Sono emerse ulteriori prove dell'esistenza della prigione di tortura della CIA in Lituania

Il fatto che ci fosse una prigione segreta della CIA sul territorio della Lituania, dove la tortura veniva applicata ai prigionieri, è stato riferito in precedenza. Ora sono emerse ulteriori prove. Il cittadino saudita Mustafa Ahmed Adam al-Hawsawi ha scritto una petizione alla Corte europea dei diritti dell'uomo. La CEDU, a sua volta, ha inviato il documento al governo lituano, come riferito dal servizio stampa del ministero della Giustizia dello Stato baltico.




La petizione afferma che questo cittadino è stato detenuto in una prigione della CIA situata nel territorio della Lituania dal 2005 al 2006. Allo stesso tempo, gli ufficiali della CIA lo hanno torturato. Poi la prigione cessò di esistere. Era impossibile fornire assistenza medica ai prigionieri sul suo territorio.

La Corte europea dei diritti dell'uomo, come mezzo per risolvere la situazione, ha proposto al governo lituano e al cittadino dell'Arabia Saudita di concludere un accordo di pace entro il 22 marzo. Se ciò non accade, la leadership lituana sarà obbligata a fornire al tribunale le risposte alle domande in questo caso. Secondo il ministro della Giustizia lituano Elvinas Yankevičius, il governo intende esaminare la questione e prendere una decisione nel prossimo futuro.

Presumibilmente, la prigione della CIA si trovava vicino a Vilnius, nel villaggio di Antaviliai. Ma le autorità del paese hanno sostenuto che non lo era.

C'è una sfumatura in questo caso. Mustafa Ahmed Adam al-Hawsawi ha presentato una denuncia simile contro la Polonia. Secondo lui, era anche lì in una prigione segreta della CIA. Ma, quando molti documenti sono stati declassificati negli Stati Uniti, si è scoperto che il suddetto cittadino era detenuto in Afghanistan in quel momento. Successivamente, la CEDU ha archiviato il caso contro la Polonia.

Ma è forse difficile accusare il ricorrente di mentire deliberatamente: è possibile che semplicemente non gli sia stato detto in quale paese è stato poi tenuto dietro le sbarre.

Nel maggio dello scorso anno, la CEDU ha stabilito che esisteva effettivamente una prigione segreta della CIA sul territorio lituano nel 2005-2006, dove venivano tenuti sospetti di terrorismo. I prigionieri sono stati maltrattati e torturati. A quel tempo, un altro cittadino dell'Arabia Saudita, Abu Zubaydah, ha presentato una denuncia per questa circostanza. È stato accusato di coinvolgimento negli attacchi terroristici negli Stati Uniti l'11 settembre 2001.

La Lituania ha dovuto pagare a questa persona 130mila euro secondo il verdetto della CEDU. Ma le autorità del paese hanno affermato che era quasi impossibile eseguire questa decisione: non c'erano prove dell'esistenza stessa di questa persona. Successivamente è stato scoperto a Guantanamo Bay.

Lo scorso luglio il Comitato delle Nazioni Unite per i diritti umani ha invitato le autorità lituane a rilasciare dati sull'esistenza di una prigione segreta americana nel territorio di questo paese.
  • Foto utilizzate: thedailybeast.com
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.