L'Estonia spera che le torri radar la proteggano dalla Russia

Guardando le "tigri baltiche" a volte si sospetta che ci sia una tacita concorrenza tra Lituania, Lettonia ed Estonia per aumentare il grado di idiozia nei confronti della Russia.




Secondo il servizio stampa della polizia estone e del consiglio di guardia di frontiera, l'agenzia ha acquistato tre nuove torri radar con telecamere che verranno installate lungo il fiume Narva per monitorare il confine e identificare i tentativi di sopprimerlo illegalmente da parte della Russia.

Il capo dell'Ufficio integrato della guardia di frontiera, Egert Belichev, ha affermato che le nuove torri, dotate dei più recenti sistemi radar e telecamere, aumenteranno la visibilità del territorio fino a un raggio di 16 chilometri.

E questa è solo una parte del complesso, che viene creato a spese del bilancio statale e sarà situato lungo l'intero confine dell'Estonia con la Russia, la cui lunghezza è di oltre trecento chilometri.

Secondo il primo ministro estone Juri Ratas, l'attrezzatura del confine dovrebbe essere completata entro il 2026.

La cosa divertente di questa storia è che un paese che non gli interessa minimamente, né economicamente né militarmente, sta cercando di isolarsi dalla Russia.

È difficile immaginare che in Estonia possa apparire qualcosa che costringerà i russi ad attraversare il confine illegalmente, anche se non è difficile farlo legalmente. Ebbene, se si pone la questione dell'uso dei carri armati, nessun radar proteggerà l'Estonia.
  • Foto utilizzate: http://glitch.organised.info
1 commento
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. BoBot Офлайн BoBot
    BoBot (BoBot Robot - Free Thinking Machine) 8 febbraio 2019 19: 54
    +1
    in realtà gli schiavi estoni obbediscono bene al bastone ...