa, non importa: andiamo a scavare le patate.
    Possiamo solo sperare che l'era dei monetaristi giurati finisca finalmente in Russia e che i materialisti salgano al potere!
    Lunga vita al materialismo dialettico!
    Scava, signori compagni, scava più a fondo! In bocca al lupo!
  7. A.Lex Офлайн A.Lex
    A.Lex (Informazioni segrete) 6 febbraio 2019 21: 48
    +1
    Qualsiasi relazione sotto il capitalismo porta alla guerra. Perché? Sì, tutto è molto semplice: c'è SEMPRE qualcuno più forte per portare via le risorse di cui ha bisogno PIÙ di chi le possiede. Questa volta. Il secondo - l'esempio della Germania negli anni Trenta NON è CORRETTO. Perché l'economia tedesca era SPECIALMENTE gonfiata di soldi per lo sviluppo del nazismo (che era anche pompato con la pasta). Hanno appositamente allevato questo mostro (che li ha quasi mangiati da soli) - per metterlo sull'URSS. Di per sé, questo nazismo a tempo pieno non sarebbe stato in grado di fare NIENTE senza il supporto esterno - non ci sono così tante risorse naturali. Ma Russia-URSS - potrebbe. Perché erano disponibili risorse sia naturali che umane ... e ora c'è ... solo il secondo IVS - come non lo era e non lo era. Non c'è nessuno che possa tenere a freno questo casino e far funzionare il paese, e non comprare yacht con i club e soffiare tutte queste sciocchezze sul liberalismo nelle orecchie della gente.
    A proposito! E anche la Germania del dopoguerra è stata gonfiata di pasta: hanno creato una vetrina (i bastardi sapevano dove investire), svolgendo contemporaneamente un lavoro sovversivo nei paesi del campo socialista e in URSS. La Germania, né prima né dopo la seconda guerra mondiale, non sarebbe MAI stata in grado di insorgere in modo indipendente. Solo la Russia con le sue risorse e il suo spazio potrebbe farlo.
    Inoltre, non è corretto confrontare la Germania nazista e la Cina: i modi di costruire lo stato e l'economia sono diversi. Così come l'ideologia. E qui la cosa più importante è l'IDEOLOGIA. Nessuna ideologia, nessuno stato. Anche in Russia c'è un'ideologia (anche se secondo la costituzione non ce l'abbiamo come ...): "Arricchisciti!" Molti ricordano questa ideologia grida? Ricordi a chi appartiene?
    Quindi questo è ciò che è l'ideologia - così è lo stato.
    1. Pishenkov Офлайн Pishenkov
      Pishenkov (Alex) 6 febbraio 2019 23: 03
      +1
      R. Lex, prima di tutto, grazie per il commento, e in secondo luogo, sono d'accordo sulla Germania del dopoguerra, ma sicuramente non sono d'accordo sul Terzo Reich. Avevano sicuramente un'ideologia e la più forte possibile. La sua correttezza è, ovviamente, un'altra questione, ma la sua presenza è indiscutibile. Oltre al fatto che la Germania non era certo gonfiata di denaro, né dopo la prima guerra mondiale, né ancora di più dopo che Hitler salì al potere. C'erano investimenti di singole società straniere in singole imprese tedesche, ma niente di più. A livello economico generale dell'intero paese, era una goccia nell'oceano. Al contrario, c'è stato un boicottaggio esterno completo, l'assenza di riserve di valuta estera, ecc. + riparazioni, + selezionato 3/1 del territorio, compresi l'Alsazia industriale, la Lorena e il bacino carbonifero di Sarsk, e prima dell'arrivo dei nazisti, in generale, il caos completo e il collasso dell'economia e della società civile. Su questo argomento, se interessato, da materiali abbastanza semplici e accessibili, e se leggi in inglese, consiglio vivamente il libro "Wages of Destruction" non ricordo l'autore, ma credo che lo troverai. Tutto è affermato abbastanza normalmente ed è comprensibile anche non per i professionisti. Non so nemmeno in russo se ci sia materiale davvero adeguato su questo argomento di pubblico dominio. Ma puoi credermi sulla parola, quando ho iniziato a studiare questo argomento abbastanza seriamente, da quello che hanno inventato in economia, sono rimasta davvero a bocca aperta ... per non parlare del periodo di tempo e di ciò che hanno ottenuto. Nessuno al mondo ha mai ripetuto tali miracoli economici. E il punto non è affatto nel lavoro da schiavi dei prigionieri, nella proprietà confiscata degli ebrei, ecc. i miracoli economici non si costruiscono su questo
      1. Pishenkov Офлайн Pishenkov
        Pishenkov (Alex) 6 febbraio 2019 23: 22
        +1
        Sì, anche per quanto riguarda le risorse e chi ne ha più bisogno: qualcuno soggettivamente può pensare di aver bisogno delle risorse di qualcun altro più del loro immediato proprietario. Quest'ultimo, di regola, ha il punto di vista esattamente opposto. Quindi questo primo decide che è più forte e cerca di portarli via dal secondo. Ma questo non sempre funziona, e non sempre accade sotto il capitalismo. Tutta la storia del nostro Paese un secolo fa ne è una conferma. A qualcuno piacciono sempre le nostre terre e le nostre risorse, pensa che ne abbiamo meno bisogno e sono anche fiduciosi nelle loro capacità. Sappiamo anche come finiscono tali campagne nel corso dei secoli ... Vale a dire, i capitalisti hanno cercato di catturarci solo negli ultimi 100 anni, prima che altre strutture - re, imperatori, leader, tribù, ecc.
        1. A.Lex Офлайн A.Lex
          A.Lex (Informazioni segrete) 7 febbraio 2019 12: 10
          0
          Non prendo il Medioevo. La Russia cerca costantemente di "espropriare kulak" - sì. Ma SOPRATTUTTO - quando c'era il socialismo in Russia (e non il comunismo, come alcuni dicono altrove). La domanda è perché? Ed è tutto molto semplice: è stato sotto il socialismo che lo stato russo ha avuto l'opportunità di rispondere in modo più flessibile alle sfide del mondo circostante. È vero, non è stato sempre e ovunque efficace, ma questa è la qualità della politica del personale e intra-personale. E questa è già una domanda per la selezione. Sto parlando del crimine del capitalismo in generale e della sua disumanità. Questo è il secondo sistema slave.
          Ora sulla Germania: la Germania, che ha debiti, priva di industria, non ha colonie (per finanziarsi, sottrarre risorse da loro), umiliata e schiacciata, "tagliata" da ogni parte - come, dimmi, potrebbe sorgere? Bene, ecco qui: "Il banchiere tedesco Schacht annotò con soddisfazione nel 1929:" La Germania ha ricevuto tanti prestiti esteri in 5 anni quanti ne ha ricevuti l'America in 40 anni prima della prima guerra mondiale "... Inoltre: Rockefeller's Standard Oil "controllava l'intera industria tedesca della raffinazione del petrolio e la produzione di benzina sintetica dal carbone ... E così via in tutta la struttura economica e finanziaria della Germania. Quindi la Germania era piena di pasta e questo è un dato di fatto.
          NESSUNO degli stati capitalisti è MAI insorto a meno che non sia stato alimentato dall'esterno. La maggior parte degli stati capitalisti sono nani rispetto alla Russia. (sia in termini di risorse umane, sia in termini di minerali, o stabilità nel Paese) Gli unici che si distinguono da questa fila sono quelli dove sono al potere i naglo-sassoni. Stranamente, sono tutti uniti in un'alleanza in un modo o nell'altro (economicamente, lungo la linea militare, politicamente ...). Finché questa nazione dominerà il mondo (ed è così, che lo vogliamo o no), la Russia è solo produzione per loro. E se le autorità del nostro paese sperano nella "costruzione di rapporti", allora è un peccato ... è un peccato. Ma d'altra parte, sostituire il potere nel nostro paese con metodi energici (come il "maidanesimo") è il modo migliore per chiedere un altro intervento straniero sul nostro territorio. Ma stanno solo aspettando la prossima guerra civile qui !!! Per risolvere una volta per tutte la "questione russa".
          1. Pishenkov Офлайн Pishenkov
            Pishenkov (Alex) 7 febbraio 2019 14: 10
            +1
            A. Lex, posso essere d'accordo con quasi tutto che cosa , ma ancora non sul Reich. Fu proprio la Germania hitleriana a risorgere, letteralmente nonostante tutto, in modo unico, e alla presenza del capitalismo all'interno, ma con la sua rigida regolamentazione statale. Ci sono state infusioni, ma su scala macroeconomica sono cadute. Se sei davvero curioso, trova un libro che ho scritto. Oppure, se è molto interessante, la letteratura scientifica, gli archivi, ecc. Prometto che le tue opinioni cambieranno notevolmente dopo questo e che imparerai molte cose davvero sorprendenti. Allo stesso tempo, non dimenticare, e in presenza di imprese capitaliste, il sistema statale è stato ufficialmente chiamato da loro allora "socialismo nazionale". E il nostro "socialismo" non so come chiamarlo più precisamente, allora non è stato il capitalismo in quanto tale ad attaccare, ma anche il socialismo - "nazionalsocialismo". E sì, l'obiettivo della guerra erano sia le risorse che l'ideologia. Ma non risorse per il bene delle risorse o risorse per il capitale, vale a dire risorse per una particolare nazione, il suo sviluppo a scapito di altre nazioni, e questa è più ideologia, non capitalismo. Sebbene a me, questo stesso capitalismo, non piaccia molto, e qui le nostre opinioni sono chiaramente d'accordo.
            1. Pishenkov Офлайн Pishenkov
              Pishenkov (Alex) 7 febbraio 2019 15: 44
              0
              PS Intendevo il libro "Salario della distruzione", anche se ho scritto, ma su un argomento leggermente diverso, sebbene anche sulla guerra soldato
              1. Caro esperto di divani. 28 October 2020 11: 26
                0
                L'articolo mi è piaciuto (così come gli altri tuoi articoli), ma voglio sostenere leggermente l'opinione di A.lex. Se sei interessato, prendi un libro:
                Wall Street e l'ascesa di Hitler: la sorprendente storia vera dei finanzieri americani che hanno finanziato i nazisti
                Scritto dal meraviglioso autore Anthony C. Sutton.
                Ci sono molte informazioni interessanti sulla tua controversia.
                Cordiali saluti, UDE.)
            2. vikganz Офлайн vikganz
              vikganz (Vik Ganz) 21 può 2019 11: 55
              0
              ... E il nostro "socialismo" non so come chiamarlo più precisamente, quindi non è stato il capitalismo in quanto tale ad attaccare, ma anche il socialismo - "Nazionalsocialismo ...

              E, se continui, "socialismo" e "nazionalsocialismo", possiamo continuare che l'ideologia di Hitler e Stalin fosse simile?
              No, stai mentendo Pishenkov. Le ideologie erano diverse. Dalla parola "molto"!
              1. Pishenkov Офлайн Pishenkov
                Pishenkov (Alex) 21 può 2019 12: 50
                0
                Il socialismo non è un'ideologia, ma piuttosto un ordine economico. L'ideologia era molto diversa, molto, come dici tu, questo è un dato di fatto, ma avevano il "nazionalsocialismo", come lo chiamavano loro stessi, con l'ideologia del nazismo, e la nostra ideologia era ufficialmente comunista, ma il sistema statale, sebbene lo stesso nominalmente considerato "socialismo", ma dal mio punto di vista negli anni '30 -'40 era molto lontano da esso, in termini di un reale orientamento sociale. Dopo la guerra, è diventato più simile al socialismo. Sebbene il capitalismo sia diverso - negli Stati Uniti, Russia, Svezia, India e Sud Africa, per esempio, è molto diverso oggi, come il socialismo di Hitler negli anni '40, nell'URSS negli anni '70 -'80 e oggi in Cina, per esempio ...
  8. Oleg Fine Офлайн Oleg Fine
    Oleg Fine (Oleg Fine) 24 November 2019 20: 37
    +1
    Grazie all'autore. Inoltre, oltre alle sue parole sulle "figlie" di Sberbank.
    Uno di quelli indicativi è l'ucraino. Quanto ha investito Sberbank lì, considerate i nostri soldi? E adesso?
    E in generale, sfortunatamente, non ho trovato informazioni di pubblico dominio sui profitti realizzati da Sberbank della Federazione Russa dalle attività delle sue filiali all'estero. Se qualcuno lo richiede, sarà interessante. Forse queste "figlie" forniscono sostegno finanziario ai progetti russi all'estero? Personalmente, tuttavia, non ho familiarità con questo.
  9. Esplosione Офлайн Esplosione
    Esplosione (Vladimir) 7 August 2020 13: 05
    0
    Sì ... per tre mesi di seguito, la Fed ha versato un trilione al mese, stanno per versare il quarto trilione. Non può andare avanti per molto tempo e sembra tutto come il traguardo ... Sembra che non rimarrà a lungo ... un tasso di aumento del debito nazionale assolutamente proibitivo, e non aiuta molto ... a differenza del 2008, quando tutti erano in grado di stesso, allagando la pinna. mercati con denaro, in qualche modo stabilizzano tutto.