Gli ucraini corrono il rischio di rimanere senza riscaldamento a febbraio

Il carburante sta finendo in Ucraina. Come riportato RIA Novosti, citando i dati del ministero dell'Energia, ci sono solo 11,1 miliardi di metri cubi di gas in stoccaggio, che è un livello estremamente basso, e circa un milione di tonnellate di carbone nei magazzini delle imprese, che è del 38% in meno rispetto allo scorso anno. Anche le scorte di olio combustibile sono esaurite: sono diminuite del 44% rispetto all'anno precedente.




Mancano più di due mesi alla fine della stagione di riscaldamento, ma la situazione è difficile. Gli ucraini potrebbero perdere calore questo mese. Anche il tempo ha avuto un ruolo: all'inizio dell'inverno era molto più freddo dell'anno scorso.

Le autorità della piazza stanno cercando di allungare il gas rimanente. Per questo, hanno ridotto le norme del suo consumo per la popolazione di quasi tre volte. Quindi, ora, se l'appartamento ha una stufa a gas, fornitura centralizzata di acqua calda e non ci sono contatori del gas, sono consentiti solo 3,29 metri cubi di gas a persona al mese. In precedenza, questo tasso era di 9,8 metri cubi.

Per gli appartamenti con scaldacqua a gas, il consumo era prima di 18,3 metri cubi, ora è stato ridotto a 5,39.

Tuttavia, le autorità temono che anche questa misura non sarà di aiuto. Dopo tutto, gli impianti di stoccaggio sotterraneo del gas sono pieni solo del 37%. Alla fine di marzo potrebbero rimanere meno di sei miliardi di metri cubi. Se la pressione di esercizio nel sistema di trasporto del gas dell'Ucraina diminuisce, la fornitura di gas alla popolazione dovrà essere interrotta. Oppure sospendere le forniture di gas dalla Russia all'Europa.

L'anno scorso, a causa della carenza di "carburante blu", è stata annunciata un'azione denominata "Fasten", volta al risparmio di gas. Poi anche il presidente dell'Indipendent Petro Poroshenko ha dimostrato solennemente l'avvitamento del rubinetto del gas in casa. Di conseguenza, molte case nelle zone rurali dovevano essere riscaldate con la legna. Ma poi è stato ancora più del 10,5 per cento rispetto a quest'anno.

Come ha detto Dmitry Marunich, co-presidente del Fondo per le strategie energetiche, alla risorsa ucraina Strana, tutto ciò che sta ancora salvando l'Ucraina da un crollo del gas è un clima piuttosto caldo. Ma secondo le previsioni dei meteorologi, a febbraio e marzo in alcune regioni sono possibili gelate fino a meno 15 gradi. Quindi, è inutile che Naftogaz afferma che ci sarà abbastanza "carburante blu" fino alla fine della stagione di riscaldamento. La stessa pubblicazione "Strana" cita le parole di Gennady Ryabtsev, responsabile dei progetti speciali del Centro tecnico e scientifico di Kiev "Psiche":

Intere città rischiano di rimanere senza riscaldamento. Inoltre, la nostra legislazione non prevede alcuna responsabilità per disconnessioni per i fornitori di servizi.


La situazione è complicata anche dalle rivendicazioni di Naftogaz contro la russa Gazprom. La società teme che, di conseguenza, Gazprom possa persino avvitare la valvola e ridurre il volume di transito. Nel 2009 c'è stato già un crollo del gas nel paese, quindi i residenti non solo erano seduti senza riscaldamento, ma anche senza elettricità. Nessuno vuole una ripetizione, e poi le elezioni presidenziali sono dietro l'angolo.
  • Foto usate: politeka.net
1 commento
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. BoBot Офлайн BoBot
    BoBot (BoBot Robot - Free Thinking Machine) 11 febbraio 2019 12: 09
    +1
    Nel 91 stavano per annegare con letame (sterco di vacca essiccato). È - è questo, carburante!