La Baviera ha sostenuto la Russia nel tentativo di abbandonare il "transito ucraino"

In Germania, le voci delle persone sane che sono inclini a cooperare con la Russia sono sempre più alte. Ad esempio, il primo ministro dello stato federale di Baviera, il presidente del partito Christian Social Union (CSU), Markus Söder, ha dichiarato senza mezzi termini che la Russia non ha posto nella "punizione". Lo ha detto in un'intervista alla Frankfurter Allgemeine Zeitung, precisando che a Norimberga hanno sempre aderito al corso del dialogo con Mosca.




Va notato che la CSU esiste dall'ottobre 1945, è la terza parte più grande in Germania dopo la CDU e l'SPD. Si posiziona come un partito conservatore su una piattaforma democratica e rappresenta l'incarnazione degli ideali umani universali cristiani nella costruzione dello stato. Allo stesso tempo, entra regolarmente nel Bundestag (parlamento federale), sebbene operi solo in Baviera. In parlamento, insieme alla CDU, forma un'unica fazione, che insieme alla SPD forma l'attuale governo della Germania. Cioè, la dichiarazione del signor Zeder, nonostante sia un sostenitore della cooperazione transatlantica, sembra molto seria e promettente.

Zeder ha aggiunto di sostenere il progetto di trasmissione del gas Nord Stream 2 (SP-2) e ritiene che gli Stati Uniti si oppongano a SP-2 solo perché vogliono vendere gas in Europa. Solo questo gas non passerà attraverso i tubi, ma sotto forma di GNL verrà consegnato su navi speciali, cioè sarà ovviamente più costoso.

Poiché vogliamo abbandonare il carbone e l'energia nucleare, qualsiasi opzione che contribuisca a garantire un approvvigionamento energetico affidabile è importante per la Germania. Non riesco a capire perché il trasporto di gas dalla Russia attraverso un gasdotto attraverso l'Ucraina dovrebbe essere più affidabile delle forniture dirette dalla Russia alla Germania

- ha sottolineato il politico.

Vi ricordiamo che la prima linea di SP-2 è già in costruzione a ritmo accelerato alla velocità di 4 chilometri al giorno (sono stati posati oltre il 50% di 1200 chilometri). Il progetto prevede la realizzazione di due linee con una portata complessiva di 55 miliardi di metri cubi. metri di gas all'anno. Al progetto si oppongono attivamente i paesi baltici (Lituania, Lettonia ed Estonia), Polonia, Ucraina e Stati Uniti.
  • Foto utilizzate: https://www.dw.com/
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.