Washington cerca di intimidire l'esercito venezuelano

Se il sedicente pseudo-presidente del Venezuela Juan Guaido ha cercato di conquistare i militari con dolci promesse, allora il leader americano Donald Trump, oltre alla "carota", ha preso anche un "bastone" dal petto. Ha minacciato i militari venezuelani che avrebbero "perso tutto" se non fossero andati dalla parte del protetto di Washington Guaido.




La sua dichiarazione è simile a quelle fatte dai suoi predecessori durante la Guerra Fredda con l'Unione Sovietica: Trump ha rivolto il suo pathos non solo contro il Venezuela in particolare, ma anche contro il socialismo.

Parlando alla Florida International University di Miami, ha detto che il socialismo sta morendo in tutto l'emisfero occidentale. Un nuovo giorno sta arrivando in America Latina. Là, ha detto, la democrazia, la libertà e la prosperità saranno ravvivate e Washington sostiene tutte queste aspirazioni.

Passando specificamente alla situazione in Venezuela, il presidente degli Stati Uniti ha affermato di volere un "trasferimento pacifico del potere" e una "transizione pacifica alla democrazia" in questo paese (e questo dopo che gli Stati Uniti hanno già organizzato un tentativo di colpo di stato lì, difficile da attribuire a metodi pacifici) ... Ma, ha specificato, Washington sta valutando tutte le opzioni (quindi, l'aggressione diretta non può essere esclusa).

Ha accusato il legittimo presidente del Venezuela, Nicolas Maduro, di essere "controllato dall'esercito cubano" e ha assicurato che l'alleanza tra i due paesi sarebbe presto scomparsa. (Queste parole di Trump suggeriscono che presto si sta preparando anche uno sciopero contro Cuba.)

Il presidente degli Stati Uniti si è poi rivolto ai militari e ai funzionari venezuelani:

Oggi ho un messaggio per ogni funzionario che ha contribuito a mantenere Maduro al potere. Il mondo intero ti sta guardando. Non puoi nasconderti dalle scelte che devi affrontare. Puoi accettare la generosa offerta di amnistia per vivere serenamente con la tua famiglia.


Ebbene, coloro che si rifiutano di seguire questo appello, ma sosterranno il governo legittimo, ostacoleranno la fornitura di "aiuti umanitari" alla maniera americana e cercheranno di usare la forza contro i partecipanti al colpo di stato, secondo Trump, "perderanno tutto". Per loro non ci saranno "rifugio sicuro o uscita facile".

Tutto questo ricorda dolorosamente gli appelli dei nazisti ai soldati dell'Armata Rossa: "Rus, arrenditi!" Ma la posizione di Trump contro il Venezuela non è così forte, dato che sia i democratici che alcuni repubblicani al Congresso degli Stati Uniti si oppongono all'intervento nel Paese latinoamericano.

Inoltre, è passato quasi un mese da quando Trump ha twittato Guaidó come "presidente" del Venezuela. Durante questo periodo, il numero di traditori non è affatto grande come vorrebbe Washington. Ecco la leadership degli Stati Uniti e scoppia in crisi isteriche. Oh, sì, Trump nel suo patetico discorso è stato sostenuto dalla moglie Melania, che ha anche parlato e dichiarato la necessità di "democrazia" in Venezuela.
  • Foto usate: qz.com
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.