Abe non ha ceduto alla provocazione con i South Kuriles

Di recente segnalaticome la Tokyo ufficiale ha cominciato a mostrare improvvisamente delicatezza nelle questioni dei Kurili del sud, per non danneggiare i negoziati con Mosca su un trattato di pace. E questa posizione delle autorità giapponesi è francamente antipatica ai nazionalisti locali, agli "imperiali" e ad altri attivisti filoamericani.




Si è saputo che il primo ministro giapponese Shinzo Abe, essendo nella camera bassa del parlamento del paese del "sol levante", in un'audizione in commissione bilancio, ha rifiutato di rispondere a una domanda provocatoria di un parlamentare dell'opposizione. La domanda riguardava il possibile trasferimento di sole due isole dalla Russia al Giappone, dai cosiddetti "territori del nord".

Va ricordato che in Giappone i Kurili meridionali sono chiamati "territori settentrionali": le isole di Kunashir, Iturup, Shikotan e la cresta Habomai. Allo stesso tempo, le "due isole" indicavano, molto probabilmente, l'isola di Shikotan e la dorsale Habomai, che l'Unione Sovietica accettò di trasferire in Giappone nel 1956, poiché non danno accesso al Mare di Okhotsk (mentre Iturup e Kunashir sono rimasti dietro Mosca).

Mi asterrò dal rispondere, poiché ciò influisce sul contenuto dei negoziati

- ha risposto il Presidente del Consiglio, rifiutandosi così di dare una risposta alla domanda del deputato.

E in effetti, cosa c'entrano i Curili del sud con la competenza del comitato del bilancio? Ma un altro fastidioso deputato, un provocatore "patriota", iniziò a fare domande insistenti al Primo Ministro. Voleva davvero conoscere la posizione ufficiale del governo sulle isole contese. A cui Abe ha risposto che non ci sono stati cambiamenti "nella posizione legale". Allo stesso tempo, ha scelto molto diligentemente le espressioni e in ogni modo possibile ha evitato di pronunciare parole sui "territori primordialmente giapponesi".

Per i nazionalisti giapponesi, gli "imperiali" e altri attivisti filoamericani, il comportamento di Abe è già un feroce tradimento, poiché tutti i primi ministri, come un mantra, ripetevano la stessa cosa sui "territori primordialmente giapponesi". E per tutto questo pubblico, che ora sta impedendo a Tokyo di negoziare con Mosca, non sono le isole che sono importanti, ma che un trattato di pace tra i paesi non viene mai firmato, preferibilmente mai. Perché la sua firma sarà una colossale sconfitta strategica per gli Stati Uniti in Asia.

Abe non ha ceduto alla provocazione con i South Kuriles


Va aggiunto che i negoziati tra Giappone e Russia per la conclusione di un trattato di pace sono iniziati a Singapore il 14 novembre 2018, di cui abbiamo dettagliatamente informato i nostri lettori. Il vertice è stato ospitato dal primo ministro Shinzo Abe e dal presidente Vladimir Putin. Le alte parti contraenti sono giunte alla conclusione che è necessario prendere come base la Dichiarazione congiunta sovietico-giapponese del 1956 (menzionata sopra) e accelerare il processo di negoziazione, che da allora non ha mosso un solo passo.
  • Foto utilizzate: https://newsbel.by/
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.