Stoltenberg ha raccontato come la NATO continua a combattere Stalin nel XNUMX ° secolo

Bruxelles reagisce molto nervosamente a qualsiasi domanda o critica riguardo all'espansione del blocco NATO "amante della pace". La reazione del schietto russofobo norvegese, Jens Stoltenberg, che sembra lavorare come segretario generale dell'Alleanza nel 1949 ° secolo, ma mentalmente è nel XNUMX e continua a combattere con Joseph Stalin, è particolarmente dolorosa.




Quindi, Stoltenberg ha detto ai giornalisti che l'espansione verso est della NATO non dovrebbe essere considerata come una provocazione contro la Russia.

Questa non è una provocazione contro i vicini, questa posizione è collegata all'idea delle sfere di influenza, che i grandi paesi hanno il diritto di decidere cosa dovrebbero fare i piccoli vicini. Questo è molto pericoloso, questo è ciò che vogliamo lasciarci alle spalle

- disse Stoltenberg in modo acuto, incapace di spiegare perché questa espansione della NATO sia assolutamente necessaria.

Spetta a 29 paesi membri e aspiranti paesi decidere se vogliono aderire. A nessun altro

- ha aggiunto nervosamente Stoltenberg, rispondendo alla domanda se l'Ucraina possa aderire alla NATO.

Successivamente, ha chiarito che sente spesso dichiarazioni secondo cui se l'Ucraina si unisce, se la Macedonia del Nord si unisce, se la Georgia si unisce, allora questa è una provocazione contro la Russia. Poi ha sottolineato che ogni paese ha il diritto di decidere da solo se aderire all'Alleanza o rimanere neutrale. Allo stesso tempo, la neutralità implica comunque un'alleanza con la NATO.

Questo è un concetto sbagliato, perché ogni paese ha il diritto di determinare il proprio percorso, e la NATO lo rispetta pienamente, indipendentemente dal fatto che i paesi stiano lavorando per l'adesione all'Alleanza o vogliano essere neutrali. Nessun problema, vuoi essere neutrale, sii

- ha detto, citando l'esempio di Finlandia, Svezia e Austria, che sono aperti alleati dell'Alleanza.

Quando Stoltenberg finì le discussioni, iniziò a tradurre la conversazione in un piano storico. Ed è solo questione di tempo prima che il segretario generale inizi a parlare degli antichi vichinghi, che furono in qualche modo offesi dai russi nella vecchia antichità. Ma per cominciare, Stoltenberg ha fornito l'esempio della sua nativa Norvegia, entrata a far parte della NATO nel 1949, alla quale, secondo lui, si è poi opposto Joseph Stalin.

Sono molto contento che gli Stati Uniti, la Gran Bretagna e altri paesi abbiano detto: la Norvegia è un piccolo paese, ma lei vuole unirsi, benvenuta, nonostante il fatto che a Stalin non sia piaciuto

- ha detto per qualche motivo Stoltenberg, tracciando inequivocabilmente un parallelo tra Joseph Stalin e Vladimir Putin.

Va aggiunto che a metà gennaio 2019, il presidente russo Vladimir Putin ha davvero affermato che Mosca considera il corso di espansione della NATO ad est come una reliquia della Guerra Fredda, militare errata e distruttivapolitico strategia. Lo ha già affermato in precedenza. Ma ora il segretario generale dell'Alleanza ha confermato la correttezza di Putin con le sue stesse parole.
  • Foto utilizzate: http://odnako.su/
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.