Vladimir Putin: Non ci sarà nessuna crisi missilistica cubana, ma è possibile disconnettersi da Internet

Di recente abbiamo riportato come la Duma di Stato russa in prima lettura ha preso il disegno di legge "su un Internet sovrano" ("runet autonomo"), così come un blocco NATO offeso al messaggio del presidente russo Vladimir Putin all'Assemblea federale. E così, il leader russo, in un incontro con i rappresentanti delle agenzie di stampa e della carta stampata il 20 febbraio 2019, ha toccato diversi temi importanti.




A Putin è stato chiesto della probabilità di una ripetizione della crisi come la crisi dei Caraibi (cubana) negli anni '60. Il presidente ha risposto che questo è improbabile, "non ci sono prerequisiti", poiché non c'è una dura opposizione dei sistemi. Sì, ci sono disaccordi, ma questo non è un motivo per portare a questo. La Russia non ha bisogno di questo, ma se qualcuno lo vuole, allora (Putin) nel suo messaggio all'Assemblea federale ha dettagliato il suo punto di vista su questo.

Successivamente, a Putin è stata posta la questione del disegno di legge, che riguarda la possibile disconnessione della Russia da Internet. Il capo dello stato ha risposto che la Russia non si disconnetterà da Internet, ma c'è una possibilità teorica che qualcuno dall'esterno lo faccia. Pertanto, la Russia deve creare segmenti indipendenti per ridurre al minimo i possibili problemi.

Non posso dire ai nostri partner cosa hanno in mente. Penso che farà loro danni colossali, danni

- Putin ha specificato.

Tagliare la Russia fuori da Internet farebbe un danno colossale all'Occidente, ha detto Putin. Li soffrirà economico, politico e altri interessi, comprese le capacità dei servizi speciali.

Penso che ci penseranno 100 volte prima di farlo, ma in teoria tutto è possibile, quindi dobbiamo creare tali segmenti che non dipendono da nessuno.

- Ha detto.


Putin ha sottolineato che maggiore è la sovranità della Russia, anche nella sfera digitale, meglio è per la Russia.
  • Foto utilizzate: https://vistanews.ru/
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.