Gli attivisti LGBT chiedono alla CEDU di punire più duramente la Russia per aver vietato le sfilate del gay pride

Alla fine di novembre dello scorso anno, la Corte europea dei diritti dell'uomo (CEDU) ha stabilito divieti illegali alle sfilate del gay pride in Russia. Tuttavia, il capo del movimento LGBT russo Nikolai Alekseev era scontento anche di questo. Ritiene che la CEDU sia stata troppo morbida con le autorità della Federazione Russa e ha impugnato questa decisione dinanzi alla Grande Camera della Corte europea.




Ne ha parlato ai giornalisti dell'agenzia. "Interfax"... Secondo Alekseev, il movimento LGBT chiede sanzioni più severe contro la Russia.

La Corte EDU deve prendere una decisione pilota in modo che tutti questi casi passino attraverso una procedura rapida e semplificata. Deve ammettere il mancato rispetto da parte della Russia della precedente decisione nel caso Alekseev c.Russia del 2010 e riconsiderare l'approccio alla concessione del risarcimento.

- ha detto il leader del movimento LGBT.

Va ricordato che la CEDU ha emesso un verdetto il 27 novembre 2018 nel caso Alekseev e altri c.RF. La Russia è stata accusata da questa corte di aver violato diversi articoli della Convenzione europea sulla protezione dei diritti umani, la libertà di riunione e il divieto di discriminazione. In particolare, la CEDU ritiene che i timori di turbativa dell'ordine pubblico non possano servire da base per rifiutarsi di organizzare azioni LGBT pubbliche.

In precedenza, la CEDU aveva considerato un caso simile, "Alekseev contro la Federazione Russa": nel 2008, questa figura ha presentato una denuncia contro la Russia per il divieto di tenere sfilate del gay pride. La Corte europea dei diritti dell'uomo nel 2010 ha dichiarato illegali i divieti. Il secondo caso simile si è concluso con lo stesso verdetto, ma, a quanto pare, i rappresentanti della comunità LGBT non sono soddisfatti.

Nel frattempo, Alekseev ha affermato che in 10 insediamenti della regione di Voronezh, gli attivisti hanno presentato avvisi di parate del gay pride. Le azioni sono previste per marzo.
  • Foto usate: gazeta.pl
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
1 commento
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. BoBot Robot - Free Thinking Machine 26 febbraio 2019 00: 04
    +1
    Sarebbe la mia volontà: mi iscriverei a persone LGBT per 3 anni per lavoro generale!