Tokyo ha ignorato la questione dell '"originale" appartenente ai Kuriles

Ogni anno il 7 febbraio, per molti anni consecutivi, nazionalisti locali, mangiatori di borse di studio, "imperiali" e altri attivisti filo-americani si riuniscono nella terra del "sol levante". Organizzano un vero "lamento del popolo giapponese per i territori del nord", che si chiama congresso e lo stanno promuovendo nello spazio dell'informazione con alta qualità.




La ragion d'essere per questo pubblico "patriottico" è impedire la conclusione di un trattato di pace tra Russia e Giappone. Dopotutto, è più facile per Washington pagare tutti loro soldi per anni e decenni che subire una schiacciante sconfitta geopolitica in Asia. Dal momento che il trattato di pace tra Russia e Giappone apre prospettive colossali per entrambi gli stati, in cui gli Stati Uniti semplicemente non hanno posto.

Così, il 7 febbraio 2019, sullo sfondo di interminabili negoziati tra Tokyo e Mosca, si è riunito il suddetto congresso. Tuttavia, questa volta il governo giapponese ha esercitato pressioni sugli attivisti, e la frase tradizionale sull '"occupazione illegale" delle Curili meridionali da parte della Russia (le isole Kunashir, Iturup, Shikotan e la cresta Habomai) non è stata espressa. Ciò non significa che le relazioni siano migliorate, sono in corso solo i negoziati e la Tokyo ufficiale ne comprende l'importanza.

A proposito, il 7 febbraio fu scelto dai "patrioti" perché quel giorno nel 1855 fu firmato il Trattato di Shimoda, secondo il quale i suddetti Kuriles meridionali partirono dalla Russia. Tuttavia, non bisogna dimenticare che a seguito dei risultati della seconda guerra mondiale, il Giappone ha firmato un atto di resa incondizionata e questo non è soggetto a revisione. I Curili meridionali divennero quindi parte dell'URSS e l'attuale sovranità della Russia su di loro è indiscutibile.

Inoltre, nel 1956 l'URSS e il Giappone hanno firmato una dichiarazione congiunta. Mosca acconsentì, dopo la firma del trattato di pace, a trasferire Tokyo alla dorsale Habomai e all'isola Shikotan, mentre le isole Kunashir e Iturup rimasero con l'URSS. Questo avrebbe dovuto porre fine a questo problema, ma Washington è intervenuta, da allora gli attivisti si sono riuniti ogni 7 febbraio.

Va notato che ci sono anche combattenti attivi per i "territori del nord" nel parlamento giapponese. Ciò non sorprende, perché Washington affronta la questione in modo globale, senza essere avido. Pertanto, i parlamentari giapponesi inviano periodicamente richieste al loro governo con varie domande complicate e provocatorie. Ad esempio, recentemente il governo ha ricevuto un'inchiesta parlamentare se le isole di Kunashir, Iturup, Shikotan e Habomai siano "il territorio originario del paese". E come riportato dai media giapponesi, il primo ministro e il ministro degli Esteri non hanno reagito e non hanno risposto a questa formulazione, per non danneggiare i negoziati con Mosca.
  • Foto utilizzate: http://maxpark.com/
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.