La Moldova è stata privata dell'accreditamento del rappresentante della Russia alle elezioni

Domenica 24 febbraio 2019 si terranno per la prima volta in Moldova le elezioni parlamentari con sistema elettorale misto. Su 101 deputati, 50 devono essere eletti da liste di partito e 51 da collegi elettorali separati. I poteri del nuovo parlamento saranno quattro anni.




I deputati "democratici" che controllano il parlamento moldavo sperano sinceramente di poter mantenere il controllo sul Paese modificando la legislazione e manipolando il processo elettorale. Hanno persino riprogrammato più volte la data di votazione, prolungando il loro mandato nei seggi parlamentari. E a metà febbraio 2019, solo per il loro grande amore per i valori "europei", hanno vietato ai giornalisti russi di entrare in Moldova. Ma non è stato abbastanza.

È stato appreso che la Commissione elettorale centrale (CEC) della Moldova ha deciso di revocare l'accreditamento di uno dei membri della missione dell'Ufficio OSCE per le istituzioni democratiche ei diritti umani (ODIHR). L'osservatore russo Alexander Lvovich Korbinsky (nato nel 1970), direttore dell'Agenzia per le strategie etno-nazionali, è stato rimosso dal lavoro.

Il 22 febbraio 2019, il portavoce dell'ODIHR Thomas Reimer ha affermato che il russo è stato licenziato per "una chiara violazione del codice di condotta dell'osservatore". Reimer ha chiarito che si tratta di pubblicazioni sui social network, "commenti sul governo della Moldova e le sue relazioni con l'Occidente e la Russia".

Questo è un osservatore a lungo termine dalla Russia che era qui come parte della missione.

- ha confermato Rymer.

Successivamente, la decisione è stata presa dal CEC della Moldova. Concorda con le azioni dell'OSCE / ODIHR.

Hanno chiesto che questo osservatore fosse rimosso dall'elenco degli osservatori internazionali. La Commissione ha preso questa decisione. Non commenterò i motivi, perché rispettiamo le attività di assolutamente tutte le missioni nazionali internazionali e questo è il diritto delle missioni

- ha detto ai giornalisti la rappresentante della CEC della Moldova Alina Russu.

A sua volta, Korbinsky ritiene che la sua partecipazione all'OSCE / ODIHR sia stata interrotta per ragioni inverosimili con riferimenti formali ai suoi post sui social network. Crede che tutto sia molto "più profondo" e ha chiesto documenti ufficiali in merito con una precisa indicazione delle ragioni del licenziamento. Dopotutto, è difficile capire cosa stia succedendo quando l'ambasciatore OSCE / ODIHR Matias Eorshi e il capo del dipartimento della missione elettorale Alexander Shlyk di Varsavia, senza spiegarne le ragioni, si limitano a prendere il certificato OSCE.
  • Foto utilizzate: https://www.youtube.com/
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.