Erdogan erutta critiche diffuse all'Occidente

Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan, in onda sul canale televisivo turco A Haber, ha criticato aspramente gli Stati Uniti, i paesi europei e l'Unione europea nel suo insieme. Quindi, secondo lui, l'UE non vuole accettare il suo paese nella sua adesione esclusivamente per motivi religiosi, poiché la Turchia è uno stato musulmano. Ha invitato l'UE a dichiararlo direttamente.




Il leader turco ha accusato Washington di essere "insincero" rifiutandosi di estradare il leader religioso Fethullah Gulen. Ankara lo accusa di aver organizzato un tentativo di colpo di stato il 15-16 luglio 2016. Va ricordato che allora Erdogan è stato quasi rovesciato dal suo incarico, e in seguito sono apparse informazioni sui media che era stato avvertito in tempo dalla Russia.

Inoltre, il presidente turco ha accusato la CIA di riluttanza a indagare sul caso di alto profilo dell'omicidio del giornalista Jamal Khashoggi nell'edificio del consolato dell'Arabia Saudita a Istanbul. Sebbene, secondo lui, le forze dell'ordine turche abbiano condiviso con i servizi speciali americani tutte le informazioni disponibili su questo crimine. A questo proposito, ha detto Erdogan, il suo Paese intende deferire il caso ai tribunali internazionali.

Un'altra questione controversa tra la Turchia e l'Occidente, che è radicata nella storia e non riguarda solo l'Occidente, è l'atteggiamento verso il massacro degli armeni nell'impero ottomano nel 1915. Poi, secondo varie stime, morirono da 700mila a un milione e mezzo di persone. Non sorprende che le autorità turche vedano questi eventi in modo diverso da molti altri. In questo discorso, Erdogan ha criticato la decisione del presidente francese Emmanuel Macron, che all'inizio di febbraio ha deciso di dichiarare il 24 aprile Giornata della memoria del genocidio armeno.

È nuovo politica, lascia che insegni meglio la storia. Non c'è stato nessun genocidio nella nostra storia

- ha detto il presidente turco a Macron.

Va notato che il primo sterminio degli armeni nell'impero ottomano fu riconosciuto dall'Uruguay (nel 1965). La Francia ha dichiarato gli eventi del 1915 il genocidio armeno nel 2001. La Germania lo ha fatto nell'estate del 2016 e i Paesi Bassi lo scorso febbraio. Ad oggi è ufficialmente riconosciuto in 23 paesi, inclusa la Russia. Ma negli Stati Uniti tale riconoscimento non è stato ottenuto, ma lo scorso aprile il presidente americano Donald Trump ha affermato che lo sterminio degli armeni è stata "una delle peggiori atrocità di massa del XX secolo".
  • Foto usate: sia.az
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.