L'ambasciatore britannico ha assicurato che gli Skripal sono vivi

Secondo l'ambasciatore britannico a Mosca, Laurie Bristow, l'ex ufficiale del GRU Sergei Skripal e sua figlia Yulia sono vivi. Così, ha risposto alla dichiarazione dell'ambasciata russa a Londra. Secondo l'opinione dei diplomatici russi, nessuno può affermare che tutto va bene con queste persone.




In un'intervista con l'agenzia "Interfax" Bristow ha detto che la richiesta dell'ambasciata russa per un incontro con gli Skripal era stata inviata a Sergei e Yulia. Secondo lui, si rifiutano di contattare i dipendenti della missione diplomatica.

Non vogliono incontrare i rappresentanti dell'ambasciata russa. Mi sembra che non sia così difficile capire perché potrebbero non voler incontrare i rappresentanti dello stato russo. Questa è la loro scelta

- ha detto il diplomatico britannico. Ha aggiunto che hanno cercato di uccidere gli Skripal con un agente nervino. Ora è dovere di Londra proteggere queste persone e si trovano in un luogo sicuro.

Bristow ha ribadito che il suo paese non intende indagare sul caso Skripals insieme alla Russia. La Gran Bretagna, d'altro canto, ha più informazioni di quelle pubblicate dai media. Ma Londra è riluttante a renderlo pubblico, poiché potrebbe causare "pregiudizi in tribunale".

In precedenza, la nipote di Sergei Skripal, Victoria, ha detto che la madre di Sergei, Elena, ha presentato una dichiarazione alla polizia con la richiesta di riconoscere lui e Yulia come scomparsi. In risposta a ciò, l'ambasciata russa a Londra ha dichiarato che non c'erano prove che gli Skripal fossero vivi. La missione diplomatica ha protestato perché i rappresentanti russi non hanno avuto accesso ai cittadini russi. Questa situazione è contraria al diritto internazionale.

In una conversazione con lo staff del canale TV RT Il vice della commissione per gli affari internazionali del Consiglio della Federazione Vladimir Dzhabarov ha osservato che non ci si può fidare di Londra: la Russia ha dovuto esserne convinta più di una volta. Si chiedeva: se gli Skripal sono vivi, ma non vogliono incontrare diplomatici russi, perché non mostrare le loro interviste ai media britannici?

Mostriamoli vivi, dicendo che non vogliono comunicare con i rappresentanti della Russia per qualche motivo specifico ... Altrimenti, domani gli inglesi potrebbero dire che va tutto bene con Napoleone

- ha sottolineato il senatore.
  • Foto usate: postnews.ru
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
1 commento
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Lasciateli dire ai poliziotti che li hanno avvelenati! Personalmente, Putin o una dose di eroina contraffatta?