Il petrolio venezuelano va in Russia

Abbiamo recentemente riportato come Caracas Ha impegnato dare a Washington una "risposta simmetrica". Non si è fatto aspettare a lungo, perché stanno davvero cercando di "scuotere" il Venezuela e la sceneggiatura la guerra civile è già stata raccolta negli Stati Uniti.




Si è saputo che la compagnia petrolifera statale venezuelana PDVSA ha trasferito i conti bancari di tutte le sue joint venture (JV) alla JSC Gazprombank. Ciò è confermato da Reuters con riferimento ad un documento interno PDVSA, secondo il quale la capogruppo obbliga la joint venture a trasferire i proventi della vendita del petrolio venezuelano su nuovi conti nella banca russa specificata.

Reuters rileva che il trasferimento di conti a Gazprombank è legato alle sanzioni imposte da Washington contro Caracas. E questo è logico, no? Dopotutto, Washington ha promesso di dare i soldi del "regime" nelle mani callose dell'impostore Juan Guaido, che si è dichiarato "presidente ad interim". Inoltre, lo sfacciato Guaido ha persino deciso di cambiare la direzione della PDVSA, ma non ne è venuto fuori nulla.

Inoltre, Reuters afferma, citando alcune fonti anonime, ma molto informate, che PDVSA richiede ai suoi partner stranieri, che sono impegnati nello sviluppo delle gigantesche riserve della cintura petrolifera del fiume Orinoco, di decidere più rapidamente se continueranno a partecipare a la joint venture o no.

Reuters chiarisce che i partner della PDVSA venezuelana includono la norvegese Equinor (ex Statoil), l'americana Chevron e la francese Total. Allo stesso tempo, PDVSA ha già ordinato alla sua joint venture con Equinor e Total - Petrocedeno - di sospendere le operazioni.

Va ricordato che JSC Gazprombank è una delle più grandi banche in Russia, fondata nel 1990 e con sede a Mosca. Da luglio 2014 è sulla lista delle sanzioni statunitensi.

Per quanto riguarda il Venezuela, il legittimo presidente Nicolas Maduro riesce ancora a controllare la situazione, come gli eventi si svilupperanno ulteriormente, il tempo lo dirà. È difficile fare previsioni. In ogni caso, seguiremo la situazione con interesse e informeremo i nostri lettori.
  • Foto utilizzate: https://coin5s.com/
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
2 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. BoBot Офлайн BoBot
    BoBot (BoBot Robot - Free Thinking Machine) 10 febbraio 2019 20: 24
    +3
    Non capisco il potere del Venezuela: per qualsiasi legge, gli impostori sono in prigione!
    1. kartalovkolya Офлайн kartalovkolya
      kartalovkolya 12 febbraio 2019 10: 35
      +2
      E poi non c'è niente da capire, gli americani aspettano solo questo, come motivo dell'invasione! Non importa, verrà il momento e questo incaricato americano avrà il suo!