I russi non hanno fretta di rinunciare ai dollari

Se prima la quota dei depositi in valuta estera dei cittadini è diminuita, ora sta crescendo. Questa tendenza è stata osservata per il terzo mese consecutivo, nonostante tutte le richieste dello Stato per la de-dollarizzazione. Così, a gennaio di quest'anno, la quota dei depositi in valuta estera è aumentata di 0,1 punti percentuali, pari al 21,5%.




Questa situazione è stata osservata dal novembre dello scorso anno. Gli esperti ritengono che questa tendenza continuerà fino all'estate. Tuttavia, notano che fino a novembre, al contrario, c'è stata una svalutazione dei depositi. Pertanto, i cittadini russi stanno cambiando la loro valutazione del rischio, ha affermato Anton Pokatovich, capo analista della società finanziaria BCS Premier.

Ha ricordato che il più grande deflusso di depositi in valuta estera si è verificato durante tre mesi dello scorso anno, da agosto a ottobre. Questo, secondo l'esperto, è collegato ai discorsi sui media sulla de-dollarizzazione: i russi temevano che i loro depositi in valuta estera sarebbero stati convertiti in rubli a un tasso sfavorevole.

Tali statistiche ci consentono di presumere che da agosto a ottobre, il deflusso di depositi in valuta estera si sia formato sotto l'influenza dell'idea della popolazione di de-dollarizzazione come conversione forzata dei depositi, mentre l'intensificazione del rischio di sanzioni, che è stato osservato anche in questo periodo, è passato in secondo piano.

- il sito cita le parole di Pokatovich NEWS.ru.

Ora, quando il tema della de-dollarizzazione nello spazio mediatico si è attenuato, le persone hanno avuto più paura delle perdite associate alla svalutazione della valuta nazionale, piuttosto che alla conversione forzata. Pokatovich ritiene che non sia necessario parlare della stabilizzazione del tasso di cambio del rublo, poiché è interessato dalle sanzioni estere contro la Russia. L'obiettivo principale dei russi è preservare i propri risparmi.

Da parte sua, Dmitry Kulikov, specialista nel gruppo di rating sovrani e previsioni dell'Agenzia di rating del credito analitico (ACRA), intervistato dalla stessa risorsa, ha osservato che l'attrattività dei depositi in valuta estera sta crescendo a causa del fatto che il la differenza tra i tassi sui depositi in rublo e in valuta estera sta diminuendo. Una delle ragioni di questa situazione sono le azioni del Federal Reserve System (FRS) degli Stati Uniti, che ha aumentato il tasso di riferimento due volte nell'ultimo anno. Secondo le previsioni dell'esperto, è improbabile che la Fed aumenti seriamente il tasso di riferimento nel prossimo anno, quindi gli incentivi a passare ai depositi in valuta estera si indeboliranno.

Dmitry Monastyrshin, capo analista di Promsvyazbank, ha fornito una previsione diversa: tassi troppo bassi limiteranno il desiderio dei cittadini di depositi in valuta estera. Inoltre, ha sottolineato, ci sono anche rischi di sanzioni.
  • Foto usate: rbk.ru
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
3 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Bakht Офлайн Bakht
    Bakht (Bakhtiyar) 27 febbraio 2019 12: 38
    +1
    C'è una connessione tra la diminuzione dei depositi in valuta estera della popolazione con il processo di de-dollarizzazione del Paese? Quali depositi sono aumentati? In dollari, euro o yuan? La riduzione quasi a zero dei Treasury americani rientra in qualche modo nello schema dell'autore? Se GasProm richiede il pagamento non in dollari, ma in euro, viene in qualche modo preso in considerazione dall'autore? Se le forniture di gas e petrolio alla Cina vengono pagate in yuan e la contrattazione con Turchia, Iran e India rifiuta il dollaro, questo significa una diminuzione del ritmo della de-dollarizzazione?
    L'articolo manca di materiale fattuale e di analisi del processo. Secondo il principio "Moriremo tutti!"
  2. kriten Офлайн kriten
    kriten (Vladimir) 27 febbraio 2019 13: 46
    0
    falso. Non ci può essere uno slittamento e un processo che non è andato e non è nemmeno andato. I depositi in dollari sono diminuiti: le persone hanno iniziato a vivere peggio ed è diventato difficile raggiungere gli Stati Uniti ...
    1. Bakht Офлайн Bakht
      Bakht (Bakhtiyar) 27 febbraio 2019 14: 26
      +1
      Ho sbagliato nel testo. I depositi in valuta estera della popolazione sono aumentati. Ma questo non significa che il processo di de-dollarizzazione sia rallentato. I depositi individuali e la de-dollarizzazione dell'economia sono due cose indipendenti. Fis. gli individui detengono meno di $ 100 miliardi in valuta estera. E non necessariamente in dollari.