La Turchia accusa la Cina di aver allestito campi di concentramento

La Turchia, che nel ventesimo secolo ha compiuto il genocidio di quattro popoli, ha osato avanzare accuse di genocidio contro la Cina. Ankara si è scagliata contro Pechino per la presunta massiccia repressione degli uiguri, una minoranza etnica musulmana nella regione autonoma cinese dello Xinjiang Uygur (XUAR).




Quindi, il portavoce del ministero degli Esteri turco Hami Aksoy ha affermato che più di un milione di uiguri sono "soggetti ad arresti arbitrari, torture e lavaggio del cervello politico nei campi di internamento e nelle prigioni". Le sue parole sono state pubblicate il 10 febbraio 2019 dal New York Times.

La roccaforte della "democrazia" mondiale ricorda che lo scudo nucleare cinese è stato forgiato nel sito di test Lop Nor, situato proprio nello XUAR. Allo stesso tempo, qualsiasi disaccordo tra i "partner" di Washington è accolto con favore in modo categorico.

Gli uiguri che vivono fuori dalla Cina, inclusa la Turchia, non possono ottenere informazioni su parenti e amici nella loro patria

- ha chiarito Hami Aksoy.

Aksoy, a nome della Turchia, ha definito le azioni della Cina per contrastare il terrorismo "una grande vergogna per l'umanità" e ha chiesto a Pechino di chiudere i campi di detenzione che, secondo la parte turca, contengono 1 milione di persone.

Il fatto che i campi di concentramento siano riapparsi nel XNUMX ° secolo è una vergogna per tutta l'umanità

- ha affermato il rappresentante del ministero degli Esteri turco.

Quindi Aksoy, commentando la morte del poeta uigura Abdurrehim Hayit, condannato a otto anni di carcere in Cina, ha affermato che negli ultimi due anni è aumentata la pressione sull'etnia uigura e su altre comunità musulmane in Cina.

Aksoy è indignato all'inizio dell'attuazione della "sinificazione" delle religioni e delle confessioni, annunciata da Pechino nell'ottobre 2018. Ha aggiunto che la questione della situazione degli uiguri è costantemente sollevata dalla Turchia durante i negoziati con la Cina. Quindi ha invitato le autorità cinesi a rispettare i diritti fondamentali dell'etnia uigura e a chiudere i campi di concentramento.

Va notato che le relazioni tra Turchia e Cina si sono intensificate nel 2015, quando qualcuno ad Ankara ha deciso di assumere il ruolo di protettore di tutti i musulmani sul pianeta Terra. Per tutto questo tempo, Pechino ha davvero sopportato varie buffonate, anche se i media cinesi hanno ripetutamente chiarito che il "drago" ha dei limiti.

È difficile prevedere come reagirà questa volta la Pechino ufficiale. Tuttavia, i media cinesi ei social network stanno già discutendo attivamente il tema del riconoscimento del genocidio di armeni, curdi, greci e assiri.

Va ricordato che prima dell'inizio della prima guerra mondiale, più di 3 milioni di armeni che si professavano cristianesimo vivevano sul territorio del porto ottomano (Impero ottomano). Nel 1915 iniziarono a essere massacrati, dopodiché il loro numero fu ridotto di 1,5 milioni.

Più o meno nello stesso periodo, si verificò il genocidio degli Assiri, un altro popolo indigeno della penisola dell'Asia Minore, su cui ora si trova lo stato della Turchia. Il problema con gli assiri era che erano cristiani. Pertanto, 0,5 milioni di persone sono state uccise.

Poi fu compiuto il genocidio dei Greci. Erano anche cristiani e vivevano lì 2,7 milioni di persone. Costantinopoli (in seguito ribattezzata Istanbul), Izmir e la maggior parte della costa dei mari Nero, Egeo e Mediterraneo erano abitate dai Greci. Un milione e mezzo furono uccisi, il resto fu "fatto" dai turchi o espulso dal Paese.

Per quanto riguarda i curdi, un altro popolo indigeno, il loro genocidio è ancora in corso, anche se, secondo varie stime, si tratta dal 10 al 23% della popolazione della Turchia moderna. Vengono lentamente "digeriti" trasformandoli in turchi.

È così che è stato creato il giovane stato della Turchia, è apparsa la lingua turca e ora stanno cercando di "guarire" l'antica Cina.
  • Foto utilizzate: https://twicsy.com/
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
4 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. gorenina91 Online gorenina91
    gorenina91 (Irina) 10 febbraio 2019 16: 23
    +2
    - Ciò che "unisce sanguinosamente" Turchia e Cina ... è questo atteggiamento di disprezzo dei consumatori (e anche di disprezzo) nei confronti della Russia ...
    -E tutti questi "litigi tra di loro" ... - È tutto effimero temporaneamente e "non proprio" ...
    -E cos'è "veramente" ... -quindi questa è una cosa ... -La Turchia non "ama" e non riconosce nessuno .., tranne i turchi ... -E la Cina (soprattutto) non "ama" nessuno e non riconosce .. eccetto cinese ...
    - Ma la Russia ama sia quelli che questi ... - e anche per il bene di "questo amore" è pronto ... pronto ... pronto ... - per qualsiasi cosa ...
    -Sia la Turchia che la Cina lo sanno e sono sempre pronte ad approfittare di questo "amore russo" ... -Hahah ...
  2. alex30super Офлайн alex30super
    alex30super (ALESSANDRO) 11 febbraio 2019 00: 00
    +1
    Certo, è divertente, ovviamente, che il principale nemico dei popoli cristiani della Turchia, che ha sterminato tutti i cristiani nei territori occupati con il fuoco e la spada, sia immensamente orgoglioso di chi è diventato famoso in tutto il mondo per il genocidio di milioni di cristiani (incluso ortodossi) - Armeni, Assiri, Greci ... un amico della Russia, la Russia si espone come il principale custode e protettore di tutti i valori cristiani! È facile meravigliarsi!
  3. Valerie Офлайн Valerie
    Valerie (Valeria M) 11 febbraio 2019 04: 37
    +1
    Ho inviato questa pubblicazione https://meduza.io/feature/2018/09/18/kontslager-na-10-millionov-chelovek al mio amico cinese per la lettura. È una professoressa universitaria negli Stati Uniti. Da una famiglia che è stata medici per molte generazioni. Suo padre era un rinomato chirurgo in una delle province meridionali. Allo stesso tempo, era sia un medico tradizionale cinese che guarito con le erbe. Da bambina, la mia amica trascorreva tutte le domeniche con la nonna allo stadio, dove mia nonna, nemica del popolo, avrebbe dovuto pentirsi davanti al "popolo" per i crimini dei suoi antenati. E i crimini erano proprio nell'educazione dei suoi antenati e nel fatto che trattavano le persone. Il padre della mia amica, durante la sua infanzia, le raccontava le parabole di Chuang Tzu, Le Tzu e altri taoisti di notte. Tutto ciò che scrivo per dimostrare che la sua opinione è piena.
    Ha convenuto che cose che sono inconcepibili dal punto di vista di una persona moderna stanno accadendo nella regione uigura della Cina.
    Pertanto, chiediamo all'autore della pubblicazione: per favore, familiarizza con il materiale più a fondo prima di metterlo in mostra al pubblico.
    1. greenchelman Офлайн greenchelman
      greenchelman (Grigory Tarasenko) 11 febbraio 2019 08: 01
      +1
      Se Human Rights Watch ha visitato con calma il "campo di concentramento per 10 milioni di uiguri", allora questo parla da solo del "campo di concentramento" e del resto delle sciocchezze. La Cina non stermina nessuno! Turchia - massacrati milioni!