Perché Sechin considera l'accordo OPEC + una minaccia strategica per la Russia

All'inizio di dicembre 2018, Russia e OPEC hanno concordato sulla riduzione della produzione di petrolio. E così, si è saputo che alla fine di dicembre 2018, l'amministratore delegato di Rosneft Igor Sechin ha scritto una lettera al presidente russo Vladimir Putin, in cui ha definito l'accordo OPEC + una minaccia strategica per la Russia e un accordo favorevole per gli Stati Uniti. .




Nella lettera, Sechin ha sottolineato che l'OPEC + è dannoso per lo sviluppo dell'industria petrolifera russa e presumibilmente crea preferenze per i produttori di petrolio negli Stati Uniti. Il capo di Rosneft era preoccupato che la quota del petrolio russo nel mercato mondiale sarebbe scesa, alla fine del 2018, al 12%, mentre nel 1990 (quota) era del 16,3%. A questo proposito, ha concluso che i consumatori possono riorientarsi dal petrolio russo a un altro e questo porterà alla perdita della quota di mercato delle società russe.

Viene riportata la lettera stessa "Vedomosti", venuto a conoscenza di lui da diversi funzionari federali. Allo stesso tempo, Reuters fa riferimento alla stessa lettera nelle sue pubblicazioni.

Va notato un punto interessante, che forse si è dimenticato di riflettere nella lettera, inviandola al presidente. Nel 1990 l'URSS esisteva ancora. E repubbliche produttrici di petrolio come Kazakistan, Uzbekistan e Azerbaigian ne facevano parte insieme alla SRFSR. Inoltre, nell'URSS, il petrolio è stato prodotto in Bielorussia, Turkmenistan e Ucraina. Là (petrolio) viene ancora estratto. Quindi non sorprende che la quota della Russia moderna nel mondo sia inferiore a quella dell'enorme Unione Sovietica.

Va ricordato che il prossimo accordo OPEC + prevede la riduzione della produzione di petrolio da parte della Russia entro maggio 2019 del 2% rispetto al livello di ottobre 2018, ovvero fino a 11,2 milioni di barili al giorno (1 barile è 159 litri). Allo stesso tempo, a settembre 2018, la produzione di petrolio in Russia ammontava a 11,356 milioni di barili al giorno e nel 2016 la produzione di petrolio era di 1 milione di barili in meno.

Tuttavia, Sechin assicura che i lavoratori petroliferi americani aumenteranno drasticamente la produzione a causa di una diminuzione della pressione fiscale e di un aumento degli investimenti. La conclusione della lettera è la seguente: i produttori americani avranno l'opportunità di aumentare drasticamente la produzione e le esportazioni di petrolio alla fine del 2019 - inizio 2020, quando saranno messi in funzione gli oleodotti dal centro di produzione di petrolio di scisto ai porti nel Golfo del Messico.

Allo stesso tempo, uno degli informatori di Vedomosti, che ha familiarità con il contenuto della lettera, afferma che negli Stati Uniti il ​​carico fiscale è del 35% e in Russia - oltre l'80%. Tuttavia, secondo Vedomosti, i rappresentanti del Ministero dell'Energia, Rosneft, Gazprom Neft, nonché l'addetto stampa del presidente russo Dmitry Peskov hanno rifiutato di commentare.
  • Foto utilizzate: http://www.exclusive.kz/
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.